L’avvocato di Virginia Giuffre, David Boies, potrebbe deporre la duchessa Meghan

Mcc0092366 Il Duca e la Duchessa del Sussex partecipano al 91° Campo della Rimembranza all'Abbazia di Westminster, incontrando i veterani

L'avvocato David Boies è bravo ad attirare l'attenzione sui suoi casi e sui suoi clienti. Questo è uno dei motivi per cui Virginia Giuffre lo ha assunto. Boies è il principale avvocato della Virginia nella sua causa civile contro il principe Andrew. Andrew vuole che la causa venga archiviata e una decisione in merito verrà presa a gennaio. Se la causa andrà avanti, saranno ovviamente chiamati altri testimoni e probabilmente ci saranno altre deposizioni in arrivo. Il che mi porta all'ultimo pezzo realista sul Daily Beast . Tom Sykes ha parlato con Boies, che (di nuovo) sa come attirare l'attenzione dei suoi clienti. Boies ha detto a Sykes che stava considerando di deporre la duchessa del Sussex nel caso, perché potrebbe essere stata testimone di alcuni comportamenti del principe Andrew mentre Meghan era nel Regno Unito.

David Boies, il famoso avvocato che rappresenta Virginia Roberts Giuffre nella sua azione legale contro il principe Andrea, potrebbe cercare di deporre Meghan Markle come parte della causa civile di Giuffre, poiché crede che possa aver raccolto "conoscenze importanti" sul comportamento della reale merlata.

"È qualcuno su cui possiamo contare per dire la verità", ha detto Boies a The Daily Beast. Markle, ha detto, era un potenziale soggetto di deposizione per tre motivi: “Uno; lei è negli Stati Uniti, quindi abbiamo giurisdizione su di lei. Due; lei è qualcuno che ovviamente, almeno per un periodo, è stato uno stretto collaboratore del principe Andrea e quindi è in grado di aver forse visto quello che ha fatto, e forse se non di aver visto quello che ha fatto di aver sentito la gente parlare a proposito. A causa della sua passata associazione con lui, potrebbe benissimo avere una conoscenza importante e sicuramente avrà qualche conoscenza. Tre; lei è qualcuno su cui possiamo contare per dire la verità. Controlla tutte e tre le caselle.

Se il caso di Giuffre supera una mozione del 4 gennaio per l'archiviazione dalla parte di Andrew, la causa entrerà in modalità di piena scoperta, nel corso della quale sia Andrew che Giuffre dovranno fornire deposizioni orali videoregistrate e rispondere "interrogatori" scritti.

"Andrew sarà costretto a testimoniare sotto giuramento" come parte di quel processo, ha detto Boies, aggiungendo: "Non ha modo di sfuggire a questo".

Boies ha affermato che potrebbero essere deposte fino a 10 o 12 terze parti e che un altro potenziale obiettivo potrebbe essere l'ex moglie di Andrew, Sarah Ferguson, anche se ottenere una deposizione per lei come residente non statunitense sarebbe più complesso di Meghan, poiché i britannici i giudici dovrebbero approvare la richiesta. Boies ha detto: "Probabilmente prenderemmo una o due deposizioni di persone vicine ad Andrew che sarebbero state a conoscenza delle sue azioni. Questo potrebbe includere la sua ex moglie. Potrebbe essere suo fratello".

Alla domanda se potrebbe cercare di deporre la madre di Andrew, Boies ha detto: “Non credo che, per rispetto e deferenza, e per la sua età, cercheremo di deporre la regina. Non credo che avrà alcuna conoscenza che altre persone non hanno. Penso che sia improbabile che abbia parlato così liberamente con sua madre di alcune di queste cose come avrebbe potuto fare con i suoi coetanei o con la sua ex moglie".

Boies ha affermato che la moglie del principe Harry, cittadina americana che vive negli Stati Uniti e quindi obbligata a collaborare, "è una delle persone che stiamo prendendo in considerazione", ma ha avvertito che una decisione ferma non era ancora stata presa.

[Dalla bestia quotidiana]

Boies sta pronunciando il nome di Meghan per diversi motivi. Primo, è una cittadina americana, vive negli Stati Uniti e tecnicamente sarebbe meno fastidioso deporre Meghan, piuttosto che passare attraverso le ambasciate, il Dipartimento di Stato e tutti gli altri per deporre i cittadini stranieri. Due, Boies sta facendo pressione su Andrew, dicendo che lui (Boies) può "arrivare" ai membri della famiglia reale. Terzo, usando il nome di Meghan, sta semplicemente attirando più attenzione sulla forza del caso di Virginia e sui suoi piani di andare ai materassi per il suo cliente. Giusto per sottolineare questo punto: Meghan non è nei guai e Boies in realtà non crede che Meghan sia testimone di crimini gravi. Semmai, sarebbe stata deposta per parlare del personaggio di Andrew e di come lo ha visto comportarsi dal 2016-2020.

(L-R) Il principe Harry, il duca di Sussex, Meghan, la duchessa di Sussex, il primo ministro Boris Johnson e Carrie Symonds partecipano all'annuale Royal British Legion Festival of Remembrance alla Royal Albert Hall il 09 novembre 2019 a Londra, Inghilterra.

Cerimonia Trooping the Colour, Londra, Regno Unito - 8 giugno 2019

Foto per gentile concessione di Avalon Red, Backgrid e WENN.

La britannica Meghan, la duchessa del Sussex, partecipa al 91° Campo della Memoria presso l'Abbazia di Westminster a Londra, giovedì 7 novembre 2019.
Mcc0092366Il Duca e la Duchessa del Sussex partecipano al 91° Campo della Rimembranza all'Abbazia di Westminster, incontrando i veterani
(L-R) Il principe Harry, il duca di Sussex, Meghan, la duchessa di Sussex, il primo ministro Boris Johnson e Carrie Symonds partecipano all'annuale Royal British Legion Festival of Remembrance alla Royal Albert Hall il 09 novembre 2019 a Londra, Inghilterra.
Meghan Duchessa del Sussex e il Principe Harry Duca di Sussex nella foto al Field of Remembrance di Londra
Meghan Duchessa del Sussex e il Principe Harry Duca di Sussex nella foto al Field of Remembrance di Londra
Cerimonia Trooping the Colour, Londra, Regno Unito - 8 giugno 2019
Cerimonia Trooping the Colour, Londra, Regno Unito - 8 giugno 2019
(L-R) Il principe Harry, il duca di Sussex, Meghan, la duchessa di Sussex, il primo ministro Boris Johnson e Carrie Symonds partecipano all'annuale Royal British Legion Festival of Remembrance alla Royal Albert Hall il 09 novembre 2019 a Londra, Inghilterra.