Molte persone si riferiscono a questo pilota russo che ha dovuto cambiare carriera per diventare un autista di consegne di cibo

Nel corso della storia, il lavoro è stato caratterizzato come un'attività centrale per la socialità umana e, naturalmente, per la maggior parte, è stato altamente considerato una parte essenziale della vita.

Pertanto, per molte persone, la cultura del lavoro è cambiata enormemente nel corso della pandemia mondiale. Il mercato del lavoro è ora invaso da persone che sono state licenziate e sono alla ricerca di nuovi posti di lavoro in cui stabilirsi.

Roman Savin è un pilota di linea russo di 23 anni che attualmente vive in Lituania e purtroppo non è diverso dalla maggior parte delle persone costrette a cercare un altro lavoro.

Maggiori informazioni: pikabu.ru | Facebook

Roman ha condiviso due delle sue foto su una piattaforma di social media russa chiamata Pikabu, che lo ha reso virale

Crediti immagine: rmnsvn

Una foto è stata scattata nel 2019, l'altra nel 2020. Attraverso di loro, Savin ha voluto mostrare e confrontare come è cambiata la sua vita prima e dopo l'inizio della pandemia.

La prima foto mostra un romano molto felice in posa davanti a uno specchio in un ascensore, vestito con la sua uniforme da pilota

Crediti immagine: rmnsvn

Mentre questa foto lo mostra in un altro ascensore, ora anche lui con una professione completamente diversa

Crediti immagine: rmnsvn

Ovviamente, dopo aver visto il post, si è spiegato da sé che la pandemia di coronavirus gli ha impedito di lavorare come pilota, e questa è stata la causa principale per cui ha dovuto cambiare temporaneamente lavoro. Ma… beh, non proprio, come Roman ha spiegato a Bored Panda cosa stava succedendo nella sua vita.

“Sono un ragazzo di 23 anni e ho lavorato come pilota negli ultimi 3 anni. Come probabilmente saprai, la pandemia ha portato l'industria del trasporto aereo ai minimi storici "

Crediti immagine: rmnsvn

“L'anno scorso volavo 90-100 ore al mese durante l'alta stagione estiva e quest'anno ho un totale di 140 ore per tutto l'anno. Continuo a lavorare come pilota di linea, poiché la mia azienda ha ancora alcuni voli, per lo più charter, in realtà, e io in media circa 1 volo al mese, il che significa che ho 30 giorni in più a disposizione ".

Diventare un pilota a soli 20 anni sembra bizzarro per alcune persone, ma Roman ha già dimostrato che si possono realizzare i suoi sogni in tenera età mettendoci molto lavoro.

“Per diventare un pilota, ho avuto 2-3 anni di addestramento. In realtà, era tutto ciò che era richiesto. Ho iniziato all'età di 17 anni, ho finito la formazione quando ne avevo 19 e ho ottenuto il mio primo lavoro all'età di 20. "

Roman ci ha assicurato che non tutto è andato male, anche se è stato costretto a svolgere temporaneamente lavori diversi

Crediti immagine: rmnsvn

“Ho iniziato a lavorare nel negozio di ricambi per l'aviazione come agente di vendita (lavoro da casa) e nei fine settimana lavoro come fattorino. Francamente, mi piace abbastanza.

Dopo una settimana di lavoro davanti al tuo computer, puoi andare in giro per la città, vedere persone e ascoltare la tua musica preferita mentre consegni il cibo ".

Secondo Roman, la sua decisione di iniziare a lavorare come autista delle consegne è stata principalmente perché il lavoro non aveva un programma prestabilito come il tuo solito lavoro a tempo pieno.

“Essere un corriere non ti porta alcun obbligo. Non firmi un contratto, non hai un programma. Se hai tempo, prendi la borsa e vai a lavorare. Ti sei stancato? Vai a casa e rilassati. Questa è stata la parte principale per me quando si è trattato di sceglierlo, non richiedeva alcun programma e dato che di tanto in tanto volo ancora, è stato perfetto in quanto il mio programma è molto imprevedibile in questi giorni ".

Crediti immagine: rmnsvn

Anche se al giorno d'oggi Roman non lavora molto come pilota, si ritrova comunque a perdere alcune cose che sono state tolte dalla sua solita routine lavorativa.

“Mi mancano alcune cose, ovviamente. Se dovessi nominarlo, probabilmente il più importante sarebbe viaggiare. Ma c'erano anche altre cose, come vivere negli hotel, vedere il mondo e divertirsi con i miei colleghi! "

Gli abbiamo chiesto quale fosse la cosa che preferiva del suo lavoro di pilota.

“Sono appassionato di volo, quindi la mia parte preferita del mio lavoro è in realtà il mio stesso lavoro. Fino alla chiusura per la quarantena, volavo spesso sui simulatori di volo completi come istruttore per le persone che venivano per un giro di gioia, e nei miei giorni liberi andavo all'aerodromo per pilotare un piccolo aeroplano solo per divertimento. "

(Fonte: Bored Panda)