Strage di Erba, per Olindo e Rosa è davvero finita. La notizia gela la coppia romana

Scontano l'ergastolo per l'omicidio di quattro persone, compreso un bambino di due anni. Rosa Bazzi e Olindo Romano sono stati i protagonisti della strage di Erba, uno degli eventi più violenti della cronaca italiana. Il 3 maggio 2011 la Suprema Corte di Cassazione di Roma ha finalizzato la sentenza che ha riconosciuto i coniugi Romano come autori della strage, già condannati all'ergastolo con isolamento diurno per tre anni il 26 novembre 2008 dalla Corte d'Assise di Como . .

Secondo quanto ricostruito, marito e moglie hanno ucciso Raffaella Castagna, suo figlio Youssef Marzouk, sua madre Paola Galli e la vicina Valeria Cherubini con coltello e barra. Il marito di quest'ultimo, Mario Frigerio, colpito con uno squarcio alla gola e creduto morto dagli aggressori, è riuscito a salvarsi grazie ad una malformazione congenita della carotide. La strage è avvenuta in casa di Raffaella Castagna, in una corte ristrutturata nel centro del paese. L'appartamento è stato incendiato subito dopo l'esecuzione del delitto. (Continua a leggere dopo la foto)

I difensori della coppia – Fabio Schembri e Luisa Bordeaux – hanno da tempo insistito sull'analisi di alcuni accertamenti che, a loro avviso, non erano stati presi in considerazione nelle indagini e il 17 novembre si è tenuta l'udienza davanti alla Corte di Cassazione, in cui la due avvocati hanno chiesto nuovamente l'esame di questi reperti. Gli avvocati Schembri e Bordeaux hanno inoltre rinnovato la richiesta di accesso ai server della Procura della Repubblica di Como per avere accesso a tutte le intercettazioni telefoniche e ambientali. L'obiettivo dei difensori di Olindo Romano e Rosa Bazzi era arrivare a presentare istanza per la revisione del processo ma in udienza di due giorni fa la prima sezione penale della Cassazione ha detto no all'analisi dei reperti. (Continua a leggere dopo la foto)

"Questa analisi è stata finalizzata ad analizzare reperti che non sono mai stati analizzati, per noi è una valutazione tecnica significativa, andremo comunque avanti e presenteremo una richiesta di revisione a Brescia", ha detto ad Adnkronos l'avvocato Fabio Schembri dopo il rigetto del Corte suprema che ha detto no all'analisi dei nuovi ritrovamenti. Adesso per la coppia romana forse è davvero finita. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

«Adesso attendiamo il deposito delle motivazioni del Tribunale – dice all'AGI l'avvocato Fabio Schembri – per vedere se in quelle i giudici indicheranno una possibile soluzione per analizzare questi rilievi. Vorremmo sapere una volta per tutte su quali 'armi' possiamo contare per chiedere la revisione su cui stiamo lavorando ”.

Covid, due regioni cambiano colore: passiamo all'arancione. La data sembra essere stata fissata

L'articolo Massacro di Erba, per Olindo e Rosa è davvero finito. La notizia che gela i coniugi Romano arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)