Rupert Murdoch: La libertà di parola viene “soppressa da questa orribile ortodossia sveglia”

Celebrità al ristorante di Scott a Londra

La scorsa settimana, a un certo punto dopo l'inaugurazione, stavo guardando un segmento di MSNBC sui takeaway dell'era Trump e sulle lezioni apprese su entrambi i lati. L'ex presidente della RNC Michael Steele è stato uno degli ospiti del segmento. Ha detto qualcosa a cui stavo pensando da allora, che è fondamentalmente che i repubblicani erano davvero pazzi per "cancellare la cultura" e "svegliare la cultura" e come quelle cose stanno rovinando la società nelle loro menti. Quello che mi ha infastidito è che Steele sembrava pensare che avessero ragione. Mi sono reso conto che questo è l'argomento che il GOP sta facendo e continuerà a fare: quella cultura del "risveglio" sta arrivando per "cancellarti" ("tu" essendo elettori repubblicani) per essere solo te stesso. Se voti repubblicano, non devi preoccuparti di imparare a essere un membro funzionante della società, o imparare a non offendere le persone 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

L'intera faccenda dell '"anti-risveglio" e della "cultura dell'annullamento impazzito" è anche una cortina fumogena per quello che è realmente accaduto prima, durante e dopo l'insurrezione del 6 gennaio. Donald Trump ei suoi tirapiedi hanno pianificato un attacco terroristico e stavano veramente cercando di rovesciare il governo. È stato un tentativo di colpo di stato e Trump continuava a minacciare violenze e ritorsioni anche dopo che il colpo di stato era in gran parte fallito. Trump stava minacciando quelle cose … sui social media. Ed è stato prontamente deplatformato dalla maggior parte dei siti di social media, e c'è stata una messa al bando di massa di nazisti, MAGA e simili. Tutte queste cose sono collegate, tutte queste conversazioni sono collegate. Il che mi porta a questo: Rupert Murdoch che denuncia l '"ortodossia sveglia":

Rupert Murdoch è rimasto in silenzio su Twitter per quasi cinque anni, ma il barone dei media si è schierato contro i social media e ciò che ha descritto come la prevalenza di una "ortodossia sveglia" nel regno online. Murdoch, 89 anni, ha creato scalpore con un videomessaggio di due minuti che è stato rilasciato in relazione alla sua ricezione del premio alla carriera dell'Australia Day Foundation. Il video è stato pubblicato sul sito web del quotidiano Herald Sun di Melbourne, di proprietà di News Corp..

Le osservazioni di Murdoch virano da un convenzionale ringraziamento per l'onore alla carriera e le parole gentili sul suo "amore eterno" per il suo paese natale a un deliberato colpo sui social media. Fa eco al recente ritornello dei conservatori di estrema destra secondo cui i giganti della Big Tech e le piattaforme di social media stanno cercando di imporre la censura segnalando dichiarazioni false e provocatorie di figure politiche come l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che è stato definitivamente bandito da Twitter e altri piattaforme.

"Per quelli di noi nei media, c'è una vera sfida nell'affrontare un'ondata di censura che cerca di mettere a tacere le conversazioni, di soffocare il dibattito e, infine, di impedire agli individui e alle società di realizzare il proprio potenziale", ha detto Murdoch. “Questa conformità rigidamente imposta, aiutata e incoraggiata dai cosiddetti social media, è una camicia di forza sulla sensibilità. Troppe persone hanno combattuto troppo duramente in troppi luoghi perché la libertà di parola fosse soppressa da questa orribile ortodossia sveglia ".

[From Variety]

Ancora una volta, tutto questo è successo solo nelle ultime TRE SETTIMANE. Eravamo là. Abbiamo tutti assistito a ciò che è realmente accaduto, abbiamo assistito a Donald Trump che incitava un'insurrezione in pieno giorno, inviando i suoi nazisti in Campidoglio per uccidere il vicepresidente, l'oratore della casa e chiunque altro si sentissero. Quei nazisti in realtà * HANNO * ucciso un ufficiale di polizia del Campidoglio picchiandolo a morte. Dopo aver incitato un'insurrezione, Trump continuava a lanciare minacce appena velate su Twitter e invitava i suoi sostenitori a rimanere agitati e violenti. Non è che Jack Dorsey abbia deciso di punto in bianco che odiava ciò che Trump stava twittando. Si tratta di società private che si sono rese conto – piuttosto improvvisamente – di avere problemi di responsabilità significativi se avessero continuato a consentire a Trump e ai suoi seguaci una piattaforma per organizzare e incitare alla violenza. Ma Murdoch sta decisamente telegrafando lo stesso argomento che Michael Steele, Josh Hawley e altri faranno andando avanti: l'incitamento al terrorismo è una "questione di libertà di parola" quando sono coinvolti i bianchi.

Rupert Murdoch e la moglie Jerry Hall arrivano al Vanity Fair Oscar Party 2019 che si tiene presso il Wallis Annenberg Center for the Performing Arts il 24 febbraio 2019 a Beverly Hills, Los Angeles, California, Stati Uniti. (Foto di Xavier Collin / Image Press Ag

Foto per gentile concessione di Avalon Red.

Celebrità al ristorante di Scott a Londra
Lachlan Murdoch, Rupert Murdoch e Jame ..........
Rupert Murdoch e la moglie Jerry Hall arrivano al Vanity Fair Oscar Party 2019 che si tiene presso il Wallis Annenberg Center for the Performing Arts il 24 febbraio 2019 a Beverly Hills, Los Angeles, California, Stati Uniti. (Foto di Xavier Collin / Image Press Ag