Liam Neeson cerca di spiegare la sua storia razzista ripetendolo e sostenendo che non è "razzista"

2018 Arthur Miller Foundation

Ieri, l'intervista di Liam Neeson con The Independent è diventata virale per tutte le ragioni sbagliate. Come abbiamo discusso prima , Neeson ha confessato di cercare attivamente la violenza dopo che uno dei suoi buoni amici è stato stuprato. La sua versione della storia – e ancora non riesco a credere che abbia parlato di questo in un'intervista, sul disco – fu che fu così sconvolto e sconvolto quando sentì del violento stupro del suo amico che andò a caccia di uomini neri per assalto o uccisione. Letteralmente, QUALSIASI uomo nero. Neeson ha raccontato la storia come se fosse un momento teatrale sulla vendetta, piuttosto che un momento insegnabile su come lui sia un razzista af-re.

Bene, la giuntura di Neeson continua e, come puoi immaginare, ora è un vero casino. Liam è apparso su Good Morning America questa mattina e il povero Robin Roberts è stato colui che lo ha intervistato. So solo che all'inizio ho riso per il disagio – perché RACCONTA LA STESSA STESSA STESSA COME HA RIVELANDO NUOVE INFO – e poi ho abbaiato con una vera risata quando ha detto "potere camminare". Aspettalo.

Ovviamente, " Sono stato allevato nell'Irlanda del Nord" non è una ragione sufficiente per cercare di assalire violentemente, mutilare o uccidere QUALSIASI uomo nero in nome della vendetta. E no, camminare con il potere e andare alla confessione probabilmente non ti guarirà nemmeno dal razzismo. Ma hey, è bello perché Liam è qui per dirci che non è razzista , ok? Non capisco perché il suo addetto stampa non lo abbia messo a sedere e gli abbia spiegato: "guarda, amico, hai davvero bisogno di non raccontare di nuovo quella storia". Perché lui racconta esattamente la stessa storia esattamente allo stesso modo di Robin ha fatto alla "giornalista donna" di The Independent.

56 ° Festival del cinema di New York - "La ballata di Buster Scruggs" - Prima

Foto per gentile concessione di WENN.
56 ° Festival del cinema di New York - "La ballata di Buster Scruggs" - Prima
2018 Arthur Miller Foundation

( Fonte )

Commenta su Facebook