“Una dose sprecata”. Nonno Basilio, vaccinato a 103 anni: terribili i reati sui social

Questo simpatico vecchietto che vedete nelle foto sotto, si chiama Basilio Pompei, ha 103 anni ed è un ex macellaio di Pontassieve originario della frazione di Sieci. Nonno Basilio, come veniva soprannominato, è uno dei 15 ospiti (sempre esito negativo) della RSA "Villa San Biagio" di Dicomano – gestita dal gruppo "Sereni Orizzonti" e ancora Covid free – vaccinati dalla task force il 5 gennaio del quartiere Borgo San Lorenzo dell'ASL del Mugello. Sette dosi avanzate di vaccino sono state quindi inoculate ad altrettanti operatori della struttura.

Per nonno Basilio il richiamo atteso è fissato per tutti il ​​26 gennaio. A 103 anni, dopo aver vissuto gli orrori della guerra, è stato vittima degli attacchi di alcuni haters sui social network. Come riporta La Repubblica, è accusato di essere "troppo vecchio per essere immunizzato". Personaggio noto della zona, nonno Basilio è l'unico protagonista superstite del documentario "Nelle mani dei barbari" proiettato qualche tempo fa nella Sala Consiliare del Comune di Pontassieve. (Continua a leggere dopo la foto)

Basilio fu infatti uno dei tanti soldati italiani catturati, rastrellati e deportati nei territori del Terzo Reich nei giorni successivi all'annuncio dell'armistizio dell'8 settembre 1943. Rinchiuso per due anni in un accampamento polacco, riuscì a tornare a casa solo al termine di un lungo e ardito viaggio. (Continua a leggere dopo la foto)

Sul suo racconto ha scritto anche il libro di memorie "Diari di guerra e di prigionia" insieme ai compagni di sventura Elio Materassi e Antonio Ponzalli. Ma la vera domanda che ognuno di noi dovrebbe porsi è: quanto vale una vita? Possibile che nel mondo e in Italia ci siano persone più giovani e più sane che vorrebbero chiedere una dose di vaccino prima di Nonno Basilio? (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}
In un pianeta ormai completamente capitalista e dove tutto ruota intorno all'economia, infatti, non è una novità che si pensi prima al proprio 'cortile' ancor prima di chi ha lottato per questo Paese, ma anche a chi semplicemente ha un'età "un po 'troppo avanzata". Ancora un altro peccato, lascia che te lo diciamo.

Potrebbe interessarti anche: "Con lui accanto a te …". C'è Mail for You, lascia il marito per un altro uomo: la decisione dei bambini divide lo studio

L'articolo "Una dose sprecata". Nonno Basilio, vaccinato a 103 anni: le offese sui social sono terribili arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)