Oh, cos’è quello? Anche il Duca e la Duchessa di Cambridge hanno dei marchi?

Il Duca e la Duchessa di Cambridge visitano il London Bridge Jobcentre

Una delle parti più asinine degli estratti da La battaglia dei fratelli di Robert Lacey : William e Harry – The Inside Story of a Family in Tumult era la sezione dedicata al Duca e alla Duchessa del Sussex che registravano i loro nomi e titoli per tutte le cose. Questo è stato un grosso problema quando è successo ed è stato stupido anche allora. Quando Harry e Meghan hanno iniziato il loro marchio "Sussex Royal" sui social media, ovviamente hanno ottenuto dei marchi per tutto il resto. E i media britannici, com'è loro abitudine, hanno trasformato il tutto in uno psicodramma di una settimana in cui chiaramente Meghan avrebbe usato il sacro titolo del Sussex per scherzare sul benessere di Goop. Tranne che tutti ignoravano il semplice fatto che William e Kate facevano marchi simili anche intorno ai loro titoli e nomi Cambridge. È una semplice legge sui marchi: marchi tutte le cose in modo che nessun altro inizi a fustigare la merce "Kensington Royal" o "Sussex Royal". Bene, indovina cosa?

Il Duca e la Duchessa di Cambridge hanno preso il controllo di due società costituite per proteggere il loro "marchio" e i diritti di proprietà intellettuale. Il principe William e Kate, entrambi di 38 anni, sono diventati le persone registrate con un controllo significativo e quindi i beneficiari questa settimana delle società per azioni denominate APL Anglesey e CE Strathearn, che sono state costituite rispettivamente nel 2012 e nel 2013.

Le aziende, costituite in ciascuno dei loro nomi, consentono alla coppia di vendere prodotti ufficialmente approvati e di agire contro chiunque venda articoli che potrebbero danneggiare la loro immagine. In precedenza gli azionisti erano fidati aiutanti reali che rappresentavano gli interessi della coppia e questa è la prima volta che il principe William e Kate vengono registrati come proprietari di aziende con un potenziale ruolo commerciale. Le società non hanno mai negoziato e hanno sempre depositato conti aziendali dormienti, anche se la loro esistenza significa che potrebbero essere chiamate a svolgere lavori per loro in futuro.

La mossa riflette la speculazione secondo cui William sta gradualmente crescendo nel suo ruolo di futuro monarca e sta esercitando un maggiore controllo diretto sui suoi affari finanziari e personali. I registri della Companies House – che sono stati aggiornati oggi – non specificano se la coppia è azionista di APL Anglesey o CE Stathearn, ma specifica che ciascuno di essi ha "un'influenza o un controllo significativo" sulle rispettive società. APL Anglesey è stato istituito per rappresentare gli interessi del principe William nell'ottobre 2012, prendendo il titolo dalle iniziali dei suoi secondi nomi Arthur Philip Louis e dall'isola gallese dove lui e Kate vivevano dopo il matrimonio.

La compagnia di Kate CE Strathearn è stata costituita nel novembre 2013, utilizzando le iniziali dei suoi nomi Catherine Elizabeth e il suo titolo scozzese di contessa di Strathearn, assegnato dalla regina.

La formazione delle società fece notizia all'epoca con commentatori che suggerivano che fosse una mossa più spesso associata a celebrità come David e Victoria Beckham. Questa settimana alla Companies House sono stati presentati documenti che confermano che Clara Pearce, assistente tesoriere del principe Carlo e della duchessa di Cornovaglia, si era dimessa dal suo ruolo di azionista di entrambe le società.

Il principe Harry aveva anche una compagnia dormiente chiamata Tsessebe – il nome di un'antilope africana creata nell'ottobre 2012.

Kensington Palace è stato contattato per un commento sull'acquisizione da parte del Duca e della Duchessa di Cambridge delle loro società. Fonti reali in precedenza descrivevano la formazione delle società come una "cosa sensata" per proteggere i diritti della coppia, dicendo che le aziende sarebbero state utilizzate solo in occasioni speciali e qualsiasi denaro raccolto sarebbe andato in beneficenza.

[Dal Daily Mail]

Non devo nemmeno dirlo, giusto? Non devo dire "immagina come sarebbe coperto se fossero Meghan e Harry". Perché abbiamo già visto quella merda in tempo reale E Lacey se ne stava ancora lamentando amaramente, o facendo sembrare che i cortigiani del palazzo si lamentassero ancora amaramente. Questo è solo di base, entry-level. manutenzione ordinaria legale / aziendale / del marchio, non è "prepararsi a essere re" merda. Ovviamente anche William e Kate hanno registrato tutto . Un fatto che tutti convenientemente dimenticavano quando si trattava del Sussex. E ovviamente, non è che Will e Kate inizieranno improvvisamente a vendere nemmeno i tchotchke di Cambridge.

Commissione Mcc0093447 RoyAL ROTA BRADFORD

Foto per gentile concessione di Avalon Red, Backgrid.

Il principe William incontra i capi della PSNI, dei vigili del fuoco e dei servizi di ambulanza a Belfast
Il Duca e la Duchessa di Cambridge visitano il London Bridge Jobcentre
La duchessa di Cambridge indossa una maschera mentre visita gli studenti dell'Università di Derby
La duchessa di Cambridge indossa una maschera mentre visita gli studenti dell'Università di Derby
Commissione Mcc0093447 RoyAL ROTA BRADFORD
Sua Altezza Reale a Battersea Park ascolta direttamente i genitori sulle loro esperienze di sostegno da genitore a genitore.
ROTA IL DUCA E LA DUCHESSA DI CAMBRIDGE VISITANO IL SUD GALLES Mercoledì, 5 agosto 2020 Il Duca e la Duchessa di Cambridge hanno svolto oggi impegni nel Galles meridionale. Le loro altezze reali hanno visitato in primo luogo Barry Island dove hanno sentito dai proprietari di aziende locali l'impatto di COVID-19 sul settore turistico, prima di recarsi alla Shire Hall Care Home a Cardiff dove hanno parlato con il personale, i residenti ei loro familiari. La visita delle loro altezze reali a Barry Island è arrivata quando le imprese in Galles hanno iniziato a riaprire le porte al pubblico mentre le misure di blocco hanno iniziato ad allentarsi. Il Duca e la Duchessa hanno visitato la sala giochi di Island Leisure per incontrare i proprietari e i membri del personale prima della riapertura al pubblico della sala giochi nel corso della giornata, prima di unirsi ai venditori di alcune delle altre attività con sede sul lungomare di Barry al Marco's Café. Le Loro Altezze Reali hanno sentito parlare dell'impatto che la chiusura ha avuto sulle attività commerciali durante un periodo tipicamente intenso per la località balneare, che ha attirato 424.000 visitatori nel 2019, e delle misure che hanno messo in atto per consentire loro di riaprire in modo sicuro e protetto maniera. Il Duca e la Duchessa hanno anche visitato le capanne sulla spiaggia all'estremità orientale del lungomare che sono state installate come parte del progetto di rigenerazione di 6 milioni di sterline del Consiglio della Vale of Glamorgan a Barry. Il progetto ha visto anche il restauro del lungomare e del rifugio e l'installazione di nuovi spazi di arte pubblica e intrattenimento, una parete da arrampicata e giochi d'acqua. Le loro altezze reali hanno poi visitato la casa di cura Shire Hall a Cardiff, dove hanno parlato con alcuni membri del personale della casa, i residenti e i loro familiari nel giardino della casa. A maggio, il Duca e la Duchessa si sono uniti allo staff e ai residenti di Shire Hall tramite videochiamata, e hanno preso il loro turno come ospiti del bingo per una partita nel cinema di casa. Shire Hall fornisce assistenza residenziale, infermieristica e contro la demenza e fa parte di Hallmark Care Homes, un fornitore di assistenza a conduzione familiare con 20 case di cura in Inghilterra e Galles. Durante la visita odierna, le Loro Altezze Reali hanno potuto incontrare di persona alcuni membri del personale e dei residenti della chiamata e hanno sentito come la casa ha continuato ad adattarsi in risposta alla pandemia. Il personale ha parlato delle misure messe in atto per consentire ai residenti di ricevere in sicurezza le visite di familiari e amici. Il Duca e la Duchessa hanno quindi incontrato un piccolo numero di residenti e dei loro familiari che hanno parlato delle difficoltà di non essere in grado di visitare i loro cari all'inizio della chiusura, di come si tenevano in contatto e dell'impatto di poter ora visitare la casa.
Coronavirus - domenica 5 luglio 2020