Time Mag annuncia il loro primo “Kid of the Year”, uno scienziato di 15 anni

Giuliani parla ai media

È la stagione delle liste di People of the Year, e non vedevo l'ora di vedere chi Time Magazine avrebbe nominato la Persona dell'anno 2020. La mia ipotesi è Joe Biden o "operatori sanitari / lavoratori Covid in prima linea". Time Magazine non lo ha ancora annunciato (ovviamente), ma stanno rilasciando alcune delle loro altre copertine POTY e hanno creato una nuova categoria: Kid of the Year. Che è davvero fantastico! Il primo Time Mag Kid of the Year è Gitanjali Rao, una scienziata ragazza indiana-americana di 15 anni che guida i bambini per essere coinvolti nella risoluzione dei problemi scientifici del mondo reale e risolve molti problemi da sola. Vive in Colorado e si occupa di tutto, dalla codifica all'acqua contaminata alla dipendenza da oppioidi. Hanno convinto Angelina Jolie a fare un'intervista Zoom con Gitanjali ed è stato molto dolce – puoi leggere l'intero pezzo qui . Alcuni punti salienti:

ANGELINA JOLIE: Quando hai saputo che la scienza era una tua passione?
GITANJALI RAO:
Mi sento come se non ci fosse davvero un momento specifico aha. Sono sempre stato qualcuno che voleva mettere un sorriso sul volto di qualcuno. Quello era il mio obiettivo quotidiano, solo per rendere felice qualcuno. E presto si è trasformato in, come possiamo portare positività e comunità nel luogo in cui viviamo? E poi, quando ero in seconda o terza elementare, ho iniziato a pensare a come possiamo usare la scienza e la tecnologia per creare un cambiamento sociale. Avevo circa 10 anni quando ho detto ai miei genitori che volevo fare ricerche sulla tecnologia dei sensori di nanotubi di carbonio presso il laboratorio di ricerca sulla qualità dell'acqua di Denver, e mia madre ha detto, "A cosa?" [Nota del redattore: sono molecole cilindriche fatte di atomi di carbonio che sono molto sensibili ai cambiamenti chimici, e quindi sono utili per rilevare le sostanze chimiche nell'acqua, tra gli altri usi.] Era proprio quel fattore di cambiamento di, sai che questo lavoro sta per essere nelle mani della nostra generazione molto presto. Quindi se nessun altro lo farà, lo farò io.

AJ: Lo adoro. Gran parte di quello che la mia generazione dovrebbe fare è assicurarci di fare il minor danno possibile per garantire che la prossima generazione possa prendere l'iniziativa … So che una delle tue ultime innovazioni aiuta a prevenire il cyberbullismo. Puoi parlarmene?
GR:
È un servizio chiamato Kindly – c'è un'app e un'estensione per Chrome – che è in grado di rilevare il cyberbullismo in una fase iniziale, sulla base della tecnologia dell'intelligenza artificiale. Ho iniziato a codificare alcune parole che potrebbero essere considerate bullismo, quindi il mio motore ha preso quelle parole e ha identificato parole simili. Digiti una parola o una frase ed è in grado di raccoglierla se si tratta di bullismo e ti dà la possibilità di modificarla o di inviarla come è. L'obiettivo non è punire. Da adolescente, so che gli adolescenti a volte tendono a scatenarsi. Invece, ti dà la possibilità di ripensare a ciò che stai dicendo in modo da sapere cosa fare la prossima volta.

AJ: Quindi lo metti sui telefoni dei tuoi figli?
GR:
Sì. Ho pubblicato un sondaggio per genitori, insegnanti e studenti e onestamente mi aspettavo che gli studenti non volessero essere microgestiti.

AJ: Esatto. I miei figli dicevano: "Non toccare il mio telefono, lo farò da solo".
GR:
No, esattamente, è così che sarei. Ma molti adolescenti mi dicevano che, sai, non sembra che io sia microgestito; sembra che mi venga data l'opportunità di imparare dai miei errori. Quindi questo è ciò di cui ero eccitato, che hanno capito qual era l'obiettivo.

AJ: Il modo in cui parli della tecnologia come strumento per ricordare alle persone e aiutarle a crescere sembra una cosa molto nuova e diversa. È così eccitante avere un inventore giovane e femminile così lungimirante. Questo ti influenza in qualche modo? È sorprendente perché penso che le donne siano brillanti, ma ci sono così poche donne nei campi della scienza e della tecnologia.
GR:
Non sembro il tuo tipico scienziato. Tutto quello che vedo in TV è che è un uomo più anziano, di solito bianco come scienziato. È strano per me che fosse quasi come se le persone avessero assegnato ruoli, riguardanti il ​​loro genere, la loro età, il colore della loro pelle. Il mio obiettivo si è davvero spostato non solo dal creare i miei dispositivi per risolvere i problemi del mondo, ma ispirare anche gli altri a fare lo stesso. Perché, per esperienza personale, non è facile quando non vedi nessun altro come te. Quindi voglio davvero diffondere quel messaggio: se posso farlo, tu puoi farlo e chiunque può farlo.

AJ: Sai, una delle cose che hai sottolineato che è così importante è che c'è così tanto che puoi essere sopraffatto. Quando ho iniziato a lavorare nei campi profughi, c'erano così tanti problemi diversi da affrontare in una situazione di sfollati. Ti senti sopraffatto e non ti muovi davvero. Mi piace quello che dici: trova ciò che ti appassiona e non cercare di risolvere tutto. Ogni soluzione fa parte del quadro più ampio di ciò che dobbiamo fare. Lo sento davvero e apprezzo che tu lo abbia detto. Dove prendi le tue notizie o fai le tue ricerche?
GR: La
mia notizia sulla cultura pop è in realtà MIT Tech Review. Lo leggo costantemente. Penso che sia proprio lì che l'ispirazione colpisce: ascoltare tutte queste persone fantastiche in scuole come il MIT e Harvard che stanno facendo un lavoro così straordinario con la tecnologia. E cerco di ricollegarlo a ciò che vedo là fuori e di metterlo insieme in un modo che nessuno ha visto prima.

[Dal momento]

Angelina era così entusiasta di parlare con Rao! Angelina è rimasta seriamente colpita, come me. Questa ragazzina governerà il mondo, è un piccolo genio e spero che nessuno smorzi il suo spirito o cerchi di spingerla in una scatola dove non può esplorare tutti i suoi interessi. Questo bambino legge MIT Tech Review! Mio Dio. Voglio essere la sua bella zia indiana. Direi "metti giù il microscopio, ti porto al cinema e andiamo a prendere un gelato". Ma probabilmente scoprirà come curare il cancro mentre guarda un film Marvel o qualcosa del genere.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da TIME (@time)