Mark Zuckerberg ha avuto una teleconferenza con i leader neri. non è andata bene

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Mark Zuckerberg (@zuck) su

Direi che Mark Zuckerberg di Facebook sta vivendo una brutta settimana ma è troppo in culo per conoscerlo. Sento il bisogno di riconoscere che io, in CB, ho sostenuto Mark in passato, intorno alla nascita del suo primo figlio. Ero tristemente fuorviato e ogni buona volontà che ha guadagnato con me da allora è stata gettata in un cassonetto e bruciata. Mark è stato sotto tiro per ancora una volta dando alla carta bianca il nostro Orange Dictator di vomitare la sua sporcizia dalla piattaforma di Mark, decisione che Mark continua a difendere . In un momento in cui anche Jack Dorsey di Twitter ha segnalato i commenti incendiari di 45, Mark ha rifiutato di ascoltare il resto di noi. Per aggiungere la beffa al danno, Mark ha insultato un gruppo di eminenti leader dei diritti civili neri quando si è dimostrato incapace di capire che Facebook sta aiutando a diffondere una retorica violenta.

Secondo un rapporto di Bloomberg, i leader dei diritti civili neri che hanno partecipato a una conference call con il fondatore di Facebook Mark Zuckerberg si sono allontanati in seguito "delusi e sbalorditi" dall'apparente incapacità del miliardario tecnologico di comprendere le questioni che incidono sugli afro-americani.

Il rapporto rileva che parte della discussione ha riguardato la decisione di Zuckerberg di ignorare e respingere i commenti di Donald Trump sui manifestanti della brutalità della polizia – con un leader nero che ha definito la spiegazione del dirigente "incomprensibile".

Secondo Jeff Green di Bloomberg, "Mark Zuckerberg ha ospitato una videochiamata di quasi un'ora con i leader dei diritti civili degli Stati Uniti per discutere questioni in corso sulle politiche della sua società in relazione a gare, elezioni e altri argomenti", prima di aggiungerlo non è andato bene sulla base dei commenti del presidente di Color of Change Rashad Robinson.

In un'intervista, Robinson ha lamentato, "… il problema con le mie conversazioni in corso con Mark, è che mi sento come se avessi trascorso molto tempo, ei miei colleghi hanno trascorso molto tempo, spiegandogli perché queste cose sono un problema, e Penso che gli manchi solo la capacità di capirlo. "

Sottolineando che l'approccio a mani basse di Zuckerberg quando si tratta di Trump è sconcertante alla luce della minaccia del presidente che "quando iniziano i saccheggi, iniziano le riprese" per quanto riguarda i manifestanti di George Floyd, Robinson ha notato che il dirigente di Facebook sta scontando i propri dipendenti che sono furiosi con lui.

[Da Raw Story]

Il commento di Rashad Robinson mi ha fatto notare, "il problema delle mie conversazioni in corso con Mark è che mi sento come se avessi trascorso molto tempo, ei miei colleghi hanno trascorso molto tempo, spiegandogli perché queste cose sono un problema, e Penso che gli manchi solo la capacità di capirlo. " Si dice così tanto in quella frase, a cominciare dal fatto che questa non è la prima volta che questi leader hanno cercato di convincere Mark a capire come sta lavorando contro di loro. Naturalmente Mark si aspetta che importanti leader dei diritti civili neri lo educino o, come viene anche chiamato, facciano i compiti per lui. E, anche allora, non riesce ad aprire la mente abbastanza per capire cosa gli viene spiegato. Di volta in volta Mark ha dimostrato che l'unica cosa che capisce sono i soldi.

Come menzionato nell'articolo, i dipendenti di Facebook sono arrabbiati per Mark e la sua inazione. Lunedì hanno organizzato uno sciopero virtuale , virtuale perché la maggior parte lavora da casa a causa della pandemia. Non solo si sono seduti a lavorare fuori, ma hanno preso su Twitter per condannare Mark, Facebook e tutte le sue pratiche. Il fatto che i dipendenti di Facebook stessero usando Twitter per il loro dissenso è l'unico punto positivo di questa storia. Mark non ha commentato la sciopero o le preoccupazioni dei suoi dipendenti, il che non sorprende. Un portavoce di Facebook, il nome appropriato di Liz Bourgeois, ha dichiarato: “Riconosciamo il dolore che molte persone stanno provando in questo momento, specialmente la nostra comunità nera. Incoraggiamo i dipendenti a parlare apertamente quando non sono d'accordo con la leadership ", il che non significa nulla considerando l'assenza di attivismo da parte della leadership di Facebook.

wenn35603476

wenn36229102

Credito fotografico: WENN / Avalon e Instagram

Commenta su Facebook