Morta a 17 anni in un incidente: ma è stata uccisa dal suo ragazzo che ha simulato tutto

Era il 27 aprile 2017 quando Gustavo Villarreal guidava la sua Fiat Uno con Nayara a bordo, il suo giovanissimo compagno, all'età di 17 anni, seduto sul lato del passeggero. Quindi l'incidente in via Corrientes, nella città di Monte Maíz, nella provincia di Cordoba, in Argentina. Una violenta collisione frontale che ha portato via la vita della giovane donna, Nayara Ibarbia Contín. Le indagini sono proseguite da allora, facendo luce solo sulla tragedia di oggi.

Un impatto frontale troppo violento e la diciassettenne Nayara ha perso la vita. Il trauma riportato è stato così grave che l'ha uccisa e da allora le indagini hanno sempre cercato di chiarire il caso. Quella morte non è mai apparsa come il risultato di un destino fatale e infatti, dopo 3 anni, Gustavo Villarreal è stato accusato dal procuratore di "omicidio aggravato da legami sentimentali e criminalità di genere". (Continua a leggere dopo la foto.)

Secondo le notizie della stampa locale, Gustavo ha intenzionalmente indirizzato la macchina verso lo scontro che ha portato via la vita del giovane compagno. Lo scopo del ragazzo, quindi, era quello di uccidere Nayara. Le ragioni che hanno spinto Gustavo a fare quel gesto malsano rimangono da indagare, ma il giovane è stato arrestato per un crimine di femminicidio, l'ennesimo di una lunga lista. (Continua a leggere dopo la foto.)

L'investigatore di Bell Ville, responsabile di Isbael María Reyna, ordinò così l'arresto di Gustavo Villarreal. Anche al momento della tragedia, i parenti della ragazza hanno affermato fin dal primo momento che si trattava di un femminicidio, ma il caso ha richiesto un'indagine approfondita prima di accertare il nome dell'avvocato. Per qualche tempo, l'incidente è stato indagato come una morte ingiusta. (Continua a leggere dopo le foto.)

Oggi, sebbene la vita della ragazza non possa essere ripristinata, la giustizia ha fatto il suo corso. Il giudice è stato in grado di determinare e provare un'inversione di tendenza nel caso, sostenendo che il conducente della Fiat Uno "ha intenzionalmente diretto il veicolo contro il camion che ha speronato, cercando di uccidere la persona che alla fine è stata la vittima fatale".

Covid resiste alle maschere per giorni. "Cosa fare con usa e getta e riutilizzabile"

L'articolo Morto a 17 anni in un incidente: ma è stata uccisa dal suo ragazzo che ha simulato tutto viene dalla rivista Caffeina .

(Fonte: Caffeina)