Tony Shalhoub pensa alla critica di Sarah Silverman agli attori non ebrei che interpretano ruoli ebraici

Quando è stato annunciato il mese scorso che Kathryn Hahn avrebbe recitato nei panni della defunta grande Joan Rivers in un film biografico di Showtime sulla sua rinascita della carriera negli anni '80, è sembrato che l'intero Internet emettesse un sussulto collettivo di gioia. Ma non è così! Sarah Silverman , una comica che è anche una donna ed ebrea, non era esattamente entusiasta di vedere una comica ebrea interpretata da un gentile. In effetti, Sarah non è sicura che attori non ebrei dovrebbero interpretare personaggi ebrei, tanto per cominciare. Bene, una persona che vorrebbe essere rispettosamente in disaccordo con Sarah è Tony Shalhoub , un esempio di ciò di cui sta parlando Sarah.

Kathryn Hahn ha già interpretato una persona ebrea. Ha interpretato un rabbino in Transparent . Ma no, non è ebrea. Lo stesso vale per Tony Shalhoub, che ha interpretato il padre della signora Maisel, Abe Weissman, in The Marvelous Mrs. Maisel per tre stagioni. Nel 2019, Tony ha vinto il Primetime Emmy come miglior attore non protagonista in una serie comica. Ma è ebreo quanto la signora Maisel . L'anno scorso, Sarah Silverman è apparsa al The Howard Stern Show e ha chiesto perché ci fossero così tante attrici non ebree che interpretavano personaggi ebrei. E dopo che è stato annunciato che Kathryn Hahn è stata scelta per il ruolo di Joan Rivers, Sarah ha deciso di riaprire quella conversazione. Sarah ne ha parlato in un recente episodio del suo podcast, The Sarah Silverman Podcast , un enigma che lei chiama " Jewface ". tramite pagina sei :

“Si potrebbe obiettare, per esempio, che un gentile che interpreta correttamente Joan Rivers farebbe ciò che in realtà viene chiamato 'Jewface'. È definito come quando un non ebreo ritrae un ebreo con l'ebraicità davanti e al centro, spesso con il trucco o il cambio di lineamenti, un grosso naso finto, tutte le inflessioni newyorkesi o yiddish. E in un momento in cui l'importanza della rappresentazione è vista come così essenziale e così in primo piano, perché la nostra viene costantemente violata anche oggi nel mezzo di essa?"

Se chiedi a Tony Shalhoub – di nuovo, non un ebreo ma una persona che interpreta gli ebrei – dei commenti di Sarah, probabilmente le dirà di rilassarsi, è solo recitazione. Tony dice a Page Six :

“Ho sempre la sensazione che siamo attori. Siamo stati addestrati a – almeno lo ero – a non interpretare me stesso, a interpretare personaggi e quindi è preoccupante per me che siano attori limitanti. Non lo so. Se iniziamo a percorrere quella strada, non so dove finisce. Le persone che sono membri della mafia, saranno sconvolte dal fatto che persone che non hanno effettivamente commesso quei tipi di crimini stiano giocando quei ruoli? Quando lo estrapoli fino in fondo, si trova il caos completo.

Tony non sa dove finisce quella strada, ma Tony dovrebbe sapere che questa strada è stata già percorsa. Come molte volte le persone hanno deciso di discutere se solo gli attori gay dovrebbero interpretare ruoli gay , o se gli attori trans dovrebbero essere quelli che interpretano ruoli trans . Si potrebbe obiettare che ogni volta che hai a che fare con un gruppo di persone che sono state deliberatamente escluse da Hollywood, o ridotte a stereotipi dannosi, questo forse rende la conversazione un po' più profonda di un'ipotetica sulla rappresentazione della mafia.

Tutto quello che so per certo è che Tony Shalhoub ha sicuramente un alleato che probabilmente lo ha chiamato subito e ha convalidato la sua teoria secondo cui gli attori possono interpretare qualsiasi personaggio. “ Ciao Tony? Questo è ScarJo. Mi sono piaciuti molto i tuoi commenti sulla recitazione. È proprio come ho sempre detto, dovrei essere in grado di interpretare qualsiasi ruolo, sai? A proposito, dimmi se posso usare il tuo nome come riferimento la prossima volta che avrò un ruolo che probabilmente non dovrei assumere ".

Foto: Wenn.com