La vera Lady A non è sorpresa che la band “abbia usato il nome Lady Antebellum per così tanto tempo”

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da LadyA (@ladya_bluesdiva) su

A giugno, la band country Lady Antebellum ha deciso di cambiare formalmente il nome della sua band in Lady A. Lo hanno fatto con il riconoscimento che "antebellum" è una parola usata per indicare e glorificare la guerra pre-civile meridionale. Il cambio di nome faceva parte di un più ampio movimento di artisti bianchi che cercavano di sembrare svegli, spesso senza fare il lavoro di essere effettivamente svegliati. Così è stato con Lady Antebellum – sono finiti in una rissa legale con Anita White, la vera Lady A, una cantante blues indipendente che registra musica con il nome Lady A dal 1987. La scorsa settimana, la band ha fatto causa ad Anita White , praticamente sostenendo che loro (la band) dovrebbero essere gli unici a usare e marchiare il nome Lady A. Anita White è un'artista nera e la stanno letteralmente facendo causa per il suo nome. Super-svegliato! Comunque, la vera Lady A ha rilasciato un'intervista a Vulture la scorsa settimana , di cui abbiamo discusso, e quando Pitchfork l'ha contattata, ha rilasciato un'altra dichiarazione, che puoi leggere in parte di seguito:

Ho sentito parlare per la prima volta del previsto cambio di nome di Lady Antebellum dopo che sono stati resi pubblici l'11 giugno 2020, a quel punto sono rimasto scioccato e preso alla sprovvista. Durante le chiamate iniziali con i membri della band — Hillary Scott, Charles Kelley e Dave Haywood — speravo di poter raggiungere un accordo che lasciasse entrambe le parti intere. Lady Antebellum ha capito che il loro uso di "Antebellum" era offensivo e che la loro adozione di Lady A mi ha danneggiato, poiché uso il nome da oltre 30 anni.

… Dopo essere stati chiamati per il mio nome, Lady Antebellum e il loro team di pubblicisti e avvocati stanno facendo quello che fanno molte persone privilegiate quando gli viene chiesto di smettere e desistere da comportamenti scorretti. Hillary, Charles e Dave stanno tentando di cambiare la narrazione minimizzando la mia voce e sminuendo la mia esperienza di artista – come se avere molti soldi dà loro il permesso di calpestare i miei diritti. Ho lavorato troppo a lungo e troppo duramente per dare il mio nome.

La decisione della band di cambiare il loro nome in Lady A segue la tendenza di molti altri gruppi e organizzazioni che lavorano per prendere le distanze dal razzismo sulla scia delle rivolte in questo mondo post George Floyd. Qualcuno alla fine disse loro – o forse sapevano da sempre e non gli importava fino ad ora – che il loro nome ricordi ai neri di quanto ci era stato tolto in passato: le nostre vite, la libertà, le lingue, le famiglie e, sì, i nostri nomi. È assurdo che Lady Antebellum abbia scelto di mostrare il suo impegno per l'uguaglianza razziale prendendo il nome di una donna di colore, in particolare in questo momento in cui ci viene ricordato ogni giorno di "Pronuncia il suo nome". È un'altra dimostrazione di ciò che continua a essere portato via da noi nel presente. Dato il modo in cui Hillary, Charles e Dave mi hanno trattato, non mi sorprende che abbiano usato il nome Lady Antebellum per così tanto tempo o che la loro cura sia quella di adottare un nome solo meno apertamente razzista. La A nel loro nome sta per Antebellum e lo farà sempre. Se si impegnano veramente per l'uguaglianza razziale, perché vogliono mantenere quell'associazione, specialmente quando ciò significa creare una posizione pubblica e intenzionale per ignorare me e i miei diritti?

Lady A è la mia identità, ed è dal 1987. Voglio poter usare liberamente il mio marchio che ho trascorso decenni a costruire. Non voglio separarmene. È particolarmente doloroso per me, in quanto donna di colore, perdere il mio nome in QUESTO momento e luogo in modo che Lady Antebellum possa usarlo come stenografia per celebrare un momento e un luogo collegati e fortemente dipendenti dalla schiavitù. Ho chiesto $ 5 milioni per compensare questa perdita e aiutarmi a ricostruire con un nuovo nome. Ho anche chiesto che donassero $ 5 milioni a un'organizzazione benefica in modo che potessimo lavorare insieme per promuovere l'uguaglianza razziale. La mia impressione è stata la nostra comunicazione che ciò avrebbe attratto Hillary, Charles e Dave. Immagino di aver sbagliato.

Il loro rifiuto di raggiungere un accordo che sarebbe rispettoso del mio lavoro e dei miei diritti, tuttavia, mi ha dato la chiarezza e l'impulso a non arretrare. Vite nere, nomi, esperienze, lavoro, arte: tutti contano. Compagni artisti indipendenti mi hanno contattato per condividere le loro storie di faide nominative che avevano perso perché erano dalla parte opposta del denaro e del privilegio. Non solo non sarò uno di loro, ma spero che questa lotta per ciò che è giustamente mio possa aiutare coloro che sono stati danneggiati da questo tipo di bullismo e cancellazione in passato, e che impedirà che accada in futuro. Non permetterò a Lady Antebellum di cancellare me e la mia carriera in modo che possano sembrare "svegliati" dai loro fan.

[Da Pitchfork]

Sì a tutto questo. Sono ancora scioccato dal fatto che la band non vedrà quanto sia problematica la loro causa legale o come non vinceranno mai l'ottica. Tutto ciò che Anita White dice qui è così preciso: "È assurdo che Lady Antebellum abbia scelto di mostrare il suo impegno per l'uguaglianza razziale prendendo il nome di una donna di colore, in particolare in questo momento in cui ci viene ricordato ogni giorno di" Dì il suo nome. "" E "Non mi sorprende che abbiano usato il nome Lady Antebellum per così tanto tempo." È quello che hanno dimostrato: stavano solo cambiando nome per l'ottica, non perché si sentissero diversamente o avessero imparato qualcosa dalle più grandi conversazioni su razza e razzismo.

Arrivi dei CMA Awards 2019

Foto per gentile concessione di WENN, Instagram.

vera signora a
51 ° CMA Awards - Arrivi
53a edizione dell'Academy of Country Music Awards - Arrivi
16 ° anniversario della rivista Vegas
Arrivi dei CMA Awards 2019

Commenta su Facebook