L’insegnante chiama questa madre che ha invitato l’intera classe alla festa di compleanno della figlia tranne un bullo, la mamma chiede se si sbagliava

È normale dubitare delle tue scelte genitoriali; nessuno ha tutte le risposte. Ma una mamma che chiaramente vuole solo il meglio per suo figlio di recente è stata così confusa su una delle sue decisioni che ha chiesto a estranei su Internet di condividere la loro opinione al riguardo.

La donna va online con il nome SomeSeriousToast . Una settimana fa, ha presentato la sua storia a ' Am I the [Jerk]? ' comunità, parlando del sesto compleanno di sua figlia. Più precisamente, la sua lista degli invitati.

Ha invitato tutti nella classe di sua figlia tranne un bullo che fa sempre passare dei brutti momenti a suo figlio. Anche se la donna sentiva che era la chiamata giusta in quel momento, dopo aver parlato con l'insegnante di sua figlia, seri dubbi hanno iniziato a insinuarsi nei suoi pensieri, non lasciandole altra scelta che chiedere aiuto.

Una madre preoccupata voleva che sua figlia facesse la migliore festa di compleanno, quindi ha invitato tutti nella classe della ragazza tranne un bullo meschino

Crediti immagine: TiAchen Aier (non la foto reale)

Ma dopo un colloquio con la loro insegnante, la donna ha iniziato a mettere in discussione la sua decisione, così ha raccontato la sua storia su internet, chiedendole di aiutarla a dare un senso alla situazione

Purtroppo, la figlia della donna è parte di un problema più grande. Secondo il National Bullying Prevention Center del PACER, uno studente su cinque (20,2%) riferisce di essere vittima di bullismo.

Una percentuale più alta di ragazzi rispetto alle studentesse afferma di essere vittima di bullismo fisico (6% contro 4%), ma è il contrario quando si tratta di essere oggetto di voci (18% ragazze contro 9% ragazzi) e essere esclusi dalle attività di proposito (7% ragazze vs 4% ragazzi).

E non è solo una cosa una tantum. Tra gli studenti che hanno riferito di essere stati vittime di bullismo a scuola, il 41% ha dichiarato di pensare che il bullismo si sarebbe ripetuto.

Il National Bullying Prevention Center ha anche evidenziato che gli studenti vittime di bullismo sono maggiormente a rischio di depressione, ansia, difficoltà di sonno, rendimento scolastico inferiore e abbandono scolastico.

Inoltre, le vittime hanno il doppio delle probabilità rispetto ai loro coetanei non vittime di bullismo di sperimentare effetti negativi sulla salute come mal di testa e mal di stomaco.

Crediti immagine: Mikhail Nilov (non la foto reale)

Tuttavia, come sottolinea questa meta-analisi del cyberbullismo e del bullismo tradizionale, dobbiamo stare attenti quando guardiamo i dati. Anche se tali studi presentano prove utili e aiutano a progettare programmi di prevenzione, spesso hanno risultati contrastanti e i numeri possono variare notevolmente a causa delle diverse definizioni di bullismo; non tutti i ricercatori approvano la caratterizzazione più citata del fenomeno, che è "comportamenti dannosi e ripetitivi messi in atto da un carnefice che è più potente della sua vittima".

Crediti immagine: someserioustoast

Quasi tutti pensavano che la mamma avesse tutto il diritto di escludere il bullo

SomeSeriousToast non è il primo genitore che ha dovuto affrontare questo dilemma. E mentre ogni caso è diverso, alcune persone pensano che ci siano regole che si applicano a tutti loro.

Alcuni anni fa, Mark Brearey, il capo della Kingswood Preparatory School di Bath, nel Regno Unito, ha fatto notizia per aver cercato di ricordare a mamme e papà di essere inclusivi.

Scrisse loro una lettera in cui chiedeva: “Per favore, potete evitare di portare a scuola inviti a feste che non includono tutti i bambini di una particolare classe o gruppo annuale. Questo va completamente contro la nostra politica di inclusione per ogni singolo bambino ed è divisivo e scortese”.

A quel tempo, i genitori hanno criticato la decisione, con molti che l'hanno definita "ridicola" sui social media. Michela Helen Mills, ad esempio, ha affermato: "Penso che ai bambini dovrebbe essere consentito distribuire inviti e i presidi dovrebbero tenere presente che non tutti i genitori possono permettersi di invitare l'intera classe: alcune classi hanno 20+ in ogni classe".

In effetti, il denaro è stato probabilmente il motivo più citato per cui questo approccio viene esaminato, ma diversi genitori hanno sostenuto Brearey.

Nicholas Roper era uno di loro. L'uomo ha detto: "Non sta costringendo i genitori a ospitare più di 30 bambini, ma non distribuire gli inviti a scuola".

"Insegnare ai bambini è già abbastanza difficile senza ulteriori drammi in classe".

Dopo lo scoppio della notizia, Brearey ha mantenuto la sua decisione, dicendo che era stata progettata per impedire ai bambini che sono rimasti fuori di sentirsi sconvolti. Ha aggiunto che se i genitori volessero invitare solo alcuni degli amici dei loro figli, dovrebbero farlo in privato.

“Se i bambini si sentono come se fossero stati esclusi da uno della classe, può avere un grave impatto ed è qualcosa che non deve accadere. Perché scegliere di escludere in un contesto pubblico quando non è necessario?"

Ed è un sentimento che molte delle persone che leggono questa particolare storia hanno espresso in un modo o nell'altro.

Ma alcuni hanno sottolineato che distribuire gli inviti durante un evento scolastico potrebbe essere stato un errore

Il post L' insegnante chiama questa madre che ha invitato l'intera classe alla festa di compleanno della figlia tranne un bullo, la mamma chiede se si sbagliava è apparsa per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)