Simone Biles: ‘Non sono più una ragazzina. Dipende sicuramente da me’

Celebrazioni del Giorno del Re (Koningsdag) nei Paesi Bassi

Simone Biles copre l'ultimo numero di Glamour. Sarà su molte copertine di riviste e giornali nelle settimane e nei mesi a venire, a causa delle Olimpiadi di Tokyo ritardate dalla pandemia a luglio. Simone dovrebbe vincere medaglie d'oro in ogni categoria. Non lo sto dicendo per metterle pressione, lo sto dicendo come una dichiarazione di fatto su quanto sia avanti rispetto a ogni altra ginnasta al mondo. Molti dei profili pre-olimpici di Simone coprono le stesse cose, ma questo pezzo di Glamour è la prima cosa che ho letto in cui parla vagamente di come forse – forse!! – penserebbe di gareggiare a Parigi 2024. Avrebbe 27 anni durante le Olimpiadi di Parigi. Ciò la renderebbe una delle più vecchie concorrenti di ginnastica di tutti i tempi. È pazzesco, ma se lo sente, perché no? Puoi leggere l'intero pezzo di Glamour qui . Alcuni punti salienti:

Le Olimpiadi del 2020 in ritardo: “Ho avuto modo di elaborare tutte le emozioni. Devo passare attraverso l'essere arrabbiato, triste, turbato, felice, infastidito. Ho dovuto affrontare tutto da solo, senza che nessuno mi dicesse cosa provare". È diventata depressa. Pensò di smettere. Ma non durò a lungo. “Volevo arrendermi. Ma sarebbe stato stupido perché ho lavorato troppo duramente".

Come affronta tutta la pressione: “Probabilmente compartimentando. Cerco di non pensarci perché non posso permettermelo: se lascio che mi dominino, stanno vincendo".

La vita oltre la palestra: “Prima mi concentravo solo sulla palestra. Ma essere felice fuori dalla palestra è importante tanto quanto essere felice e fare bene in palestra. Ora è come se tutto stesse andando insieme". Parte di questo equilibrio include la cura di sé (bagni con il Dr. Teal's), mangiare cibo messicano ("Sono ossessionato dal formaggio, quindi comincio con queso e manzo"), rilassarsi con il suo ragazzo (la sicurezza di Houston Texans Jonathan Owens – loro incontrato su Raya), e cercando di trovare un hobby. "Sento che tutti dipingevano, lavoravano a maglia o facevano qualcosa di bello in quarantena, quindi ho pensato: 'Imparerò come truccarmi, i miei capelli e le mie unghie.' Mi sono quasi rovinato le unghie, quindi non è più permesso. Sono decisamente migliorato nel farmi i capelli, ma chiaramente non sono dotato in quel reparto, sto solo cercando di scoprire chi sono.

Sulla terapia: “Ho imparato che va bene chiedere aiuto se ne hai bisogno. Una delle primissime sessioni, non ho parlato affatto. Semplicemente non direi nulla. Ero tipo, 'Non sono pazzo. Non ho bisogno di essere qui.' Pensavo di riuscire a capirlo da solo, ma a volte non è così. E non è qualcosa di cui dovresti sentirti in colpa o vergognarti. Una volta superato questo fatto, mi sono davvero divertito e non vedevo l'ora di andare in terapia. È uno spazio sicuro».

È un'adulta: “Non sono più una ragazzina. Dipende sicuramente da me. Nessuno mi obbliga. Ogni volta che sei più giovane, ti senti come se fosse un lavoro e devi essere spinto. Ma ora è come, questo è quello che voglio fare, ecco perché sono qui.

Il GOATour: dopo i Giochi di Tokyo, Biles si occuperà del tour di ginnastica post-olimpionica, un evento che era stato storicamente prodotto da USAG. Il Gold Over America Tour (GOAT in breve, vedi cosa ha fatto lì?) Avrà un sacco di balli, musica e un cast che dà la priorità al divertimento rispetto alla superiorità tecnica. “Con quello che è successo con USAG, volevo solo che fosse completamente diverso, alle mie condizioni. E penso che sia molto potente. È un tour di sole ragazze per l'emancipazione delle donne. È stato un grande anno per le donne per parlare, e penso che sia bello continuare a far girare la palla su questo e far sentire le donne felici e ritrovare il loro amore e la loro passione per la ginnastica. So che gli uomini erano davvero sconvolti, ma è il mio tour".

La pensione?? Dopo due Olimpiadi, il piano era di riagganciare le sue impugnature. "Sono davvero entusiasta di vedere cosa c'è là fuori nel mondo e di vedere in cos'altro sono brava", dice. Ma la pensione potrebbe non essere per sempre. Le Olimpiadi di Parigi 2024 le stanno già dando fastidio. “I miei allenatori Cecile e Laurent sono di Parigi, quindi penso che sarebbe una buona corsa finire con loro lì. Vedrò dove andremo".

[Dal fascino]

Ho scherzato su "So che gli uomini erano davvero arrabbiati, ma è il mio tour". Lo adoro. Non sapevo che fosse a capo del tour post-olimpico e che ne avesse strappato il controllo all'USAG. Simone è l'unico sopravvissuto di Larry Nassar ad essere ancora una ginnasta competitiva e la voce di Simone che chiama le persone a rendere conto ha completamente cambiato la struttura di potere della ginnastica americana. Se Biles pensa che USAG si stia muovendo troppo lentamente, l'organizzazione ora deve muoversi al ritmo di Biles. Se lei dice che il tale ha permesso l'insabbiamento di Nassar, quella persona è sparita. Tuttavia, è così tanto da mettere sulle sue spalle e sente quel peso, quella responsabilità di usare la sua voce per ottenere giustizia e responsabilità.

Per quanto riguarda il resto, ha avuto così tanta pace ora che può allenarsi nella sua palestra di famiglia in Texas e può scegliere i suoi allenatori, routine e allenamento. Inoltre, ha più di una vita al di fuori della palestra. Lo amo per lei.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Glamour (@glamourmag)

Copertina e foto per gentile concessione di Glamour.