Un politico ungherese anti-gay si è dimesso dopo essere stato sorpreso a una gang bang di 25 uomini in Belgio

Un altro bigotto anti-gay si è rivelato un omosessuale furioso ma è stato beccato con qualcosa di più che i suoi pantaloni abbassati. È stato scoperto che un politico ungherese di nome Jozsef Szajer infrange le regole di quarantena del coronavirus partecipando a un'orgia di 25 uomini. È stato scoperto dopo aver tentato di scappare arrampicandosi fuori da una finestra come qualcosa del più strano episodio di Benny Hill di sempre.

Business Insider afferma che Josef Szajer era un membro del Parlamento europeo in rappresentanza del partito Fidesz del primo ministro ungherese Viktor Orban . Ma si è dimesso dopo che la polizia ha interrotto un'orgia gay a cui avrebbe partecipato venerdì scorso a Bruxelles. Jozsef, che ha contribuito a riscrivere la costituzione ungherese per definire il matrimonio come tra un uomo e una donna, ha ammesso di aver infranto le rigide regole del blocco del Belgio partecipando a una festa sessuale di 25 uomini. Una fonte della polizia belga ha spiegato al quotidiano locale La Dernière Heure :

"Abbiamo interrotto una gang bang."

Quando il coronavirus è finito, uno studio porno ha assolutamente bisogno di trasformare quella citazione in una serie.

Gli ufficiali sono stati chiamati alla festa dopo aver ricevuto denunce di "disturbo notturno". L'ufficio del pubblico ministero ha detto che quando le autorità sono arrivate hanno catturato Jozsef mentre usciva da una finestra del primo piano ed è stato visto scappare . Bene, sappiamo che Jozsef era probabilmente uno dei migliori in quell'orgia. Perché se fosse un passivo non so come avrebbe avuto la forza della parte inferiore del corpo rimanente per arrampicarsi fuori da una finestra dopo un'orgia di 25 uomini. Le autorità hanno anche trovato narcotici negli effetti personali di Jozsef, ma lui afferma di non aver assunto droghe. L'ufficio del pubblico ministero ha dichiarato:

“Un passante ha riferito alla polizia di aver visto un uomo fuggire lungo la fogna; è stato in grado di identificare l'uomo. Le mani dell'uomo erano insanguinate. È possibile che sia stato ferito durante la fuga. Nel suo zaino sono stati trovati degli stupefacenti. L'uomo non è stato in grado di produrre alcun documento di identità. È stato scortato al suo luogo di residenza, dove si è identificato come SJ (1961) per mezzo di un passaporto diplomatico ".

Jozsef ha cercato di spiegare l'orgia come una "festa privata" e si è scusato. Ha anche negato di aver usato la sua posizione diplomatica per uscire dai guai e ha affermato di aver detto solo di essere un membro del Parlamento europeo come mezzo per identificarsi:

“Dopo che la polizia ha chiesto la mia identità – poiché non avevo la carta d'identità – ho dichiarato di essere un eurodeputato… La polizia ha continuato il processo e alla fine ha emesso un avvertimento verbale ufficiale e mi ha trasportato a casa. Sono profondamente dispiaciuto di aver violato le restrizioni Covid, è stato irresponsabile da parte mia. Sono pronto a sostenere la multa che si verifica. "

Anche Jozsef è sposato, ovviamente con una donna, e i due hanno una figlia adulta. Si è scusato con tutti per le sue dimissioni e ha chiesto che non lo giudicassero su un momento di omosessualità e si concentrassero invece sui suoi trent'anni di omofobia. Scherzando, non proprio, tramite Queerty:

“Chiedo scusa alla mia famiglia, ai miei colleghi, ai miei elettori. Chiedo loro di valutare il mio passo falso sullo sfondo di trent'anni di lavoro devoto e duro. Il passo falso è strettamente personale, io sono l'unico che ne deve la responsabilità. Chiedo a tutti di non estenderlo alla mia patria o alla mia comunità politica ".

Questa è una storia vecchia come il tempo, ma almeno Lady G ora sa che se mai dovesse partecipare a una grande orgia gay, dovrebbe tenere uno sgabello vicino alla finestra e avere un'auto per la fuga che aspetta fuori.

Pic: YouTube