L’Italia in lutto, morto “il re del gelato”. L’imprenditore vittima di Covid

L'Italia e soprattutto il Lazio perdono un pezzo importante della loro storia. Ancora una volta il coronavirus sta portando via un grande personaggio, che continua quindi a mietere vittime a perdifiato. Nelle scorse ore la città di Ostia ha dovuto salutare Giuseppe Ciotoli, da tutti conosciuto come Peppino. La sua attività professionale lo ha fatto finire sempre nelle cronache, infatti è stato uno degli imprenditori più apprezzati e amati. Una fantastica persona.

L'uomo già soffriva di malattie cardiache e aveva anche il diabete, poi il Covid-19 gli diede purtroppo il colpo di grazia. Aveva 83 anni ed è morto in un letto dell'ICC Casal Palocco. Suo padre era Sisto da Ceccano e quando Peppino aveva appena 11 anni arrivò proprio al Lido di Ostia. Ha ereditato l'arte del gelato dai suoi genitori, infatti era chiamato il re del gelato. Ha cercato di combattere con tutte le sue forze per sconfiggere la malattia, ma è finito in coma prima di morire. (Continua dopo la foto)

Già da bambino di soli 5 anni poteva aiutare il padre nel caseificio caffè "Pignotti" di via Principe Amedeo. Sisto era sposato con la signora Vittoria Pizzichelli e con lei aveva concepito tre figli. Ha avuto prima Liliana, poi Peppino e infine Mario. Ciotoli ha potuto apprendere i segreti del mestiere e portare avanti l'attività da solo. Ma ha fatto anche qualcos'altro, infatti è stato costruttore ed espositore del 'Cinema Sisto'. (Continua dopo la foto)

Successivamente è stato mecenate del "Cinema Superga" e successivamente di "Cineland", insieme a Pino Merluzzi, scomparso un anno fa. "Cineland" è stato un progetto più che riuscito. Era infatti dotato di 14 sale per un totale di 2.860 posti a sedere. Anche la multisala di Ostia era riuscita a strappare due milioni di biglietti all'anno. Inoltre è stato anche presidente di Ostiamare, nonché grande amico di Dino Viola della Roma. Da quando sua moglie Rita è morta, il suo umore era cambiato. (Continua dopo la foto)

Lascia i figli Edoardo e Fiammetta in grande dolore. Ma ci sono innumerevoli persone che gli hanno voluto un mondo di bene e che non dimenticheranno mai la sua figura. Molti lo ricordano anche per una frase tipica, quando è stato contattato al telefono: "Va bene, ma quando ti vedo?". Tutta la città di Ostia è quindi in lutto e perde un uomo meraviglioso e di successo.

"Non è vero". Morto il "Re delle notti dell'Adriatico", colpito in casa da un malore a 50 anni

L'articolo Italia in lutto, muore 'il re del gelato' L'imprenditore vittima del Covid arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)