L’artista che ha fatto piangere le persone con i suoi fumetti “Good Boy” ne ha appena pubblicato uno nuovo su un cane, dice che è stato doloroso disegnare

311k follower sull'account Instagram di Jenny Jinya sanno a cosa si sono iscritti. Le sue strisce a fumetti non sono per i deboli di cuore, ed è perché mostrano la dura realtà di quanto gli umani possano essere crudeli con gli animali. Le storie di Jenny sono state soprannominate lacrimogeni che restano fedeli a noi per i giorni a venire.

Questa volta, l'illustratore tedesco è tornato con una striscia straziante su un cane nato per essere allevato come un cane da caccia. “Mi dispiace che mi ci sia voluto così tanto tempo. Disegnare è stato estremamente doloroso ”, ha confessato Jenny ai suoi seguaci e la sentiamo.

Non è la prima volta che Jenny aumenta la consapevolezza sulla crudeltà verso gli animali. Le sue precedenti strisce di fumetti altrettanto potenti presentavano un gatto nero , un'anatra , un albatro , un leone e un elefante .

Maggiori informazioni: Jenny-Jinya.com | Facebook | Instagram | cinguettio

Jenny ha appena rilasciato una nuova striscia che mostra la crudele pratica dei combattimenti tra cani

Si scopre che Jenny era riluttante a lavorare sull'argomento perché era troppo doloroso

Crediti immagine: jenny_jinya

In una precedente intervista con Bored Panda , Jenny ha affermato che è emotivamente svuotante creare storie così potenti. "Condurre ricerche sull'argomento in questione è sempre abbastanza deprimente, ma quando disegno lo storyboard, anche alcune lacrime scorrono sulle mie guance", ha confessato.

Il suo recente fumetto su un combattente per cani ha mostrato quale sia una terribile forma di crudeltà verso gli animali. “I cani sono allevati in isolamento, drogati, maltrattati e maltrattati da quando erano cuccioli. Condizionato per essere aggressivo e pronto a combattere ", recita la dichiarazione dell'artista nel post, che ha ottenuto 127.000 Mi piace in soli due giorni.

La lotta con il cane è considerata un'offesa criminale in tutti i 50 stati, ha dichiarato l'American Society for the Prevention of Cruelty to Animals. Secondo il loro rapporto , le vittime dei combattimenti con cani "potrebbero avere le orecchie tagliate e le code ancorate" per "limitare le aree su cui un altro cane può aggrapparsi in un combattimento" e "per chiudere gli spunti del linguaggio del corpo".

Le vittime possono anche ricevere una varietà di farmaci come "steroidi anabolizzanti per migliorare la massa muscolare e incoraggiare l'aggressività". Altri stupefacenti sono usati per "aumentare l'aggressività e mascherare il dolore o la paura durante un combattimento".

E questo è ciò che la gente aveva da dire

(Fonte: Bored Panda)

Commenta su Facebook