“Oggi vivo così e mi sta bene”. Prima non è la Rai, poi il cinema: oggi una nuova vita lontana anni luce dallo spettacolo

Una lunga intervista a “I Lunatici”, il programma di Radio 2 condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, per raccontare la sua storia. Dagli esordi a 'Non è la Rai', il programma di Gianni Boncompagni che ha lanciato tra gli altri anche Ambra Angiolini e Miriana Trevisan, al nuovo lavoro lontano anni luce dal mondo dello spettacolo. Una carriera iniziata giovanissima “a sei anni – precisa -, facendo il concorso baby star, facendo film con Fellini, Gassman, Castellitto, questo da bambina”.

“Poi nel 1991 ho fatto Sunday IN e lì è iniziato il ciclo televisivo. Nel settembre di quell'anno ho fondato Non è la Rai. Ci siamo resi conto che anche dopo tanti anni se ne sarebbe parlato solo a programma finito. Di tanto in tanto non ti rendi conto di cosa sta succedendo, c'erano centinaia e centinaia di ragazzi e ragazze che ci aspettavano fuori dagli studi, aspettando ore per scattare una foto, attaccati alle macchine. Queste sensazioni che apprezzi solo dopo, sono bellissime. Ho iniziato a rendermi conto di essere diventato popolare quando uscivo di casa la mattina e ho trovato dei ragazzi che viaggiavano con i mezzi pubblici per venirmi a trovare davanti casa ”. Continua dopo la foto

Poi continua: “Io e mio padre spesso davamo loro un passaggio e li portavamo a casa in macchina. È una sensazione inspiegabile. Ero minorenne, mio ​​padre era sempre con me, la mia famiglia mi dava grande sostegno, andavo a scuola, studiavo, prendevo lezioni private, la famiglia mi ha sostenuto anche in questo ". La sua carriera nel mondo dello spettacolo è durata 37 anni, poi la chiusura dei teatri l'ha costretta a guardare oltre, continua dopo la foto

Oggi Eleonora Cecere è una vigilante: “Oggi sono una vigilante con un'azienda a cui tengo molto. Un'azienda che mi ha accolto a braccia aperte. Con questa pandemia il lavoro dello spettacolo si è fermato, bloccato. Ho una famiglia, due ragazze, un marito, ho deciso di dare una mano a mio marito, di aiutarlo, non riuscivo a stare fermo. Sono orgoglioso di raccontare la mia storia, devi rimboccarti le maniche, darti da fare ”. Continua dopo la foto

{loadposition intext}
E ancora: “È giusto darsi da fare. Sono cresciuto in un mondo diverso, ho studiato molto, lavoro nel mondo dello spettacolo da 37 anni con tanti sacrifici fatti, ma questo è un momento difficile per tutti, quindi ho deciso di darmi da fare, rimboccarmi le maniche e aiutare la mia famiglia. Ho inviato molti CV, questa azienda mi ha risposto, mi ha accolto e faccio un lavoro che mi piace molto. Sono in contatto con le persone, cerco sempre di farle sorridere, soprattutto dalle persone anziane. Questa è per me una grande soddisfazione. Non ho abbandonato la mia ambizione, il teatro, il cinema e tutto ciò che ci ruota intorno, se un giorno potremo tornare a teatro, tornerò a lavorare con grande felicità, ma oggi va così ".

Potrebbe interessarti: “Ambra Angiolini…”. Ricordi Eleonora Cecere di "Non è la Rai"? Vederla nella sua nuova vita è davvero strano … E di quel bellissimo periodo si lascia confessare

L'articolo “Oggi vivo così e mi va bene”. Prima non è la Rai poi il cinema: oggi una nuova vita lontana anni luce dallo spettacolo arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)