Mary J. Blige: “Se sei stata picchiata mentalmente, non sei mai abbastanza carina”

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mary J Blige (@therealmaryjblige)


Mary J Blige ha attraversato alcune cose negli ultimi anni. Nel 2018, Mary ha finalizzato il divorzio dal marito e manager Kendu Isaacs sotto molti drammi e lanciando fango (dal suo angolo). Tuttavia, c'erano alcuni aspetti positivi. Nel 2017, Mary ha recitato in Mudbound per il quale è stata nominata per due Oscar (Miglior attrice non protagonista e Migliore canzone originale). È stato durante la sua interpretazione di Florence Jackson in Mudbound che Mary ha detto che finalmente si vedeva bella. Ora, Mary è la protagonista di Starz's Power Book II: Ghost e si esibirà con Eminem, Dr. Dre, Snoop Dog e Kendrick Lamar per lo spettacolo dell'intervallo del Super Bowl LVI. Anche il nuovo album di Mary, Good Morning Gorgeous uscirà l'11 febbraio. Mary sta coprendo il numero di febbraio di Elle. Nel suo profilo, Mary ha discusso del suo personaggio da "ghetto favoloso" che ha assunto prima che la sua carriera decollasse, trovando l'amore per se stessa dopo essere stata mentalmente abbattuta per anni e le sue affermazioni mattutine quotidiane. Alcuni punti salienti di Elle:

Sul riguadagnare la propria autostima
“Se sei stato picchiato mentalmente da qualcuno, non sei mai abbastanza carino. Non sei mai abbastanza intelligente. Niente è mai abbastanza buono,”

"Quando ho girato Mudbound, ero al punto di sfiducia reale", ammette. I complimenti di tutti sul set hanno contribuito a costruire la sua immagine di sé e l'hanno costretta a rivestirsi correttamente. Ogni mattina diceva a se stessa: "'Questa ragazza è bellissima'", dice. "Così ho iniziato a crederci e ho iniziato a farmi grandi complimenti per superare quella sensazione e quella paura". È stata Florence a far capire a Blige che parrucche, intrecci e trucco erano solo secondari e le ha dato la sicurezza di abbracciare il lato naturale della regina dell'hip-hop Soul.

“Durante Mudbound e quando ero sposato, mi sentivo così giù. Ho dovuto farmi i complimenti più alti, anche se non ci credevo, solo per rafforzarmi”, dice Blige. “Lo farei al mattino, perché quello è il momento in cui non hai i capelli fatti e non hai il trucco. Hai solo a che fare con te stesso per davvero. Si sveglia ancora e recita le stesse parole: “Buongiorno, bellissima. Ti voglio bene. Ti ho preso. Ho bisogno di te."

Sul suo stile iniziale
“Ghetto favoloso è solo che, quando vieni dal cofano, sei al tuo volo. Cosa puoi permetterti? Cosa puoi farci? Vuoi pietre sulle unghie. Vuoi colori pazzi sulle tue unghie. Vuoi pellicce colorate. Vuoi che gli stivali Timberland si abbinino alle tue pellicce. Vuoi una maglia da hockey? È tutto ciò che senti di poter fare con tutto ciò che ti puoi permettere”, spiega Blige. “Crescendo intorno agli spacciatori e alle donne con cui uscivo, indossavano pellicce: lunghi zibellini, volpi argentate e rossetto rosso. Erano solo volare. Gli uomini li indossavano, ma quando hai visto una donna presentarsi in uno, sapevi chi era".

[Da Elle tramite Yahoo]

Sarebbe negligente da parte mia non commentare quanto sia bella Mary in queste immagini per Elle. So che Mary ha compiuto 51 anni all'inizio di questo mese e la donna sta ancora servendo il miele di lewks. Ho sempre amato la capacità di Mary di rendere il ghetto favoloso e favoloso. E spesso ho voluto vestirmi come lei nonostante il mio stile fosse più da Hamptons incontra una rocker che favolosa. Ascolto Mary dal suo album 411 e l'ho vista attraversare i suoi alti e bassi tra la sua pazza relazione AF con K-Ci da Jodeci negli anni '90 al suo matrimonio caotico con Kendu Isaacs. Ricordo quando la relazione di Mary con Kendu iniziò a disfarsi pubblicamente. Tutto quello che volevo fare era abbracciare Mary e sperare che trovasse l'amore che meritava veramente. Ero stanco di vederla accontentarsi di questi uomini impolverati.

Sono felice di leggere che Mary ha finalmente imparato ad amare se stessa. Adoro il modo in cui ha affrontato la sua autostima insieme agli abusi mentali che ha subito. Sembrerebbe che Mary sia nella fase del “non più dramma” della sua vita. Come direbbe Beyonce, "la migliore vendetta è la tua carta" e Mary lo sta dimostrando. Mi è davvero piaciuta Mary in Mudbound . Onestamente è stata la prima volta che ho visto quanto fosse bella una Mary J. spogliata. Forse stavo scoprendo la bellezza di Maria nello stesso momento in cui lei la stava scoprendo da sola. Non vedo l'ora dell'esibizione del Super Bowl di Mary il prossimo mese e non vedo l'ora di recuperare il ritardo su Power Book II: Ghost . Nel frattempo, farò un viaggio nella memoria e andrò ad ascoltare la mia canzone preferita di Mary J., You're All I Need with Method Man.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mary J Blige (@therealmaryjblige)

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mary J Blige (@therealmaryjblige)