Shock G of Digital Underground è morto

Non c'è modo più sicuro per organizzare una festa in casa a The Bay che lanciare un po 'di Digital Underground. Garantito: i ragazzi si faranno prendere i biscotti. Quindi oggi fa male. Soprattutto da dove sono seduto. La leggenda della Bay Area Shock G è morta alla dolorosamente giovane età di 57 anni.

Il rapper, all'anagrafe Gregory Jacobs , che ha esortato tutti a, rispettosamente, " Doowhutchyalike " , è stato trovato insensibile in una stanza d'albergo a Tampa, in Florida, secondo The San Francisco Chronicle . Nessuna causa ufficiale di morte è stata annunciata, ma è stato riferito che “ aveva lottato per anni con la tossicodipendenza. "Rapporti complessi :

Il mondo dell'hip-hop ha perso un'altra leggenda.

Giovedì notte, diversi punti vendita hanno riferito della morte del 57enne membro della Digital Underground Shock G, nome di nascita Gregory Jacobs. I dettagli della sua morte non sono stati rivelati; tuttavia, il co-fondatore di Digital Underground Chopmaster J ha confermato la tragedia in un post su Instagram.

Anche il padre di Shock G, Edward Racker, ha confermato la morte di suo figlio a TMZ, affermando che la causa della morte rimane poco chiara.

Dopo essersi trasferiti nella Bay Area negli anni '80, Shock G e Chopmaster J hanno formato la Digital Underground con Kenny-K. Il gruppo lasciò cadere il loro album di debutto in studio, Sex Packets , nel 1990, e avrebbe continuato a pubblicare altri cinque album nei successivi 18 anni, il più recente dei quali era del 2008 … Cuz a DU Party Don't Stop!

Sebbene Digital Underground abbia avuto un certo numero di successi nel corso dei decenni, il loro disco di maggior successo commerciale è stato "The Humpty Dance", che ha debuttato nell'estate del 1989. Shock G guida il singolo come suo alter ego "Humpty Hump" introdotto in "Doowutchyalike".

Oltre a fornire la voce per Digital Underground, Shock G è stato anche un prolifico produttore che ha lavorato con alcuni dei più grandi nomi della musica: Dr. Dre , KRS-One , Bobby Brown , Money-B e 2Pac. Quest'ultimo artista è apparso nella traccia del 1990 della Digital Underground "Same Song", che secondo quanto riferito ha segnato la sua prima strofa in una versione major.

Shock G era molto di più di quanto il suo sciocco alter ego Humpty Hump potrebbe far credere. La parola genio viene spesso lanciata in questi giorni senza riguardo al merito reale, ma il contributo di Shock G all'hip-hop non può essere sopravvalutato. Sì, ha presentato 2Pac al mondo, ma ha fatto molto di più. Secondo il New York Times :

Gli istinti musicali di Shock G sono stati forgiati da un'infanzia trascorsa in giro per il paese. Sua madre ha lavorato come produttore televisivo e suo padre ha lavorato come dirigente nella gestione del computer. Dopo che la coppia ha divorziato, "ho trascorso la mia maggior parte del tempo a Tampa, ma ho anche vissuto a New York, Philly e in California", aveva detto Shock G al Times. "Sono sempre stato appassionato di musica e ho suonato in gruppi che iniziano quando avevo 10 o 11 anni".

Sua nonna, Gloria Ali, era una pianista e cantante di cabaret ad Harlem negli anni '50. Gli ha insegnato a suonare "Round Midnight" al piano. Poi, quando l'hip-hop iniziò a prendere piede a New York alla fine degli anni '70, Shock G, che all'epoca viveva lì, ricordò: "Tutti i miei amici e io vendemmo i nostri strumenti per acquistare mixer e giradischi".

Shock G ha visto la musica come espansiva, inclusiva e sperimentale. "Il funk può essere rock, il funk può essere jazz e il funk può essere soul", ha detto al Times. “La maggior parte delle persone ha una lista di controllo di ciò che rende una buona canzone pop: deve durare tre minuti, deve avere un ritornello ripetibile e deve avere un gancio accattivante. Questo è ciò che rende la musica stantia. Diciamo "Fai ciò che ti fa sentire bene". Se ti piace per tre minuti, ti piacerà per 30 ".

Ecco alcuni tributi all'uomo che non era solo un re del consenso (come nel bellissimo e sincero Kiss You Back ), ma mi ha anche fatto riflettere due volte sul fatto di provare a usare il bagno al Burger King.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da DJ Fuze (@djfuze_du)

Gioia. Questa è la parola a cui continuo a tornare quando penso a Shock G e Digital Underground. La sua musica ha celebrato la gioia dell'hip-hop: la sua giovinezza, energia, spirito di collaborazione e rispetto per la musica che lo informa. E l'entusiasmo, la stupidità e il selvaggio abbandono con cui l'ha realizzato è il motivo per cui una canzone Digital Underground suona così fresca e divertente oggi come 30 anni fa. E questo rende la sua morte ancora più difficile da scoprire. Stai tranquillo adesso, Shock G. Spero che ci sia un Gutfest in Paradiso.

Pic: Wenn.com