Una coppia neurodivergente organizza un matrimonio sensoriale così carino e rilassato da far sì che le persone si chiedano se non dovrebbe essere la norma

Sposarsi può essere stressante. Non solo devi assicurarti che ci sia cibo a sufficienza per tutti (considerate tutte le allergie) o che la disposizione dei posti a sedere sia a prova di proiettile, ma devi anche calmare i nervi prima di dire il grande "Lo voglio!" Non c'è da stupirsi, quindi, che il matrimonio sia considerato uno dei primi 10 eventi della vita più stressanti, stretto tra gravi problemi di salute e il licenziamento dal lavoro.

Tuttavia, prova a immaginare come deve essere questo giorno speciale per una persona con disabilità sensoriali (ad esempio, vista/udito sensibile, ADHD o disturbo dello spettro autistico) e il giorno del matrimonio tradizionale si trasforma improvvisamente in un campo minato pieno di potenziali fattori scatenanti.

Di fronte a questo enigma psicologico lei stessa, l'utente di TikTok Ramona "Mona" Jones ( @monalogue ), a cui è stato diagnosticato l'autismo un anno fa, ha condiviso come lei e suo marito Aaron, che ha l'ADHD, hanno preparato un matrimonio sensoriale che non sarà solo ricordati dagli sposi novelli e dai loro cari; ma anche da quasi 3 milioni di persone su TikTok che hanno reso virale il matrimonio di Mona.

Un video di Ramona e Aaron Joneses, una coppia neurodivergente con diagnosi di autismo e ADHD, è diventato virale dopo aver condiviso il loro matrimonio "sensibile" su TikTok

Crediti immagine: monologo

Per sapere come questa coppia neurodivergente sia riuscita a portare a termine uno dei matrimoni più memorabili e intricati dell'anno, abbiamo contattato Ramona Jones, l'autrice del video virale e creatrice di contenuti " cottagecore ". Una delle cose che ha ispirato Mona e Aaron ad intraprendere questo progetto Brobdingnagian, come se perfezionare un matrimonio tradizionale non fosse già abbastanza impegnativo, è stata la mancanza di esperti di montaggio pronti ad aiutare.

"Non c'erano molti wedding planner che offrissero servizi di preparazione sensibili ai sensi", ha detto Jones a Bored Panda . "Inoltre, avevo un po' paura di usarne uno perché temevo di dover spiegare loro troppe cose e se non capiscono o sbagliano tutto, potrebbe essere dannoso".

Prima di passare alla storia principale, volevamo scoprire come Mona e Aaron si sono conosciuti. Ha rivelato che la loro storia è iniziata quando avevano solo 15 anni, solo due anni prima di stare insieme per metà della loro vita. “Ho parlato a malapena quando avevo quindici anni. Ma anche Aaron era molto timido”, ha ricordato Jones.

Se non fosse stato per il loro amico comune, il sensale responsabile dell'organizzazione del loro primo incontro e dell'aiuto a far fronte a un'ondata di nuove emozioni, la loro storia d'amore avrebbe potuto essere diversa. “Come la maggior parte delle persone con diagnosi di autismo, non sono molto bravo a capire come si sentono le altre persone. Quindi avere questo amico che mi scrive e dice: 'Gli piaci davvero. Non mollare con lui!' e poi manda un messaggio ad Aaron dicendo: "Le piaci di nuovo", è stato di grande aiuto", ha spiegato Jones.

E il resto, come si suol dire, è storia. "Abbiamo fatto clic all'istante perché eravamo entrambi questi ragazzi emarginati goffi. E quando trovi qualcuno come te, è semplicemente naturale, adorabile e piuttosto speciale".

A causa delle loro condizioni, la coppia ha dovuto trovare la giusta cornice e prendere precauzioni insolite

Crediti immagine: monologo

Crediti immagine: monologo

Crediti immagine: monologo

Come familiarizzare in anticipo con il luogo e tagliare fuori tutto ciò che potrebbe causare un sovraccarico sensoriale non necessario

Crediti immagine: monologo

Crediti immagine: monologo

Crediti immagine: monologo

Crediti immagine: monologo

Capire quanto puoi gestire e dove posizionarti per evitare un tracollo psicologico è stata una parte importante della preparazione

Crediti immagine: monologo

Gli ospiti all'inizio l'hanno trovato strano, ma poi hanno iniziato ad apprezzare la loro celebrazione simile a un picnic, ha rivelato la coppia

Crediti immagine: monologo

Crediti immagine: monologo

@monalogue Come abbiamo avuto un matrimonio sensoriale ❤ #matrimonio #actuallyautistic #actuallyautistictiktoks #neurodivergent #coppie #autismo #adhd Battiti cardiaci – Jose Gonzalez

L'autore del virale TikTok ha poi spiegato alcune cose che non sono state incluse nel video

Mona afferma di aver avuto l'idea di condividere il loro matrimonio su TikTok, che ad oggi ha più di 16 milioni di visualizzazioni – una piccola parte rispetto ai 75 milioni di persone nel mondo a cui è stato diagnosticato l'autismo – perché voleva trovare fuori se ci sono altre persone come lei che hanno avuto la stessa esperienza. "A quel tempo, ho pensato: 'Se mi farò dei nuovi amici che hanno provato lo stesso, sarebbe bello", ci ha detto Jones.

Non sapeva che il video del loro matrimonio sarà visto da milioni di persone in tutto il mondo, molti dei quali sono in grado di relazionarsi con le sfide presentate dal sovraccarico di attività neurologiche richieste dalle tradizionali cerimonie matrimoniali. "All'inizio ero davvero spaventato – non mi aspettavo che andasse completamente fuori di testa come è successo!" Mona ha rivelato. Ammette di aver dovuto prendersi una pausa da TikTok dopo aver visto la popolarità guadagnata dal suo video. “Molte persone mi hanno fatto sentire meglio con i loro commenti dicendo cose davvero gentili e incoraggianti. Ma non sapevo come elaborare tutto. Quindi ho preso una piccola pausa e ho controllato di nuovo una settimana o giù di lì.

Parlando dell'effettiva preparazione per la celebrazione sensoriale, Mona afferma che le sue precedenti esperienze ai matrimoni di amici hanno agito come una sorta di progetto che l'ha aiutata a superare questa sfida. E una delle cose per cui Mona capì immediatamente di dover trovare una soluzione era il rumore. “La musica è così forte ai matrimoni. Onestamente, non capisco perché la gente lo trovi bene", ha detto. Per evitare il sovraccarico sensoriale causato dal trambusto dei suoni forti che bombardavano da ogni direzione – "gli ospiti che chiacchierano in sottofondo, loro usando posate o bicchieri tintinnanti" – Aaron e Mona hanno deciso di utilizzare dei tappi per le orecchie che hanno indossato fino al fine del giorno del loro matrimonio.

L'obiettivo principale della loro vasta e completa preparazione era di essere presenti al momento delle loro promesse nuziali. Qualcosa che Mona ha trovato estremamente difficile. “Non mi piace il contatto visivo e sicuramente non mi piace baciare di fronte ad altre persone. Quindi per tutto il tempo mi sono sentito male", ha rivelato Jones, aggiungendo che la cerimonia le è sembrata "davvero estranea". E anche se non hanno avuto un tracollo non appena hanno finito con i loro voti nuziali è stata una grande vittoria per Mona; ciò che contava di più per lei era essere presente e vedere il suo partner divertirsi. "Penso che ad Aaron sia piaciuto molto e questo è stato davvero importante per me".

Il video del matrimonio di Mona è stato accolto con un sostegno impressionante da migliaia di persone con varie disabilità sensoriali

Come ha mostrato l'ondata di simpatiche risposte ricevute dal video di Mona, ci sono migliaia e migliaia di persone con autismo diagnosticato che si sentono sopraffatte solo al pensiero della tradizionale cerimonia del matrimonio. "Ero molto consapevole che probabilmente avrei finito per fissare attraverso i miei occhi il mio matrimonio, separato da esso da strati e strati di vetro", ha scritto Joanna Grace, una donna autistica diagnosticata in età adulta, nella rivisitazione del suo matrimonio Esperienza.

Proprio come Mona, Grace, specialista in coinvolgimento sensoriale e inclusione, nonché autrice di "The Subtle Spectrum", era molto consapevole del fatto che uno dei giorni più felici della sua vita avrebbe potuto essere ugualmente a disagio. "Se fossi una persona normale, probabilmente starebbe guardando il ricevimento di nozze e penserebbe: 'Come sarà nelle mie foto?' Grace ha detto a Bored Panda. “Beh, le persone come me hanno bisogno di conoscere anche tutte le altre parti. Devo sapere dove parcheggierò la mia macchina. O come appare la porta attraverso la quale entrerò, tutti i pezzi che non sono glamour e divertenti. Ma avere tutto quel viaggio nella mia testa da cima a fondo mi ha davvero aiutato.

Una delle cose che sia Mona che Joanna consigliano agli altri a cui è stato diagnosticato l'autismo e pensano di sposarsi è essere onesti con gli altri. “Se sei una persona autistica che è dal lato sensibile, ho trovato utile far sapere alle persone cosa posso e cosa non posso gestire. L'ultimo matrimonio a cui sono andato, ad esempio, ho spiegato alla mia amica che faccio davvero fatica con le cerimonie nuziali", ha spiegato Jones. “Le ho detto: 'C'è una possibilità che io possa fare solo la cerimonia e non significa che non ti amo. Sto facendo del mio meglio ed è tutto ciò che posso gestire'”. Alla fine, anche se Mona è scappata subito dopo che la sua amica ha detto “Lo voglio”, la sposa è stata grata per la spiegazione delle sue condizioni.

Mona spera che il suo video porti maggiore attenzione alle celebrazioni sensibili ai sensi e ai modi in cui i matrimoni potrebbero essere abituati a persone con altre condizioni neurologiche. “Penso che ci sia bisogno di molta più inclusività nei matrimoni per tutti i tipi di disabilità, non solo per l'autismo. Sarebbe una cosa così incredibile”.

Il post di una coppia neurodivergente organizza un matrimonio sensoriale così carino e rilassato che ha fatto sì che la gente si chiedesse se non dovrebbe essere la norma è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)