L’uomo gay spiega che la sua sessualità è la ragione per cui non è invitato alle riunioni di Natale dai nonni, 10 anni. La nipote li affronta

Spesso ci lamentiamo dei nostri genitori. Li amiamo, sì. Ma ogni volta che finisci nella stessa stanza, qualcosa scatta e torni al punto di partenza, pensando brevemente: "Dio, spero di non risultare proprio come loro". Eppure… Non importa cosa, c'è quella cosa strana chiamata 'amore incondizionato' — il fondamento di ogni relazione genitore-figlio.

Purtroppo, ci sono alcuni casi di genitori che non possono accettare il fatto che il loro bambino non sia diventato "normale", proprio come loro. Questo è anche uno dei motivi per cui le persone della comunità LGBT+ tendono ad avere un "tasso più alto di problemi di salute e di salute mentale", secondo alcuni studi .

Come questo gay di 28 anni ha condiviso nella sua storia , l'amore incondizionato non è qualcosa che ha vissuto dai suoi genitori conservatori: rinnegato per essere omosessuale e cacciato dalle riunioni annuali di Natale, il dramma familiare sconvolgente non poteva più mantenere la verità sul perché durante i festeggiamenti “doveva sempre lavorare”, quindi quando la sua nipotina gli chiedeva, rispondeva.

Non sapeva che la sua genuina onestà avrebbe messo tutta la sua famiglia contro di lui. Accusato di aver coinvolto la figlia di sua sorella in questo, l'uomo si è rivolto al subreddit "Am I The A-Hole" per vedere se ha davvero fatto qualcosa di sbagliato.

Se sei affamato di altre storie come questa, dai un'occhiata a questo e a questo post!

Crediti immagine: Renate Vanaga (non la foto reale)

E tutto ciò che ha fatto è stato dire la verità onesta

Crediti immagine: sconvolgente dramma familiare

Sulla base delle risposte di Internet, è abbastanza chiaro chi ha torto qui

Sebbene i tempi stiano cambiando con sempre più adulti americani che stanno bene con i loro figli "che fanno coming out", secondo studi recenti, la verità è molto meno carina: fino ad oggi, non tutti i genitori possono accettare i propri figli come sono veramente. Non importa la forma, la forma o il sesso.

Parlando di questo problema universale con Michael LaSala , uno psicoterapeuta specializzato in comunità LGBTQ+ e autore di "Coming Out, Coming Home: Helping Families Adjust to a Gay or Lesbian Child" (una vera testimonianza di quanto siano cambiate le condizioni per i giovani gay ), un uomo apertamente gay con un marito di 32 anni, apprendiamo che il caso di u/sconvolgente familydrama è ben lungi dall'essere il primo negli oltre 30 anni di esperienza di LaSala.

"La regola generale quando si lavora con i bambini è di dire loro la verità quando la chiedono", ha detto LaSala a Bored Panda, prima di aggiungere un promemoria sul fatto che ogni caso è diverso e per analizzare completamente questa situazione nel modo più vantaggioso, avrebbe devono sapere di più su ogni persona nella storia. Pertanto, crede che la nipote fosse pronta per la verità e il vero nemico in questa storia non è l'autore ma "l'omofobia in famiglia". LaSala ha poi sottolineato che la bambina di 10 anni è "una delle persone più sane in tutto questo scenario" poiché è stata l'unica ad aver affrontato questo problema. Vai, nipote!

Il mondo è complicato in questo momento come non lo era mai stato prima. Questo è ciò che ci viene ricordato durante la nostra conversazione con il Dr. LaSala. "La nipote si trova in una situazione complicata e questa non sarà probabilmente la prima o l'ultima volta che incontrerà una zona d'ombra", ci ha detto. Sebbene LaSala non sia così critico nei confronti della sorella dell'autore che ha scelto la via più semplice per uscire da questa situazione, a differenza di alcune delle risposte più dure da Internet, crede che non sia mai troppo tardi per lei per fare ciò che è giusto.

“Una delle cose che la sorella avrebbe potuto fare è dire: 'mamma e papà, vi sbagliate su questo e ci avete messo in una posizione molto imbarazzante in cui dobbiamo avere un Natale separato, e mia figlia è molto confusa [perché di esso]' – ma non è mai troppo tardi", ha detto LaSala.

Per quanto possa essere fonte di confusione per la bambina di 10 anni, potrebbe essere il catalizzatore di alcuni cambiamenti nella famiglia. I giovani sono ficcanaso, dopotutto. A loro piace fare domande. LaSala è d'accordo, aggiungendo che questo deve essere un lavoro di squadra. Primo passo: cambio di approccio. “Consiglierei all'autore di farlo da una posizione di forza, non da una posizione di 'ho fatto la cosa sbagliata?'”

E i genitori? Quali sono le possibilità che un giorno cederanno alla vera identità del figlio e accetteranno chi è? LaSala avverte che c'è ancora speranza per aggiustare la relazione, ma solo se i genitori sono disposti ad aiutare. "Mantieni alcuni contenuti minimi: una chiamata ogni tanto, una cartolina di Natale che dice: 'So che non parliamo molto e abbiamo dei disaccordi, ma volevo solo farti sapere che ti amo ancora'. Quindi, se, e quando, i genitori si avvicinano, non c'è alcun ostacolo da scavalcare la distanza e l'ostilità a lungo termine".

È una realtà sfortunata, con cui molte persone LGBTQ+ hanno a che fare. E LaSala capisce che essere un uomo migliore non cambierà chi sono i tuoi genitori. Ecco perché a volte è meglio iniziare a creare una famiglia tutta tua, che ti accetti per quello che sei. A questo LaSala ha detto: "Spero che lo stia facendo in questo momento".

Il post Gay Man spiega che la sua sessualità è la ragione per cui non è invitato alle riunioni di Natale dai nonni, la nipote di 10 anni li affronta per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)