Questa famiglia è diventata virale per i loro biglietti di Natale “nella vita reale” che fanno da 7 anni di seguito

La maggior parte delle famiglie si sforza di rendere perfetta la stagione delle feste, in cui tutti sono felici, nessuno parla di politica ei bambini non si lamentano dei loro doni. Ma è meglio lasciare il mondo idilliaco agli spot della Coca-Cola, poiché la stagione delle feste nella vita reale è spesso molto diversa.

E una famiglia della Carolina del Nord celebra proprio l'imperfezione del Natale in famiglia. Negli ultimi 7 anni, gli Stanley hanno realizzato cartoline di Natale a cui partecipa ogni membro della famiglia.

Il risultato è sia carino che divertente poiché i piccoli sono raffigurati mentre scatenano il caos in casa e le cose si complicano, e oh ragazzo, sembra fuori controllo. Ma non è questa tutta la bellezza delle vacanze invernali?

“La prima volta che abbiamo provato a scattare una foto" tradizionale "di un biglietto di Natale abbiamo avuto risultati esilaranti. Da lì è nata la tradizione: invece di provare a inviare biglietti perfetti, avremmo inviato qualcosa che rappresentasse il caos della genitorialità ", avevano detto in precedenza gli Stanley a Bored Panda . Quindi diamo un'occhiata a cosa sia il ronzio!

Maggiori informazioni: Instagram (Jonathan Stanley)

La famiglia Stanley del North Carolina ha catturato l'essenza di crescere i propri figli con i biglietti di auguri di Natale negli ultimi 7 anni

Bored Panda ha contattato il padre creativo Jonathan Stanley che ha realizzato queste carte di Natale reali con la sua famiglia ogni anno dal 2014. Jonathan ci aveva già detto che l'idea è nata quando la foto tradizionale non andava secondo i piani.

“Eravamo nuovi genitori con un bambino di un anno e tutto è andato storto: il bambino ha pianto tutto il tempo, c'era vento, l'illuminazione continuava a cambiare, lo chiami. Se due di noi sembravano a posto, il terzo sbatteva le palpebre. Abbiamo riso così tanto per quanto fossero brutte le foto che abbiamo deciso di inviarle così com'è e la nostra famiglia l'ha adorato ".

Così, le cartoline di Natale annuali degli Stanley si sono trasformate in una simpatica tradizione familiare che riassume perfettamente come è stato l'anno. Jonathan ci ha detto che il cambiamento più grande negli ultimi anni sono stati i bambini. "Man mano che invecchiano, si aprono più possibilità di ciò che possiamo riprendere. Dopotutto, è molto più facile convincere un bambino di 8 anni a posare con una sparachiodi rispetto a un bambino di 2 ".

Quando si tratta di ispirazione per le loro riprese annuali, gli Stanley guardano al comportamento dei loro figli durante tutto l'anno. "Ad esempio", ha spiegato papà, "nel 2019 erano molto interessati a far volare il drone con me, quindi ho semplicemente costruito questo interesse naturale e ho immaginato cosa avrebbero potuto fare se non avessimo guardato".

Soprattutto, poiché i bambini sono cresciuti, adorano i servizi fotografici annuali ancora di più ora rispetto a quando erano giovani. Papà crede che sia perché ora “lo capiscono davvero e posso spiegare cosa stiamo facendo. Mio figlio ha potuto presentare le carte alla sua classe all'asilo quest'anno e sembrava molto orgoglioso di loro ".

Ed ecco la cartolina di Natale di quest'anno

E per quanto riguarda la cartolina di Natale del 2020, Jonathan ha detto che i suoi ragazzi si sono interessati a inchiodare insieme tavole e usare martelli. "Quindi, naturalmente, una pistola sparachiodi è molto interessante per loro e ha fornito l'ispirazione per la carta di quest'anno."

“Inoltre, non possiamo andare al muro di arrampicata su roccia a causa di COVID, quindi hanno iniziato a scalare la modanatura / rivestimento attorno ai telai delle porte. La foto di mio figlio che si arrampica all'estrema destra … è reale al 100%. Non è necessario Photoshop! "

E questo è ciò che la gente aveva da dire su di loro

Il post Questa famiglia è diventata virale per le loro cartoline di Natale “ nella vita reale '' che hanno fatto per 7 anni di fila Ora è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)