Questa pagina condivide solo contenuti relativi all’orrore ed ecco 35 dei loro migliori post

Tutti gli amanti dell'horror, questo è per te. Avvicinati ai tuoi posti e preparati a far salire il nostro tasso sanguigno alle stelle, perché per alcuni c'è solo un Halloween all'anno, ma per noi ogni giorno è la notte spettrale dell'anno.

Questo account Facebook chiamato " Weekly Horror " lo sa chiaramente molto bene. Secondo la descrizione della pagina, "ogni settimana è Halloween qui" e "Se ami il genere horror, sei nel posto giusto!"

Quindi, senza ulteriori indugi, lascia che ti lasci con i post più malvagi, spettrali e divertenti ispirati all'orrore per il tuo intrattenimento. Non dimenticare di votare i tuoi preferiti mentre scorri!

Inoltre, assicurati di dare un'occhiata all'intervista di Bored Panda sul fascino duraturo delle persone per le cose spettrali e il fascino dell'orrore che abbiamo avuto con Lauren McMenemy . Lauren è una scrittrice di folk horror con influenze gotiche che vive nel sud di Londra e sta attualmente lavorando a un romanzo ambientato nel mondo dell'occulto vittoriano. Ed è stata felice di condividere alcuni spunti molto interessanti sull'argomento!

# 1

Ciao Clarice

Crediti immagine: Horrorweekly

Abbiamo parlato con Lauren McMenemy che ha un fascino in via di sviluppo per il folklore, i vecchi modi e il nostro rapporto in rapida evoluzione con il mondo naturale; tutto questo si insinua anche nella sua scrittura. Nel mondo reale, Lauren è una coach creativa con oltre 20 anni di esperienza nel giornalismo e nel marketing. È anche conduttrice delle sessioni giornaliere degli scrittori virtuali del London Writers Salon.

Secondo Lauren, siamo spesso affascinati da ciò che non capiamo e la curiosità è una parte importante del richiamo dell'orrore e del soprannaturale. “Cerchiamo di razionalizzare quell'ombra nell'angolo, o la luce misteriosa nel cielo, ma spesso non ci accontentiamo della spiegazione razionale. Desideriamo qualcosa di più di quello che abbiamo di fronte", ha spiegato l'allenatore creativo.

#2

Crediti immagine: Horrorweekly

#3

Fotografo sconosciuto, Vampiro nudo con guanti, 1864.

Crediti immagine: Horrorweekly

#4

Il miglior temperamatite di sempre

Crediti immagine: Horrorweekly

Inoltre, “questo fascino per il soprannaturale è un modo per essere curiosi di fronte alle grandi domande sulla vita, la morte e cosa succede dopo. Può anche fornire un'evasione dalla fatica – o dal caos, come negli ultimi tempi! – della vita quotidiana”.

Lauren sostiene che spesso "siamo attratti da storie spaventose perché è un modo per sperimentare la paura in un ambiente controllato". In questo modo, possiamo mettere giù il libro o spegnere il film se diventa troppo. “È un modo catartico per esplorare quella curiosità senza metterci in pericolo reale e presente. Come disse una volta Stephen King: 'Inventiamo orrori per aiutarci a far fronte a quelli veri'”, ha detto.

#5

Crediti immagine: Horrorweekly

#6

Crediti immagine: Horrorweekly

#7

Crediti immagine: Horrorweekly

Alla domanda su cosa serve per creare una buona storia dell'orrore dal punto di vista di uno scrittore professionista, Lauren ha detto che l'horror come genere comprende un'enorme varietà di storie. “Quando dico che scrivo horror, vengo spesso accolto con un sopracciglio alzato: la gente pensa che io sia ossessionato dai film slasher e voglia scrivere il prossimo capitolo del franchise di Saw, che adoro un po' di gore. È tutt'altro che vero; Sono più interessata a esplorare i lati più tranquilli dell'horror, in particolare l'horror gotico e folk che prende spunto dal folklore e dalle tradizioni”, ha spiegato.

#8

Crediti immagine: Horrorweekly

#9

Crediti immagine: Horrorweekly

# 10

Queste due immagini sono state scattate a 44 anni di distanza

Crediti immagine: Horrorweekly

Lauren sostiene che indipendentemente dallo stile dell'orrore, tuttavia, alcune cose rimangono vere: "l'orrore deve attingere alle nostre paure". Ha spiegato: “Ci deve essere un senso di terrore, oltre a elementi di paura, sorpresa, suspense e mistero. Una buona storia dell'orrore prende il familiare e lo trasforma in qualcosa di strano, a volte grottesco, sempre inquietante".

Inoltre, “deve esserci anche un protagonista a cui teniamo e dobbiamo provare empatia con i personaggi in situazioni riconoscibili, il cui punto di vista riflette quello del pubblico. Considera l'ascesa e la caduta della storia; vuoi dare al pubblico il tempo di calmarsi dall'ultimo momento di tensione prima di ricominciare.

# 11

Una grande interpretazione di un grande attore.

Crediti immagine: Horrorweekly

# 12

Crediti immagine: Horrorweekly

# 13

Crediti immagine: Horrorweekly

Per coloro che se lo stanno chiedendo, Lauren assicura che non deve esserci un'enorme quantità di sangue e budella. "In effetti, a volte l'orrore tranquillo radicato nel mondo reale è molto più inquietante." Ci deve essere ancora un mostro di qualche tipo, “che potrebbe essere qualcosa di ultraterreno, qualcosa di soprannaturale, qualcosa di mitologico, o potrebbe essere un altro essere umano. A volte, gli umani sono i veri mostri".

# 14

Crediti immagine: Brittymigs

# 15

Scatto promozionale per Il silenzio degli innocenti, 1991.

Crediti immagine: Horrorweekly

#16

Jessica Chastain e Tom Hiddleston, sul set di Crimson Peak.

Crediti immagine: Horrorweekly

Dato che Lauren è cresciuta in Australia negli anni '80, ha detto che Halloween non era davvero "una cosa" per lei. “Non sono cresciuto dolcetto o scherzetto, né mi sono vestito per andare alle feste. Ma ho sempre saputo che era lì e ho sempre sentito qualcosa di speciale nell'aria durante la stagione spettrale", ha detto.

Nell'ultimo decennio, Lauren ha iniziato a soddisfare la sua curiosità per l'occulto e tutte le cose spettrali. “Ho iniziato a capire l'importanza della data. Per le streghe, è una celebrazione rituale chiamata Samhain, e molti lo considerano il capodanno delle streghe. È il periodo dell'anno in cui il velo tra i mondi è più sottile e possiamo parlare più facilmente con coloro che sono morti. Adoro davvero questa idea e ho dei piani per la mia data di celebrazione quest'anno", ha detto Lauren a Bored Panda via e-mail.

#17

Teri Garr e Gene Wilder (1974) "Il giovane Frankenstein"

Crediti immagine: Horrorweekly

#18

Crediti immagine: Horrorweekly

# 19

Jennifer Connelly in "Labirinto", 1986.

Crediti immagine: Horrorweekly

In effetti, Lauren desidera che quelli di noi con tendenze spettrali non debbano sentirsi strani per gli altri 11 mesi dell'anno. "Potrebbe essere un'indulgenza spettrale di una notte per molti, ma per alcuni di noi celebriamo Halloween tutto l'anno. Cavolo, la mia scrivania è ricoperta di fantasmi e mostri, persino un corvo!"

Per chiunque abbia interesse o anche solo un briciolo di curiosità per il soprannaturale, il consiglio di Lauren è di non cercare di respingerlo o pensare che ti renda strano. “C'è una grande comunità là fuori di persone che capiscono la curiosità e sono incredibilmente accoglienti. Prova un corso virtuale o vai al tuo negozio di libri di occultismo locale e chiedi consigli. Potrebbe non essere adatto a te, ma almeno hai seguito quella curiosità e scoperto qualcosa di nuovo", ha detto.

# 20

Dick Warlock e Jamie Lee Curtis sul set di Halloween 2 (1981)

Crediti immagine: Horrorweekly

#21

Stephen King firma la locandina di un film per un fan, 1985.

Crediti immagine: Horrorweekly

#22

Gillian Anderson fotografata da Mark Seliger. (Questo è il creatore di X Files Chris Carter con la tuta)

Crediti immagine: Horrorweekly

# 23

Crediti immagine: Horrorweekly

#24

Crediti immagine: Horrorweekly

#25

"Batti alla finestra" di Piotr Jablonski

Crediti immagine: Horrorweekly

#26

Crediti immagine: Horrorweekly

#27

"Trilogia del terrore" (1975) con Karen Black.

Crediti immagine: Horrorweekly

#28

Albin Grau, Illustrazione promozionale per Nosferatu, 1922

Crediti immagine: Horrorweekly

#29

Crediti immagine: Horrorweekly

#30

Dietro le quinte di Batman Returns (1992)

Crediti immagine: Horrorweekly

#31

Crediti immagine: Horrorweekly

#32

Crediti immagine: Horrorweekly

#33

Poster giapponese per il sottovalutato "The Cell" (2000) di Tarsem Singh⁣ ⁣

Crediti immagine: Horrorweekly

#34

Crediti immagine: Horrorweekly

#35

Crediti immagine: Horrorweekly

(Fonte: Bored Panda)