Si scopre che l'attore bambino che interpreta Danny in "The Shining" non aveva idea che stavano girando un film horror

Tutti hanno sentito parlare di "The Shining", se non del romanzo di Stephen King del 1977, quindi sicuramente del film horror di Stanley Kubrick. La storia si concentra su una famiglia che occupa un hotel storico isolato dopo che il padre (interpretato da Jack Nicholson) accetta di essere il guardiano fuori stagione di esso. Jack Torrance è accompagnato dalla moglie Wendy (Shelley Duvall) e dal figlio Danny (Danny Lloyd). Tutto sembra banale e calmo fino a quando una tempesta invernale lascia i Torrances innevati e Jack inizia a perdere la sanità mentale a causa delle forze soprannaturali che popolano l'hotel.

Il film è descritto come classico ed è ancora elencato come uno dei più iconici film horror psicologici nonostante sia stato rilasciato nel 1980. Anche a coloro che si sono dimenticati di "The Shining" è stato sicuramente ricordato quando il sequel, "Doctor Sleep", è caduto nelle sale questo autunno.

Nel documentario Stanley Kubrick: A Life in Pictures, Jack Nicholson ha descritto la collaborazione con il regista e la sfida. La sceneggiatura del film è stata costantemente cambiata al punto in cui Nicholson ha smesso di leggere le bozze, ci è voluto un anno per girare il film e, soprattutto, Kubrick si è opposto ai suoi attori e Kubrick e Duvall hanno discusso frequentemente. Il regista ha isolato intenzionalmente Duvall e l'ha costretta a eseguire 127 volte la faticosa scena della mazza da baseball. È stato riferito che dopo le riprese, Duvall ha presentato a Kubrick dei ciuffi di capelli che erano caduti a causa dell'estremo stress delle riprese.

Durante le riprese di "The Shining", Danny Lloyd non aveva assolutamente idea che dovesse essere un film dell'orrore

Crediti immagine: KubrickShining

Tuttavia, un attore è stato riparato non solo dagli shenanigans del regista, ma dall'intero punto del film. Danny Lloyd, che all'epoca aveva 6 anni, non aveva idea di girare un film horror.
Scelto per la sua capacità di mantenere la concentrazione per lunghi periodi, Lloyd è stato portato a credere che l'intero film fosse un film drammatico su una famiglia che vive in un hotel. Anche dopo che il film è finito, al ragazzo è stata presentata una versione modificata del film che ha tagliato tutti i pezzi spaventosi e cruenti. Immagina che colpo di scena è stato per lui realizzare la verità anni dopo!

Crediti immagine: KubrickShining

Non tutti i bambini attori, tuttavia, erano al riparo dagli orribili dettagli dei progetti

Crediti immagine: KubrickShining

Non è raro trattare i bambini attori che recitano in film horror in un modo simile, tuttavia a volte non c'è modo di aggirarli e gli attori bambini devono abbracciare i dettagli spaventosi dei film horror in cui si trovano. Mentre potrebbe sembrare cupo e deprimente, gli attori riferiscono di aver capito perfettamente che è tutto falso e riescono a divertirsi. In un'intervista a Cosmopolitan, Jodelle Ferland (che ha interpretato la spaventosa Alessa in "Silent Hill") ha affermato di sapere esattamente cosa stava succedendo. “Sia io che mia mamma sapevamo esattamente cosa stavamo facendo. Sono cresciuto sul set di film e lei sapeva che non mi avrebbe davvero influenzato, sapevo che era tutto finto. Se avessi mai dimostrato di sentirmi a disagio in qualche modo, allora l'avrebbe sicuramente fermato. Ma mi sono sempre divertito moltissimo ”, ha detto l'attrice. "Non sono mai stato spaventato da altre persone nel film al punto da avere paura reale, ma non hanno sempre usato la CGI in" Silent Hill ", quindi c'erano molte creature reali, che erano onestamente piuttosto terrificanti. È come quando vai in una casa stregata ad Halloween e, naturalmente, sai che nulla è reale, ma ciò non significa che non ti spaventi un po '. ”

Crediti immagine: sonypictures

Nella stessa intervista, Megan Charpentier, che recitava in "Mamma", ha detto che all'inizio era un po 'fuori di testa quando ha visto per la prima volta Javier Botet nel personaggio dopo averlo incontrato in precedenza e notare quanto fosse carino. "Abbiamo avuto una conversazione con lui in seguito, e ho ancora dovuto distogliere lo sguardo perché aveva un aspetto così spaventoso, ma alla fine è svanito", ha spiegato l'attrice.

Crediti immagine: universalpictures

Ecco come le persone hanno reagito alla storia di The Shining

(Fonte: Bored Panda)

Commenta su Facebook