Woody Allen e Soon-Yi Previn hanno rilasciato una dichiarazione in cui condanna il documentario “Allen Vs Farrow”

La scorsa notte, il primo di una serie di documentari in quattro parti, Allen vs Farrow , è andato in onda su HBO in modo così naturale, Woody Allen ha fatto la cosa giusta rimuovendosi dalla società e ha tranquillamente saltato la città sotto la copertura della notte per vivere un eremita in un , isola disabitata così nessuno avrebbe mai più bisogno di vederlo o sentirlo. La fine. Solo che, ovviamente (OVVIAMENTE!) Non è quello che è successo. Invece, lui e sua moglie Soon-Yi Previn hanno rilasciato una dichiarazione congiunta, condannando il progetto come un " lavoro di ascia pieno di falsità. "Purtroppo, nessuna fine è in vista.

Allen vs Farrow è una serie di documentari dei registi Amy Ziering e Kirby Dick il cui precedente documentario, On the Record , si concentrava sulle accuse di abuso contro Russell Simmons , e anche in onda su HBO. AvF presenta il racconto della figlia adottiva di Woody, Dylan Farrow , della presunta toelettatura e delle eventuali molestie che ha subito nel 1992 all'età di 7 anni. Presenta anche i ricordi della mamma di Dylan, Mia Farrow , di quel periodo. Christina Engelhardt appare anche nel doc e afferma di aver avuto una relazione sessuale con Woody, a partire da quando lei aveva 16 anni e lui 42 ed era ancora con Mia. Secondo The Hollywood Reporter :

Woody Allen e Soon-Yi Previn hanno rotto il silenzio su Allen v. Farrow della HBO, descrivendo la docuserie come un "lavoro di ascia pieno di falsità".

Allen v. Farrow presenta un accesso senza precedenti con Dylan e Mia Farrow, interviste di Fletcher e Daisy Previn (due dei figli di Mia con il suo defunto ex marito André Previn) e testimonianze degli amici della famiglia Farrow Casey Pascal e Priscilla Gilma, che confermano l'appropriato comportamento tra Allen e Dylan, allora bambino, che viene descritto dalla coppia madre-figlia.

Anche il fratello di Dylan e il fedele difensore Ronan Farrow è presente nel documento. Ecco la dichiarazione completa di Woody e Soon-Yi, tramite Variety :

“Questi documentaristi non avevano alcun interesse per la verità. Invece, hanno trascorso anni a collaborare di nascosto con i Farrow e i loro aiutanti per mettere insieme un lavoro di ascia pieno di falsità. Woody e Soon-Yi sono stati contattati meno di due mesi fa e hanno avuto solo pochi giorni per "rispondere". Ovviamente si sono rifiutati di farlo.

“Come è noto da decenni, queste accuse sono categoricamente false. Diverse agenzie hanno indagato su di loro in quel momento e hanno scoperto che, qualunque cosa Dylan Farrow potesse essere stato indotto a credere, non si era mai verificato alcun abuso. Purtroppo non sorprende che la rete che trasmetterà questo film sia HBO, che ha un contratto di produzione e rapporti commerciali con Ronan Farrow. Anche se questo pezzo di successo scadente può attirare l'attenzione, non cambia i fatti. "

OK, ma diventiamo reali. Woody ha avuto tutto il tempo (e un intero libro ) per rispondere alle accuse. In effetti, il documentario usa persino le sue stesse parole, sotto forma di estratti dal suo libro Apropos of Nothing , per aiutare a dipingere Woody come un mostro ridicolo, disgustoso e inappropriato. Quindi ha ragione su una cosa, questo documentario non cambia i fatti!

Pic: Wenn.com