Se 7 iconici registi cinematografici come David Lynch hanno progettato uffici domestici

Poiché la seconda ondata di blocchi sembra imminente o è già in corso, il lavoro da casa riprende per molti impiegati in tutto il mondo. Pertanto, pensare al proprio lavoro da casa (in breve, WFH) diventa sempre più importante. La prima ondata ci ha insegnato molto su come improvvisare uno spazio di lavoro, ma per la seconda ondata, possiamo guardare e cercare come migliorare lo spazio di lavoro del nostro ufficio a casa. Senza idee? Non preoccuparti, perché Budget Direct ti ha coperto.

Come la maggior parte di noi, probabilmente hai avuto la possibilità di guardare un sacco di film di registi famosi nel corso di questo anno tumultuoso. Potresti aver notato quanto sia distinto ciascuno dei loro stili. A volte è anche facile capire di chi si tratta solo guardando la scena.

E qui arriviamo al nocciolo della storia. Budget Direct ha svolto la ricerca ei loro talentuosi artisti digitali hanno realizzato alcuni impressionanti rendering 3D di spazi di lavoro domestici ispirati ad alcune delle scene più famose dei registi. Se stavi cercando qualcosa per rinfrescare il tuo ufficio a casa, non cercare oltre. Con le abitudini di acquisto online in ripresa, probabilmente non avrai più problemi a ottenere gli articoli di cui hai bisogno per spingerli nella direzione desiderata senza lasciare il tuo spazio di lavoro, ehm … intendo casa.

Maggiori informazioni: budgetdirect.com.au

I Wachowski

Crediti immagine: Budget Direct

I Wachowski hanno avuto successo e hanno contribuito a definire la nostra immagine degli anni '90 con The Matrix, il loro secondo film. Il film e i suoi sequel condividono un'estetica cyberpunk che è diventata divertente e iconica “solo perché – a quanto pare – l'era di Internet non sembra proprio così. Beh, può farlo se vuoi uno studio a tema Wachowski.

Il nostro ufficio Wachowski rappresenta il crollo di tutto. Individua gli infissi e gli arredi post-industriali, i mobili per ufficio abbandonati degli anni '80 e il legno e la segnaletica riutilizzati. L'home office Matrix è un fantastico progetto fai-da-te per un riciclo con l'immaginazione. "

Sofia Coppola

Crediti immagine: Budget Direct

“Dal punto di vista degli interni, Sofia Coppola è meglio conosciuta per l'oscuro e lussuoso modernismo delle suite dell'hotel in Lost In Translation. Ma immagine per immagine, Coppola ha sviluppato un look vintage soft-focus popolato di colori pastello e un occhio per il bling squisito.

Abbastanza sicuro, l'aspetto di casa di Coppola è pallido e vivace. "Il mio appartamento è abbastanza calmo e sobrio", dice il regista. "Mi piace uno sfondo bianco pulito messo in risalto da masse e masse di peonie rosa." Abbiamo sbagliato verso l'estetica professionale di Coppola: una scrivania vintage da toeletta, curve barocche e un sacco di celeste e oro. "

Wes Anderson

Crediti immagine: Budget Direct

“Wes Anderson diventa meno un regista e più un designer con ogni film che fa. Oggi, il regista di Rushmore è il miglior regista di architettura. Anderson plasma lo spazio dei suoi set cinematografici con simmetria e composizione piatta per presentare i suoi personaggi in un mondo che è in parte palcoscenico teatrale e in parte mondo onirico espressionista.

Il nostro ufficio a casa di Wes Anderson lo riporta all'era dei Royal Tenenbaums. Abbiamo combinato colori organici e disordine curato con mobili meticolosamente angolati. La parete di fondo dice: "questo è dove sono stato". I libri e le registrazioni dicono: "questo è quello che sono". E quella scrivania vintage, puntata direttamente sui visitatori, dice: "sembra che io sia qui per restare" ".

Bong Joon-ho

Crediti immagine: Budget Direct

“Il regista coreano Bong Joon-ho ha raggiunto la fama internazionale nel 2019 quando Parasite è diventato il primo film non in lingua inglese a vincere un Oscar. Ma gli amanti del cinema colti avevano già familiarità con il suo lavoro, dal fresco e satirico Memories of Murder alla fantascienza Kubrick di Snowpiercer.

La diversa filmografia di Joon-ho non gli ha impedito di sviluppare uno stile visivo coerente. Il modernismo vetroso con un pizzico di natura selvaggia è la strada da percorrere, con un'attenzione particolare alle fonti di luce: grandi finestre con luce naturale, schermi luminosi e accessori di tendenza. La geometria "accidentale" e le superfici strutturate aggiungono un tocco di classe. "

David Lynch

Crediti immagine: Budget Direct

“Naturalmente, sappiamo esattamente come appare l'ufficio di David Lynch, grazie ai rapporti meteorologici quotidiani del creatore di Twin Peaks. E sicuramente sembra Lynchiano. Tuttavia, se stai cercando qualcosa con un po 'più di spazio e colore, è meglio prendere spunto dai suoi film.

Sì, i primi film di Lynch erano in bianco e nero e Dune, sebbene fosse un film a colori, era ossessionato dal nero. Ma dai tempi di Blue Velvet, il regista ci ha mostrato come rendere i colori primari di base ugualmente eleganti e inquietanti. Per ottenere quell'aspetto extra-dimensionale, inizia con la stanza rossa di Twin Peaks, aggiungi un po 'di Americana degli anni '50 e registra il tuo messaggio vocale al contrario. "

Pedro Almodovar

Crediti immagine: Budget Direct

“'Volevo un tipo di set pop-art, con colori pastello', dice il regista spagnolo Pedro Almodovar della sua svolta del 1988, Women on the Verge of a Nervous Breakdown. "Se avessi avuto i soldi e i contatti, avrei chiesto a David Hockney di progettarlo". Ma nei tre decenni e nei 14 film da allora, l'estetica di Almodovar è diventata non attribuibile a nessun artista tranne che a se stesso.

L'elemento pop-art è ancora lì, ma quello di Almodovar ha un aspetto sia bruno che lucido, crudo e spinto agli eccessi della raffinatezza. Il design degli interni nel suo ultimo, Pain and Glory, dimostra la filosofia esagerata del regista: se ogni elemento spicca, nessun elemento sporge. Per il nostro ministero degli interni di Almodovarian, ciò significa che il principio unificante è "tutto va bene", purché favoloso ".

Jean-Pierre Jeunet

Crediti immagine: Budget Direct

“I mondi di Jean-Pierre Jeunet non sono sempre luoghi in cui vorresti vivere e lavorare. Ma la sua amara gomma da masticare fantascientifica City of Lost Children e la commedia post-apocalittica Delicatessen sono tanto fantasiose quanto cupe. Con Amélie, Jeunet ha finalmente avuto i proprietari di casa che cercavano i rulli di vernice.

Amélie ha preso i cupi motivi visivi che hanno fatto risaltare i film di Jeunet, li ha resi adorabili e li ha applicati a una Parigi rivestita di seppia. Per progettare il tuo ufficio in casa in stile Amélie, inizia con una rigida combinazione di colori dell'albero di Natale per gli infissi e gli accessori, quindi cerca tra negozi, Etsy ed eBay per trovare oggetti d'arte con una vita propria ".

(Fonte: Bored Panda)