“Non puoi piangere per lui”. Maradona, le parole del giornalista a poche ore dalla scomparsa del ‘Pibe’

Diego Armando Maradona è stato trovato morto mercoledì 25 novembre alle 11.30 nella sua casa di Barrio San Andres, tra Tigre ed Escobar. I media argentini ricostruiscono le ultime ore del Pibe, morto nel sonno. L'ultima persona a vedere il Pibe vivo è stato il nipote, alle 23 di martedì 24 novembre. La sera di 2 giorni fa erano a casa l'assistente del Pibe, un addetto alla sicurezza, un'infermiera e una cuoca.

Alle 11.30 di ieri mattina è arrivato in casa anche lo psicologo e psichiatra di Maradona. Hanno raggiunto la stanza dell'ex calciatore, senza ricevere risposta. Suo nipote e assistente, Maximiliano Pomargo e Johnny Esposito, hanno cercato di svegliarlo. Verificata l'assenza di segni vitali, hanno chiesto l'intervento dell'infermiere e dello psichiatra che hanno eseguito manovre di rianimazione cardiopolmonare. In pochi minuti sono arrivate diverse ambulanze ed è intervenuto anche un medico locale. Continua dopo la foto

Allertate anche le Dalma, Gianinna e Jana, le 3 figlie di Maradona che vivono in Argentina. La situazione è rapidamente peggiorata e verso mezzogiorno sono state avvistate 6 ambulanze nel quartiere. I soccorritori hanno continuato le manovre di rianimazione e hanno somministrato a Maradona dosi di atropina e adrenalina, ma senza effetto. La morte di Diego Armando Maradona ha suscitato molti commenti. Alcuni fuori dagli schemi. Continua dopo la foto

“Le sue ultime immagini – ha detto Mughini – sono orribili dal punto di vista umano, e lo dico con emozione. Era un essere disfatto dalle sue abitudini. E all'improvviso lo facciamo diventare un santo? Ma no, ma no. Era un grande atleta, un bambino del secolo, drammatico e contraddittorio ”. Ma Mughini non è stato l'unico a usare parole dubbie sul Pibe de Oro scomparso ieri. Continua dopo la foto


{loadposition intext}
Nell'ultima puntata del programma radiofonico 'La zanzara' (Radio 24) Cruciani ha attribuito al 'collega' Parenzo la frase "Non si può piangere un cocainomane" sul calciatore scomparso, che ha negato di averlo detto provocando però un piccolo giallo. per scoppiare . Nel programma Cruciani dice all'indirizzo di Parenzo: "Mi hai detto prima, molto chiaramente, fuori dalla trasmissione, 'perché eccitarsi così per la morte di una sola persona, seicento, settecento, ottocento persone muoiono al giorno, le persone si strappano i vestiti perché settecento, ottocento persone muoiono e ora c'è il lutto nazionale. Sai che l'Argentina ha avuto tre giorni di lutto nazionale – mi hai detto – era un drogato di cocaina – mi hai detto – non puoi piangere un drogato di cocaina ".

Potrebbe interessarti: "Hai mezzo neurone nella tua testa". UeD, prima gli insulti poi la lotta. C'è una guerra aperta tra i due protagonisti

L'articolo “Non puoi piangere per lui”. Maradona, le parole del giornalista a poche ore dalla scomparsa del 'Pibe' arrivano da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)