Paulina Porizkova afferma di essere conosciuta come Ric Ocasek l’ha lasciata fuori dalla sua volontà dal giorno dopo la sua morte

Il frontman di Cars Ric Ocasek è deceduto all'età di 75 anni il 15 settembre ed è stato rivelato questa settimana che ha tagliato la moglie estranea, la top model e l' irritante Tyra Banks Paulina Porizova , 54 anni, per sua volontà. Questa è stata in qualche modo una sorpresa per il pubblico visto che Ric e Paulina, che erano sposati da quasi 30 anni e separati per tre, vivevano ancora insieme come una famiglia e lei gli scrisse dei bei tributi sui social dopo la sua morte. Ora dice che sapeva che la stava riprendendo dall'aldilà praticamente dal salto e ha celebrato la sua vita online nonostante ciò.

Paulina aveva pubblicato amorevolmente su Ric sui social media nelle settimane dopo la sua morte, e ieri aveva rivelato su Instagram che sapeva della volontà il giorno dopo la morte di Ric, quindi i suoi tributi a lui erano incondizionati. Merda, avrei avuto il corpo gettato nel porto dopo aver scoperto che non stavo ottenendo alcuno di quei soldi "Drive", ma la gente mi dice che sono un po 'meschino.

Nel testamento, che Ric aveva redatto in agosto, decretò che Paulina non ricevesse nessuna delle sue proprietà o possedimenti perché lo aveva "abbandonato" durante le loro procedure di divorzio in corso. Questo nonostante vivesse ancora con lui, aiutandolo a riprendersi dopo un recente intervento chirurgico e portandogli il caffè a letto la mattina. (A proposito, è stato così che ha scoperto che era morto.)

In un post su Instagram di una foto della coppia con i loro due figli ormai adulti ( Jonathan , 21 anni, e Oliver , 26), Paulina afferma di conoscere i meno dollari che stava guadagnando molto prima di noi.

Quindi è stato carino da parte sua tenerlo grazioso nonostante sapesse che non veniva pagata.

Quella era la lettura più veloce della storia o aveva appuntato una copia ai suoi pigiami nel caso fosse morto nel sonno come un'ultima scopata per te. Wow, grazie, Ric.

Pic: Wenn.com

Commenta su Facebook