La rivista nel 1889 ha chiesto alle donne perché sono single, ricevono risposte esilaranti e toste

Se pensi che i tuoi genitori ti diano del filo da torcere per non sposarti, prova a essere una donna nell'era vittoriana. Per le donne single di quei tempi, il ridicolo pubblico era la norma.

Fortunatamente, molti di loro hanno avuto la pelle spessa a causa di ciò e non hanno ceduto alle battute sul loro stato di relazione. Invece, hanno risposto al fuoco in modo spiritoso.

Mentre studiava un'edizione del 1889 di Tit-Bits Magazine, lo storico Dr. Bob Nicholson , che gestisce un blog chiamato The Digital Victorianist , si è imbattuto in un articolo interessante: gli editori hanno offerto un premio alla zitella che poteva fornire la migliore risposta alla domanda sul perché è single e ha ricevuto così tante risposte selvagge che non potevano sceglierne solo una.

Le donne nella società vittoriana avevano un dovere principale nella vita, che era quello di sposarsi e servire il marito

Crediti immagine: Biblioteca del Congresso

Ma come mostra questo vecchio articolo, non tutti lo hanno fatto

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Siamo riusciti a metterci in contatto con il dottor Nicholson ed è stato così gentile da fare una piccola chiacchierata con noi sulla sua scoperta ora virale.

"Sono uno storico specializzato nella storia della cultura pop vittoriana", ha detto il dottor Nicholson a Bored Panda . “Stavo cercando tra i vecchi numeri della rivista Tit-Bits alla ricerca di battute del diciannovesimo secolo e mi sono imbattuto nel 'Perché sono una zitella?' concorrenza per caso. Questa è una delle cose migliori della ricerca su riviste vittoriane: non sai mai cosa potresti trovare nella pagina successiva!

Crediti immagine: Biblioteca del Congresso

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: Biblioteca pubblica di New York

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Per comprendere i ruoli delle donne e degli uomini nell'Inghilterra vittoriana, possiamo dare un'occhiata a ciò che scrisse John Ruskin in Sesame and Lilies (1865).

“Il potere dell'uomo è attivo, progressivo, difensivo. Egli è eminentemente colui che agisce, il creatore, lo scopritore, il difensore. Il suo intelletto è per la speculazione e l'invenzione; la sua energia per la guerra avventurosa e per la conquista", ha detto Ruskin. “Ma il potere della donna è per il governo, non per la battaglia – e il suo intelletto non è per l'invenzione o la creazione, ma per l'ordine dolce, la disposizione e la decisione… deve essere perennemente, incorruttibilmente buona; istintivamente, infallibilmente saggia, saggia non per lo sviluppo personale, ma per la rinuncia a se stessi: saggia, non per porsi al di sopra del marito, ma per non fallire mai dalla sua parte.

In questa citazione, il critico d'arte e eminente pensatore sociale mette in evidenza i rigidi ideali e stereotipi di genere che erano comuni all'epoca; a uomini e donne sono stati assegnati ruoli specifici che hanno portato gli uomini a detenere più potere sulle donne, e quindi li hanno notevolmente svantaggiati durante quest'epoca.

Gli storici lo chiamano " sfere separate " e si basava su una definizione delle caratteristiche "naturali" di donne e uomini. Le donne erano considerate fisicamente più deboli (ma moralmente superiori agli uomini), il che significava che erano più adatte alla sfera domestica.

Inoltre, prima del 1870, tutti i soldi guadagnati da una donna (tramite salario, investimento, dono o eredità) divennero immediatamente proprietà del marito una volta sposata, ad eccezione della dote. L'identità della moglie è stata legalmente assorbita in quella del marito, rendendoli di fatto una persona sotto la legge.

Crediti immagine: Biblioteca del Congresso

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Tuttavia, come possiamo vedere, c'erano delle eccezioni. "Adoro trovare prove che mettano in discussione le nostre ipotesi sulla vita nel diciannovesimo secolo", ha detto il dottor Nicholson.

“Alcune persone immaginano che le donne vittoriane fossero pudiche, riservate e sottomesse agli uomini, ma molte delle 'zitelle' che hanno partecipato a quella competizione erano tutt'altro che. Erano spiritosi, irriverenti e orgogliosamente indipendenti. Ho pensato che valesse la pena condividerlo".

"Non sono sicuro che sarei arrivato al punto di chiamare l'articolo progressista, ma fa un buon lavoro nel sovvertire le battute che di solito venivano raccontate a spese delle donne", ha spiegato lo storico, aggiungendo che le classiche battute da zitella vittoriana in genere li presentava come disperati alla ricerca di un uomo (qualsiasi uomo, in realtà) o dispettosi perché erano stati lasciati sullo scaffale.

“Ci sono accenni di questi stereotipi misogini nell'articolo di Tit-Bits, ma danno anche voce alle donne che affermano comicamente la loro felicità di essere single e sfruttano l'occasione per prendere in giro gli uomini. Questo non era inaudito nell'umorismo vittoriano, ma va controcorrente".

Crediti immagine: Biblioteca del Congresso

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Fondato nel 1881, Tit-Bits From All The Most Interesting Books, Periodicals and Newspapers in The World, spesso chiamato semplicemente Tit-Bits, era un settimanale britannico che ha aperto la strada al giornalismo popolare.

"Tit-Bits ha condotto la loro competizione in un momento in cui la cosiddetta 'questione donna' stava diventando sempre più dibattuta nella società vittoriana", ha detto il dottor Nicholson. “Molte donne stavano iniziando a spingere per maggiori diritti e opportunità, incluso il diritto a essere definite da qualcosa di più del semplice matrimonio. Penso che le risposte ricevute da Tit-Bits – e il fatto che le abbiano stampate – suggeriscano questi atteggiamenti mutevoli".

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

Crediti immagine: DigiVictorian

La gente ha adorato il thread divertente

Crediti immagine: Suw

Crediti immagine: liliales

Crediti immagine: Nicholas Deadman

Crediti immagine: 0xabad1dea

Crediti immagine: emma_mp

Crediti immagine: arborlowenviron

Crediti immagine: MittereMary

Crediti immagine: ilrosso_

Il post Magazine nel 1889 ha chiesto alle donne perché sono single, ricevono risposte esilaranti e toste per la prima volta apparso su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)