Qualcuno ha twittato questo test del carrello che dice se sei una persona buona o cattiva ed è abbastanza preciso

OK, quindi c'è questa teoria fluttuante attorno a Twitter che dice che può determinare se una persona buona o cattiva è più veloce di qualsiasi prete o test psicologico.

Da quanto sembra, la teoria ha avuto origine negli angoli bui di 4chan ma è diventata molto popolare quando Jared di Atlanta l'ha condivisa su Twitter. Ha rapidamente ricevuto oltre 680.000 Mi piace lì, con persone che discutono se è valido o meno.

Quindi di cosa si tratta? La teoria propone che il carattere morale di una persona possa essere determinato quando decidono di restituire un carrello in un punto designato per "ritorno al carrello" oppure no. Per quanto semplice sia l'affermazione, la logica alla base, tuttavia, è un po 'più complessa.

Ulteriori informazioni: Twitter

Crediti immagine: ANTICHRISTJARED

Crediti immagine: ANTICHRISTJARED

La maggior parte delle persone nei commenti sotto il thread concordano sul fatto che restituire il carrello sia la cosa ragionevole da fare e rifiutarsi di farlo può fare un forte caso contro di te nella categoria "sei una brava persona". Queste persone includono ex impiegati del commercio al dettaglio, che – nel bene e nel male – hanno sicuramente visto il lato peggiore dell'umanità. Fidati di me, ho lavorato come cameriere.

Lo psicoterapeuta e consigliere Tati Silva ha affermato che la teoria del carrello fa alcuni punti validi. "Risale al personaggio e alla personalità, entrambi usati per descrivere il comportamento di qualcuno", ha detto Silva a Bored Panda . “La personalità è modellata dalla propria eredità e ambiente in cui sono stati esposti, facili da preparare (Lickeman, 2011). Per quanto riguarda il personaggio come onestà, virtù e gentilezza. Si rivelano nel tempo, attraverso varie situazioni. ”

"I personaggi sono fortemente influenzati dalle diverse situazioni in cui ci impegniamo. Pertanto, se scegli di non riprendere il carrello della spesa esporrà il tuo personaggio", ha spiegato Silva. “Perché non esiste una legge che la proibisca o affermi che è sbagliata. Il comportamento continuerà perché è l'individuo che deve determinare ciò che è giusto o sbagliato, cattivo o buono perché – ancora una volta – non ci sono norme o regole sociali che specificano che questo comportamento potrebbe essere considerato inappropriato. "

Silva crede che la teoria del carrello della spesa possa espandersi anche ad altri comportamenti, come gettare spazzatura, mozziconi di sigaretta, gomma, maschere o guanti sul pavimento. Anche ridendo quando qualcuno cade o non tiene la porta per gli altri. “Ciò potrebbe rivelare il tuo carattere morale. Si potrebbe fare senza esserne consapevoli perché è inciso nella loro abitudine. Tuttavia, ciò può essere modificato espandendo l'autocoscienza. È probabilmente il primo passo per ottenere il controllo su qualsiasi comportamento che si desidera modificare. “

Crediti immagine: ANTICHRISTJARED

Crediti immagine: ANTICHRISTJARED

Crediti immagine: ANTICHRISTJARED

È interessante notare che dilemmi morali simili sono spesso usati dai ricercatori per identificare i tratti psicopatici in quanto possono offrire una comprensione più profonda del giudizio di qualcuno. In uno studio, ad esempio, un team di psicologi ha chiesto ai partecipanti di rispondere a una serie di scenari ipotetici e ha scoperto che coloro che hanno dato risposte utilitarie hanno ottenuto punteggi più alti in termini di misure di psicopatia.

Uno scenario in particolare, sviluppato dal filosofo Philippa Foot, è stato usato in questo modo per decenni. Secondo Spring , The Trolley Dilemma, adattato da Judith Jarvis Thomson nel 1985, recita così: “Un carrello in fuga sta per travolgere e uccidere cinque persone e ti trovi su una passerella accanto a un grande sconosciuto; il tuo corpo è troppo leggero per fermare il treno, ma se spingi lo sconosciuto sui binari, uccidendolo, salverai le cinque persone. Spingeresti l'uomo?

Lo studio, pubblicato sulla rivista Cognition , ha stabilito che le persone che hanno risposto "Sì" avevano punteggi più alti in termini di psicopatia, machiavellismo e insensatezza della vita rispetto a coloro che hanno scelto di non spingere l'uomo innocente. Inoltre, fatto divertente, l'illustrazione di The Shopping Cart Theory sembra fatta sulla base del dilemma del carrello. Chissà, forse ha ispirato tutta questa faccenda.

La gente aveva molto da dire sulla teoria

Crediti immagine: bekahbooooo_

Crediti immagine: nyahoarder

Crediti immagine: THEheadhunter44

Crediti immagine: localchaos_

Crediti immagine: mercedestractor

Crediti immagine: Orctits

Crediti immagine: sandralessu

Crediti immagine: JRsouthwick

Crediti immagine: LostNtheForrest

Crediti immagine: UrbanPat

Crediti immagine: MsuTrump

Crediti immagine: hostileskeleton

Crediti immagine: pavone

Crediti immagine: runawaywithme

Crediti immagine: murchinsk1

(Fonte: Bored Panda)

Commenta su Facebook