Questo fotografo si è avventurato in luoghi pericolosi dove ha scattato queste 30 foto di animali selvatici

Andrey Gudkov è un fotografo naturalista russo che effettua frequenti spedizioni nelle regioni indonesiane e africane più distanti e pericolose come il Borneo, lo Zambia e l'isola di Rinca. Tutti per catturare animali selvatici che vivono nel loro habitat naturale, una visione che, a causa della vita moderna, è diventata esotica per i nostri occhi. Attraverso la sua fotografia, Gudkov cerca di trasmettere la bellezza e l'importanza di questi animali poiché molti di loro si stanno mettendo in pericolo.

Maggiori informazioni: Instagram | wildanimalssafari.com

1 #

Crediti immagine: gudkovandrey

2 #

Crediti immagine: gudkovandrey

Per inseguire i suoi sogni e diventare un fotografo naturalista, Gudkov ha dovuto aspettare il momento. Quel momento fu quando l'Unione Sovietica si schiantò e fu in grado di viaggiare liberamente. "Per me, tutto è iniziato con i programmi televisivi dei film di David Attenborough e i rari programmi naturalistici della BBC che sono stati mostrati sulla televisione sovietica molti anni fa. E quando, alla fine degli anni ottanta, ho tenuto per la prima volta una copia del National Geographic nelle mie mani è stato uno shock culturale per me. Le fotografie abbagliate, ti hanno attirato, sembravano così fantastiche e irreali. Questi scatti erano il mio percorso verso una fiaba in cui un semplice uomo sovietico difficilmente poteva sperare di finire. paesi lontani e animali esotici mi sono davvero entrati in testa e non appena è apparsa la possibilità di viaggiare liberamente e acquistare attrezzature professionali, realizzando che il sogno è diventato realtà ", afferma Andrey Gudkov a Bored Panda .

3 #

Crediti immagine: gudkovandrey

# 4

Crediti immagine: gudkovandrey

L'artista afferma di aver sempre saputo di voler diventare un fotografo naturalista. È stato ispirato da molti famosi fotografi naturalisti, che gli hanno insegnato l'arte attraverso i libri di testo. “Non ho mai dovuto chiedermi quale genere di fotografia avrei dovuto girare. Sapevo già che la fotografia naturalistica era il genere di fotografia in cui avevo sempre desiderato lavorare. I miei libri di testo erano album fotografici di fotografi naturalisti di fama mondiale: Steve Bloom, Franz Lanting, Michael Poliza e altri. Le loro opere mi hanno ispirato, mi hanno insegnato e mi hanno dato spazio per il lavoro creativo; sono serviti come miei critici. A poco a poco, passo dopo passo, attraverso prove ed errori, ho elaborato il mio stile unico. All'inizio sembrava tutto semplice e facile da capire. Ma più ho girato, più mi sono reso conto di quanto fosse difficile il genere e di quanto fossero infinite le opportunità di lavoro creativo in esso. "

# 5

Crediti immagine: gudkovandrey

# 6

Crediti immagine: gudkovandrey

Dice che la fotografia naturalistica è estremamente difficile in quanto il fotografo deve avere una preparazione speciale e molta pazienza, per non parlare degli investimenti finanziari in attrezzature fotografiche e dalle dodici alle quindici ore lavorative in condizioni di lavoro non così perfette. “La fotografia naturalistica professionale è un genere fotografico molto complicato e specifico, che richiede al fotografo una preparazione speciale e un temperamento speciale, specialmente quando si scatta la fauna selvatica nel loro habitat naturale. Significa anche ingenti investimenti finanziari in attrezzature e tecnologie fotografiche e gestire infinite procedure burocratiche durante l'organizzazione di spedizioni: lunghe corrispondenze con funzionari e incarichi di amministrazione di parchi nazionali, acquisti di licenze per servizi fotografici, ecc. A parte ciò, un fotografo naturalista deve possedere conoscenze molto speciali sulla sua materia; altrimenti tutti gli sforzi colossali nell'organizzazione della spedizione potrebbero andare sprecati. Devi essere armato con grande pazienza e cautela, perché fotografare professionalmente un animale senza pensarci seriamente è quasi impossibile. A volte, devi passare sei o sette mesi a prepararti per una spedizione in cui avrai solo tre o quattro giorni di riprese. La giornata lavorativa può durare dalle dodici alle quindici ore. Preparati alle cattive condizioni di vita e alla vita da campeggio: sporcizia, polvere, pioggia, sole cocente e traumi saranno i tuoi inevitabili compagni.

E se passi molto tempo a sparare ai tropici, allora un intero mazzo di malattie tropicali è praticamente garantito. E quando ti svegli alle quattro del mattino per diversi giorni consecutivi e ti rendi conto che devi percorrere altri quindici chilometri attraverso foreste tropicali bagnate dalla pioggia in quasi il 100% di umidità, portando attrezzature che pesano venti chilogrammi per il bene di alcuni colpi (e a volte solo per uno solo), poniti una domanda: "Ho bisogno di questo?" Se la risposta è negativa, non torturare te stesso e quelli intorno a te; dopo tutto, nelle prime fasi del lavoro, la delusione sarà più comune del successo. "

# 7

Crediti immagine: gudkovandrey

# 8

Crediti immagine: gudkovandrey

Gudkov crede che non ci siano animali belli o brutti in quanto il successo della foto dipende dal tentativo del fotografo di trovare qualcosa di simile all'uomo in ogni animale. “Quindi qual è il segreto del successo nel fotografare gli animali? Non ci sono animali belli o brutti. La cosa più importante, secondo me, è trovare qualcosa di umano nell'animale e tentare di trasmetterlo attraverso la tua fotografia. Gli occhi di un animale sono un dettaglio molto importante; parlano al suo carattere e ci aiutano a capirlo. Stupore e paura, tenerezza e cura, ira, indifferenza, perplessità … tutte queste qualità sono intrinseche negli abitanti del mondo naturale. La missione del fotografo è riconoscere questo e trasmetterlo allo spettatore. "

# 9

Crediti immagine: gudkovandrey

# 10

Crediti immagine: gudkovandrey

È importante capire che questi animali corrono un grande pericolo di estinzione a causa delle nostre attuali condizioni di vita. L'artista afferma che la missione di ciascun fotografo naturalista è mostrare alla gente che questi animali stanno scomparendo. “Negli ultimi anni ho visitato molti luoghi remoti del nostro pianeta dove la natura conserva ancora la sua bellezza primordiale, non toccata dal progresso tecnico e dalla globalizzazione onnipresenti. Tali luoghi sono così selvaggi e impraticabili che i turisti preferiscono non andarci. In tali luoghi, il denaro non ha valore. E questa è una condizione che ha permesso a molti animali di stare al sicuro lì. Ma il mondo che ci circonda sta cambiando in modo catastrofico veloce e la missione di un fotografo naturalista è quella di tentare di mostrare e impressionare la gente, la rara bellezza e la molteplicità delle forme di vita che l'umanità moderna può ancora incontrare nel mondo ”.

# 11

Crediti immagine: gudkovandrey

# 12

Crediti immagine: gudkovandrey

# 13

Crediti immagine: gudkovandrey

# 14

Crediti immagine: gudkovandrey

# 15

Crediti immagine: gudkovandrey

# 16

Crediti immagine: gudkovandrey

# 17

Crediti immagine: gudkovandrey

# 18

Crediti immagine: gudkovandrey

# 19

Crediti immagine: gudkovandrey

# 20

Crediti immagine: gudkovandrey

# 21

Crediti immagine: gudkovandrey

# 22

Crediti immagine: gudkovandrey

# 23

Crediti immagine: gudkovandrey

# 24

Crediti immagine: gudkovandrey

# 25

Crediti immagine: gudkovandrey

# 26

Crediti immagine: gudkovandrey

# 27

Crediti immagine: gudkovandrey

# 28

Crediti immagine: gudkovandrey

# 29

Crediti immagine: gudkovandrey

# 30

Crediti immagine: gudkovandrey

(Fonte: Bored Panda)