La Star Breakout di Netflix's Fyre Festival Documentary vuole usare il suo status di meme per sempre

Netflix

In questo momento sembra che ci siano due grandi momenti che accadono con lo streaming gigante di Netflix. La prima è che un numero sorprendente di spettatori che guardano l'eccitazione sono eccitati per un serial killer. L'altra, anche se forse un po 'più volgare, è quella che l'azienda sembra accettabile.

Il documentario di Fyre Festival di Netflix ha ricevuto un'enorme quantità di attenzione, duellando con un documentario di Hulu che va dietro le quinte dell'esibizione di concerti di lusso condannata alle Bahamas che equivaleva a razioni di emergenza servite a bambini ricchi intrappolati su un'isola che dormiva nelle tende FEMA. Il fallimento originale del Fyre Festival è stato una sensazione virale, ei documentari che hanno esplorato il festival e i successivi problemi legali per i suoi fondatori hanno creato una fama virale a parte.

La revisione generale di entrambi i documentari è che, sì, dovresti guardare entrambi. E mentre quello di Hulu è probabilmente più equilibrato considerando chi è stato responsabile di averlo fatto, entrambi hanno dei dettagli sorprendenti che li rendono unici e meritevoli di essere guardati. Ma ciò che rende FYRE: Il più grande partito che non è mai accaduto, un must-watch è la storia di Andy King.

King è stato un organizzatore del Fyre Festival ed è stato intervistato dal gruppo di documentari sul caos che è venuto con il tentativo di farlo accadere in primo luogo. King è chiaramente ritratto come uno dei pochi adulti responsabili del festival, un pianificatore esperto che conosce la logistica di mettere insieme qualcosa del genere.

Capita anche di avere alcune delle linee più divertenti del documentario, ed è emerso come il volto di un meme molto specifico del film. King racconta un aneddoto sul tentativo di liberare i serbatoi pieni di acqua Evian attraverso le usanze delle Bahamas. Gli organizzatori devono pagare una tassa enorme per importare tutto nelle isole, e una crisi emerge quando la squadra improvvisamente pensa che non avranno acqua per il festival. In qualche modo, la parola arriva a King che si aspetta che faccia sesso orale invece di pagare una tassa enorme per importare l'acqua.

"Ho letteralmente guidato a casa, fatto una doccia, ho bevuto un po 'di bucato, e sono salito in macchina per guidare attraverso l'isola per prenderne uno per la squadra", spiega King nel documentario. "Sono arrivato nel suo ufficio completamente pronto a succhiare il suo d-ck."

Non è successo, naturalmente, ed è per questo che l'aneddoto può anche essere interpretato come una battuta finale e non qualcosa di molto più oscuro. È presentato come un momento che mostra quanto il processo di pianificazione fosse assurdo, anche se i grandi tra loro dovevano essere pronti a compromettere la sua morale per contribuire a far sì che il festival potesse accadere. Ma quel momento ha scatenato una serie di meme sui social media, nel bene e nel male. E a quanto pare King ha preso nota nelle settimane successive al rilascio del documentario.

Netflix ha pubblicato un nuovo video di King che si rivolge alla sua fama sociale martedì e, a quanto pare, è completamente cool con Internet.

"Semplicemente non voglio essere conosciuto come il re pompino del mondo", ha detto King.

Il video ha mostrato alcuni dei meme che hanno generato la sua apparizione nel documentario, e ha ribadito che è estremamente bravo con tutta l'attenzione.

"Sono stupefatto dalla risposta al documentario", ha detto King. "Completamente spazzato via. Ora sono un sostantivo, un verbo, un aggettivo. È sbalorditivo. "

Una cosa che potrebbe aiutare la prospettiva di King qui è che, beh, non è sui social media. Non aveva idea che la sua intervista per il documentario avesse avuto un tale impatto.

"Quando qualcuno ha contattato lo scorso fine settimana e ha detto 'Stai trend' e io sono tipo 'Non so nemmeno cosa significhi il trend'", ha detto King. No, davvero – King è l'opposto di Online.

cinguettio

Una cosa carina di King è che sembra sinceramente voler fare ammenda per il danno che il Fyre Festival ha fatto alle Bahamas e alle persone che vivono lì. Ha detto che spera di farlo

Dopo aver fatto un documentario come questo e hai i tuoi 15 minuti di fama, cosa succede dopo? Uno dei nostri più grandi obiettivi, ovviamente, è quello di restituire tutti alle Bahamas.

King è stato determinante nel GoFundMe che ha aiutato almeno una persona a essere pagata per i suoi sforzi sull'isola e ha detto che l'equipaggio sta lavorando per continuare la raccolta di fondi.

"Abbiamo iniziato un GoFundMe la settimana scorsa per aiutare MaryAnn e ci siamo impegnati in questo progetto, e ha soddisfatto tutti i suoi obiettivi e molto altro ancora. E no, abbiamo iniziato un altro GoFundMe che ora è focalizzato sulla riproduzione di tutti i lavoratori e di tutti gli altri coinvolti in Fyre nelle Bahamas.

Se riesco a generare influenze positive e molta energia positiva verso, sai, impatto sociale e ambientale, che è ciò su cui si basa la mia attività, quindi penso di poter utilizzare questo momento per fare molto bene. "

King potrebbe essere emerso come uno dei più grandi meme dei documentari, ma è anche chiaro che è uno dei pochi personaggi salvifici nell'intero pasticcio. Usare internet fama per sempre è sempre una buona idea, e prendere quella fama inaspettata è, beh, una cosa molto da fare per gli adulti.

( Fonte )

Commenta su Facebook