Molte celebrità, come Kim Kardashian, stanno boicottando Facebook e Instagram oggi per 24 ore

Oggi sarà senza dubbio un giorno molto confuso per l'app Facetune sul telefono di Kim Kardashian . Per la prima volta da quando è stato scaricato dall'App Store, non verrà aperto ogni sedici secondi per giocare velocemente e liberamente con la realtà, come di solito è. Ma non deve preoccuparsi, perché c'è un motivo molto importante per cui Kim non pubblicherà nessun selfie oggi. Kim e molte altre celebrità hanno promesso di stare lontane da Facebook e Instagram per 24 ore oggi, per protestare contro l'incapacità di Facebook di affrontare il loro problema di incitamento all'odio.

La CNBC riferisce che il blocco dei social media di 24 ore su 24 è stato lanciato dal movimento Stop Hate For Profit. Potresti ricordarli dall'editoriale del principe Harry's Fast Company sull'odio dei social media. Il movimento Stop Hate For Profit mira a ritenere Mark Zuckerberg responsabile per tutti i gruppi di odio che utilizzano Facebook come piattaforma per diffondere meme e commenti odiosi. Mark è stato accusato da molte persone di chiudere un occhio davanti all'incitamento all'odio e alla palese disinformazione che circola su Facebook. Anche Elon Musk ha chiesto al governo di essere coinvolto e iniziare a regolamentare Facebook.

E finora, Mark Zuckerberg si è impegnato di più nell'applicazione della protezione solare che nella lotta all'odio. Recentemente, Facebook avrebbe rifiutato di rimuovere una pagina per un'organizzazione di milizia di Kenosha, nel Wisconsin, nonostante centinaia di segnalazioni da parte degli utenti che la pagina includesse una chiamata alle armi e incoraggiasse la violenza contro i manifestanti del BLM. La CNBC afferma che Facebook ha finalmente rimosso la pagina della milizia dopo che due manifestanti sono stati uccisi. Mark Zuckerberg ha affermato che è stato un "errore operativo" che la pagina della milizia potesse esistere su Facebook.

Ecco perché oggi un sacco di nomi famosi boicottano le sue piattaforme di social media. L'elenco include Kim, così come Sacha Baron Cohen , Naomi Campbell , Judd Apatow , Amy Schumer , Sarah Silverman , Kate Hudson , Leonardo DiCaprio , Rosario Dawson , Isla Fisher , Scooter Braun e Mark Ruffalo . Diversi nomi famosi postati ieri sul perché sono rimasti in silenzio per 24 ore. Alcuni, come January Jones, hanno accusato Mark Zuckerberg di essere complice di un omicidio.

Visualizza questo post su Instagram

Mi piace il fatto di potermi connettere direttamente con te tramite Instagram e Facebook, ma non posso restare in silenzio mentre queste piattaforme continuano a consentire la diffusione di odio, propaganda e disinformazione – creati da gruppi per seminare divisione e dividere l'America – solo per prendere provvedimenti dopo che le persone sono state uccise. La disinformazione condivisa sui social media ha un grave impatto sulle nostre elezioni e mina la nostra democrazia. Per favore, unisciti a me domani, quando "congelerò" il mio account Instagram e FB per dire a Facebook di #StopHateForProfit. Link in bio per maggiori informazioni su come preservare la verità.

Un post condiviso da Kim Kardashian West (@kimkardashian) su

Visualizza questo post su Instagram

Stasera sarò fuori per 24 ore a partire da mezzanotte. Per favore unisciti a me. #stophateforprofit

Un post condiviso da January Jones (@januaryjones) su

CNBC afferma che Facebook ha rifiutato di parlare del congelamento di 24 ore di Stop Hate For Profit. Facebook possiede Instagram, motivo per cui oggi tutti tacciono i selfie.

Non sono sicuro di quanto sarà efficace questa campagna di celebrità. Ho la sensazione che Mark Zuckerberg si svegli ogni mattina e si riempia le orecchie con tappi per le orecchie fatti con banconote da 100 dollari arrotolate, in modo che possa fingere di non sentire le persone che gli urlano contro per cacciare i razzisti da Facebook. Ma forse sono solo cinico, e questa campagna # stophateforprofit attirerà l'attenzione di qualcuno di importante. E sono contento che Kim sia così coinvolto nella verità sull'evidente disinformazione e sulla propaganda di destra. Se vuole portare il suo attivismo un passo avanti, può combattere la diffusione di fatti inventati e stronzate politicamente motivate andando nel Wyoming per dire a suo marito : " Hashtag smettila di fare letteralmente tutto quello che fai, ok? "

Pic: Instagram