Lil Nas X non vuole parlare di “molta dell’omofobia nel rap”

Wonder Park, la premiere di Los Angeles della Paramount Animation e dei film di Nickelodeon

Lil Nas X è uno dei soggetti di copertina dell'ultimo numero di Variety. Nas – vero nome Montero Lamar Hill – sta promuovendo il suo prossimo album, Montero, che ha già una serie di successi da record. Mentre Olivia Rodrigo (un'altra cover di Variety) è sicuramente una delle grandi storie della musica di oggi, lo è anche Nas. Milioni di persone lo ascoltano, si impegnano con lui e lo amano. Ha solo 22 anni ed è un gay dichiarato. Puoi leggere il pezzo completo di Variety qui . Alcuni punti salienti:

La pandemia: "Penso di aver passato tutta la pandemia a fare musica e piangere, senza alcuna via di mezzo. Per il primo mese circa, non sono uscito di casa e, una volta fatto, sono stato estremamente critico nei confronti di tutto ciò che stavo facendo. Lasciavo che tutto online arrivasse a me e mi sentivo come se le cose fossero finite per me".

Non piace più alle persone: “Onestamente, credo che la pandemia mi abbia aiutato a uscire dall'idea di cercare di accontentare tutti e dall'idea di 'È una persona gay fantastica; è una persona gay accettabile.' Prima vedevo cose del genere come un complimento, ma non lo è. Significa solo che sei un amante delle persone e non diventano mai leggende. Volevo essere ancora più autentico nella mia musica e far entrare le persone nella mia vita. Sono molto più sicuro ora, della mia musica, di me stesso, della mia sessualità, delle cose che credo di rappresentare".

Elton John lo adora: Elton John, che ha definito Nas "un mio eroe", dice a Variety: "Lil Nas X è un provocatore audace e coraggioso che sta facendo musica straordinaria e stimolante. Sta spingendo i confini della musica urbana abbracciando con tutto il cuore la sua sessualità e proiettando visivamente quella celebrazione nel mondo. Storicamente, c'è stata molta omofobia nel mondo hip-hop. I recenti commenti dannosi di DaBaby sulla comunità LGBTQ e le persone che vivono con l'HIV/AIDS dimostrano chiaramente che c'è ancora così tanta istruzione e lavoro da fare”.

Nas sui rapper che lo odiano. “La verità onesta è che non voglio parlare molto dell'omofobia all'interno del rap perché sento che questo è un campo di gioco molto pericoloso. È più per la mia sicurezza che per qualsiasi altra cosa".

Si sentiva insicuro: “Sì, molte volte, assolutamente. Soprattutto dopo ['Montero']. C'è stato letteralmente qualcuno che ha inseguito la mia macchina pochi giorni dopo l'uscita di quel video, urlando, 'F–k you!' o qualcosa. Ed è stato allora che ho iniziato a ottenere la sicurezza". Sebbene non sia sicuro che il video sia ciò che ha spinto questo sconosciuto a inseguirlo, "Sento che non potrebbe essere una coincidenza".

Amava Chiamami col tuo nome: “L'ho visto a casa mentre stavo iniziando a realizzare il mio album. Ed ero davvero felice di vedere un film gay così artistico, sai? L'ho usato come sottotitolo perché mi sembrava che quella canzone, anche prima di aggiungere i testi, suonasse come quel film, prendendo suoni dalla musica indiana, dalla musica araba, dalla musica africana. Ad ogni modo, ho incontrato Timothée al "SNL". Stava solo uscendo nel backstage, ed è stato di grande supporto e ha mostrato amore. Ero tipo, santa merda, è un momento pazzesco a tutto tondo. "

La sua storia da adolescente Minaj stan: “Essendo su stan Twitter nel suo complesso, ho imparato molto sulle cose che gli artisti devono affrontare, e anche molta storia dell'industria musicale. Mi sta aiutando molto".

Il suo attuale fidanzato è The One: Encountering homophobia “ha generato molto odio per me stesso, ma mi ha anche reso più forte. Una volta che avevo 17 o 18 anni, l'ho finalmente accettato – come, di sicuro, l'ho accettato, lentamente, sempre di più – e ora sono diventato una persona aperta al 100% con esso. Ho avuto dei buoni fidanzati e alcuni cattivi. Molti di loro erano emotivamente non disponibili o avevano molta insicurezza e quant'altro". Ma "Ho trovato qualcuno di speciale ora", rivela. “Penso che questo sia quello. Non riesco a spiegarlo, è solo una sensazione".

[Da varietà]

L'ho già detto un milione di volte, ma lo amo e voglio il mondo per lui. È bello perché penso che abbia una buona testa sulle spalle e penso che ci siano così tante persone nell'industria musicale che fanno il tifo per lui. Non solo Beyonce ed Elton John – anche se sono importanti alleati da avere – ma persone che si avvicinano a lui, i suoi coetanei generazionali e altri artisti neri e artisti del sud. Comunque, Nas è fantastico. I rapper che stanno cercando di parlare cazzate di lui stanno solo raccontando a se stessi.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Variety (@variety)

Copertina e IG per gentile concessione di Variety.