Malore in piena notte, viola il coprifuoco e corre in ospedale: multato 500 euro

Aumentano i contagi e di conseguenza aumentano i controlli delle forze dell'ordine. Negli ultimi tempi, però, forse il provvedimento è stato perso, da tutti, cittadini e agenti. Dopo che i due ragazzi sono stati multati con una multa di 400 euro per aver baciato e non aver rispettato la distanza di sicurezza, abbiamo sentito parlare di tutti i colori. Come l'uomo che, in isolamento medico perché positivo, è andato dall'amante ed è stato catturato dai carabinieri e rimandato a casa dalla moglie.

Questa volta parliamo di un episodio avvenuto a Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi. Un uomo di 45 anni, Angelo Micocci, si è ammalato nella notte e, per non spaventare i suoi cari, non ha chiamato il 118. Non è mai stata una decisione meno saggia, a giudicare da quanto accaduto subito dopo. ( Continua a leggere dopo la foto )

L'uomo, colpito da un sospetto attacco di ipertensione e conseguente fibrillazione, ha deciso di recarsi da solo all'ospedale di Francavilla, ma è stato fermato dai carabinieri e multato. Lo ha raccontato lo stesso 45enne con una lettera inviata ai giornali: "Vorrei portare all'attenzione della comunità un fatto assurdo che mi è capitato la notte dell'11 novembre – le parole dell'uomo – Premetto che da meno di un mese seguito dal medico curante e dal cardiologo mentre combatto la trombocitosi e l'ipertensione derivante da un'ischemia risalente ad agosto; per questo da settembre sono in congedo per malattia dal lavoro ”. ( Continua a leggere dopo la foto )

“Non chiamo il 118 per evitare di spaventare i miei figli minori e il condominio – spiega Angelo – e per non intralciare il lavoro dei soccorritori in questo delicato periodo. Cammino a pochi metri da casa mia e vengo fermato da una pattuglia della polizia che, invece di agevolare e capire il motivo del mio essere fuori casa, mi impedisce di procedere, verificando i documenti di circolazione e redigendo un verbale di oltre 500 euro per non aver rispettato il coprifuoco ". ( Continua a leggere dopo la foto )

Le giustificazioni dell'uomo erano inutili, gli uomini in uniforme erano inflessibili. “Finora ho sempre creduto che la polizia rappresentasse un supporto al cittadino e non un ostacolo alla salute delle persone. Sto procedendo in appello ”. Intanto la stazione dei carabinieri di Francavilla ha chiarito: "L'uomo avrebbe potuto richiedere un'ambulanza invece di guidare, mettendo a rischio la propria e altrui incolumità". Non solo, a quanto pare, una volta arrivato a casa l'uomo è stato raggiunto da un'ambulanza e il personale medico non ha ritenuto necessario il ricovero.

"Molto alto bene, non è giusto". Due fidanzati si baciano per strada, ma arrivano i combattenti (per Covid): la figura indigna tutti

L'articolo Malattia in piena notte, viola il coprifuoco e corre in ospedale: una multa di 500 euro arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)