Le email del 2016 di Stephen Miller rivelano il suo suprematista bianco e le sue convinzioni razziste

Il presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump partecipa a una tavola rotonda sulla sicurezza delle frontiere e sulle comunità sicure

Oggi è il primo giorno delle testimonianze / audizioni pubbliche per l'indagine sull'impeachment di Donald Trump. Tutte le reti e le stazioni di notizie via cavo trasmetteranno in diretta le audizioni. Due uomini testimonieranno oggi : "Bill Taylor, il massimo diplomatico dell'ambasciata degli Stati Uniti in Ucraina, e George Kent, vicedirettore segretario di stato per gli affari europei ed eurasiatici". La Casa Bianca è attualmente uno schizzo attivo di Benny Hill, ma proveranno a dare una "risposta rapida" a tutto ciò che emerge dalle audizioni pubbliche. Mi aspetto che la risposta rapida sia Donald che su Twitter "WITCH HUNT" e "LIDDLE" ogni cinque minuti. Vedremo. Ho intenzione di guardare la parte pomeridiana delle audizioni in palestra! E probabilmente avremo un po 'di copertura domani. Voglio dire, ne sappiamo già molto. Ma sarà comunque bello vederlo dal vivo nelle udienze di impeachment televisive.

Qualcos'altro che già sapevamo? Stephen Miller è un suprematista bianco. Lo sappiamo da anni ormai. Miller è l'architetto dei campi di concentramento americani al confine. È l'architetto delle politiche dell'immigrazione e dei divieti di viaggio "solo per i bianchi". Ma ora il Southern Poverty Law Center ha messo le mani sulle e-mail di Miller e indovina un po '? È un suprematista bianco. Puoi leggere il primo in ciò che dice SPLC sarà una serie qui .

In vista delle elezioni del 2016, il consigliere politico della Casa Bianca Stephen Miller ha promosso la letteratura nazionalista bianca, ha spinto storie di immigrazione razzista e ossessionato dalla perdita dei simboli confederati dopo la furia omicida di Dylann Roof, secondo le e-mail trapelate riviste da Hatewatch.

Le e-mail, che Miller ha inviato al sito web conservatore Breitbart News nel 2015 e 2016, mostrano l'ideologia estremista e anti-immigrazione che sostiene le politiche che ha contribuito a creare come architetto della presidenza di Donald Trump. Queste politiche includono la fissazione di quote di arresto per immigrati privi di documenti, un ordine esecutivo che vieta efficacemente l'immigrazione da cinque paesi a maggioranza musulmana e una politica di separazione familiare nelle strutture di reinsediamento dei rifugiati che l'Ufficio dell'ispettore generale del Dipartimento della salute e dei servizi umani ha dichiarato che sta causando " trauma intenso "nei bambini.

In questo, il primo di quella che sarà una serie su quelle e-mail, Hatewatch espone il materiale di origine razzista che ha influenzato la visione della politica di Miller. Quel materiale di base, come riportato nelle sue e-mail a Breitbart, include siti web nazionalisti bianchi, un romanzo a tema sul “genocidio bianco” in cui gli uomini indiani violentano le donne bianche, le teorie della cospirazione xenofoba e le leggi sull'immigrazione dell'era eugenetica che Adolf Hitler ha lodato in “Mein Kampf “.

Hatewatch ha esaminato più di 900 e-mail precedentemente private che Miller ha inviato agli editori Breitbart dal 4 marzo 2015 al 27 giugno 2016. Miller non dialoga su una vasta gamma di argomenti nelle e-mail. Il suo focus è sorprendentemente ristretto: oltre l'80 percento delle e-mail riviste da Hatewatch riguardano o appaiono su discussioni relative a temi di razza o immigrazione. Hatewatch ha fatto diversi tentativi per raggiungere la Casa Bianca per un commento di Miller sul contenuto delle sue e-mail, ma non ha ricevuto alcuna risposta.

La prospettiva di Miller sulla razza e l'immigrazione attraverso le e-mail è ripetitiva. Quando discute del crimine, che fa decine di volte, Miller si concentra sui reati commessi da non bianchi. Sull'immigrazione, tocca esclusivamente la prospettiva di limitare gravemente o porre fine all'immigrazione non bianca negli Stati Uniti. Hatewatch non è stato in grado di trovare esempi di Miller che scrivesse in modo comprensivo o persino in toni neutri su qualsiasi persona che non sia bianca o di origine straniera.

[Da SPLC]

C'erano persone che scherzavano su "se non riesci a credere a ciò che Stephen Miller ha detto nelle e-mail, dovresti ascoltare ciò che dice in pubblico". Ma veramente, uno dei punti di discussione minori del GOP era che, ufficialmente, Stephen Miller NON è suprematista bianco, è solo un ragazzo che si preoccupa molto dell'immigrazione. No. Stephen Miller non è solo un suprematista bianco, PERCHÉ È STATO ASSUNTO. Questo è il motivo per cui lavora nella Trump All-White House.

Consulente politico della Casa Bianca

Foto per gentile concessione di Avalon Red.

Consulente politico della Casa Bianca
Il presidente degli Stati Uniti Donald J. Trump partecipa a una tavola rotonda sulla sicurezza delle frontiere e sulle comunità sicure

Commenta su Facebook