Mi sono trasferito in Scandinavia per seguire la mia passione per le case abbandonate (30 foto)

Ho fotografato luoghi abbandonati sopra il circolo polare artico in Norvegia e Svezia per un paio d'anni. Trascorrere così tanto tempo al nord mi ha fatto innamorare completamente del tempo imprevedibile, dei panorami spettacolari, della luce intensa e mutevole, del calore della gente e delle infinite opportunità. Quindi mi sono trasferito! Ho venduto il mio appartamento, ho salutato la famiglia e gli amici e ho iniziato una nuova vita nell'Artico.

Non è stato facile affrontare un nuovo ambiente e ricominciare da capo. Per non parlare della neve a giugno e della neve a settembre, e beh, la neve in ogni momento dell'anno davvero. Ma la ricompensa di poter trascorrere il mio tempo libero esplorando la splendida natura e condividere le storie di queste case abbandonate da tempo, rende questa decisione quella giusta.

Maggiori informazioni: Instagram

#1

La fotografia per me significa congelare un momento nel tempo: è un modo per preservare un ricordo o ritrarre una sensazione di qualcosa. Con la fotografia della mia casa abbandonata cerco di catturare ogni casa come farei se fotografassi una persona. Come un ritratto. Trovare l'angolazione giusta, la luce migliore e catturare la loro personalità, per così dire. Potrebbe sembrare sciocco, ma trovo che ogni casa abbia la sua personalità e il suo stile.

#2

#3

Ho iniziato a fotografare in un periodo di recupero dopo che mi ero ammalato di un'infezione. Ha attaccato il mio sistema immunitario e mi ha reso molto allergico a cose come i profumi, i fumi delle auto e l'inquinamento in generale. Così ho vagato per i boschi per rimettermi in salute. Un giorno mi sono imbattuto in questo vecchio casolare abbandonato: mi sentivo escluso dalla società come in quel periodo. Non riuscivo a smettere di pensarci, così ho comprato una macchina fotografica, sono tornato indietro e l'ho fotografata – ed è così che è iniziato tutto questo.

#4

#5

La parte più difficile è trovare le case! Viaggio ore e ore su strade sterrate, strade secondarie e sentieri che non potresti nemmeno chiamare strade per trovare queste case abbandonate. Questa è la prima parte. Poi è il tempo. Non mi piace fotografare quando c'è il sole – preferisco che le mie foto abbiano un aspetto più cupo e malinconico. Quindi, se trovo una casa in una giornata di sole, devo tornare in una giornata con un cielo nuvoloso drammatico. Non importa quanto lontano devo guidare. Per fotografare l'interno di queste case, trovare il proprietario e ottenere il permesso, ovviamente, non è sempre facile. È sempre molto difficile abbandonare una grande opportunità fotografica – allo stesso tempo, è importante mostrare rispetto per la proprietà degli altri. Non credo che sarei in grado di fare questo lavoro se non avessi quell'etica del lavoro.

#6

#7

L'argomento che affronto è l'abbandono! È iniziato solo con riprese esterne. Ritratti di case. Poi, man mano che si è evoluto, sono entrato in contatto con i proprietari della casa e ho ottenuto l'accesso e ho potuto fotografare sempre più scatti interni. Quando ho incontrato questi proprietari, ho anche iniziato a ricevere storie dalla casa e dalle persone che un tempo vivevano lì. Alcune delle storie erano anche abbastanza incredibili. Questo mi ha fatto capire che dovevo iniziare a lavorare a un libro con foto di case abbandonate e storie delle persone che un tempo le abitavano. Il libro è ora in norvegese, venduto solo in Norvegia per il momento.

#8

#9

Non ho proprio uno stile particolare. Quando ho iniziato, ho modificato le mie foto per sembrare più scure e malinconiche, ma poiché sono cresciuto come fotografo, cerco di mantenerle più naturali. Fare affidamento sulla luce naturale e lasciare che la natura circostante – l'oceano, la foresta, le nuvole – svolga un ruolo più importante. Continuo a modificare le mie foto, ma ora lo tengo sul semplice e cerco solo di migliorare ciò che è già presente.

#10

#11

Faccio fotografia da 10 anni ormai e probabilmente continuerò finché ci saranno case abbandonate da trovare. Ho appena pubblicato il mio libro e oggi è al primo posto nella classifica nazionale dei bestseller in Norvegia. Le foto e le storie delle case abbandonate sembrano attrarre molte persone e con questa consapevolezza, voglio assolutamente continuare a raccontare quelle storie. Per il passato, il presente e il futuro.

#12

#13

Quello che mi ispira ad andare avanti è trovare la prossima casa e la prossima storia. Quando pensi di aver visto tutto – e viaggi per ore e trovi quell'incredibile casa sulla spiaggia! O quella villa di tre piani in un piccolo villaggio di pescatori. Questa è la mia ispirazione!

#14

#15

Se vuoi essere un fotografo, tieni gli occhi aperti. In ogni modo. Ho trovato case abbandonate in zone in cui ho viaggiato fin dall'infanzia. Non sai sempre cosa stai cercando finché non lo vedi e il modo in cui vedi le cose cambierà con l'esperienza e trovando nuovi impulsi. Usa la luce naturale per tutto ciò che vale. Non essere troppo duro con te stesso. L'apprendimento è un viaggio continuo. Posso guardare le mie vecchie foto e rabbrividire per l'inquadratura o la modifica che ho fatto, ma so che fa parte del mio processo di apprendimento.

#16

#17

Fotografo case abbandonate perché devono essere estremamente interessanti e fotogeniche. Trovo che la vernice scrostata, il legno screpolato e le tegole rotte siano molto belli. Mi piace come la natura si riprende e come il tempo e il tempo modellano una casa creata dall'uomo. Trovo anche interessante vedere come le case e le persone siano intercambiabili l'una dall'altra. Una persona ha bisogno di una casa per essere al sicuro dagli elementi nello stesso modo in cui una casa ha bisogno di una persona per tenerla al sicuro dagli elementi. Fare la ricerca e trovare le storie delle persone che un tempo vivevano lì aggiunge anche un elemento in più a tutto: chi ha vissuto lì? Avevano figli, come si guadagnavano da vivere? Perché è stato abbandonato?

#18

#19

Vengo dalla Norvegia e ho vissuto qui tutta la mia vita. Alcuni anni fa mi sono trasferito nel nord della Norvegia e ho trascorso tre anni vivendo nell'Artico. A nord, ci sono così tante case abbandonate nello splendido scenario. Alte montagne, fiordi cristallini e la luce sono diverse da qualsiasi altra cosa con il sole di mezzanotte in estate e l'aurora boreale in inverno. Ora sono tornato di nuovo al sud, per essere più vicino alla famiglia.

#20

#21

#22

#23

#24

#25

#26

#27

#28

#29

#30

(Fonte: Bored Panda)