La potenziale causa di Emma Stone contro Disney sembra altamente improbabile dopo aver firmato per “Cruella 2”

Scarlett Johansson ha portato una bomboletta di liquido per accendini sul ponte che aveva con Marvel e Disney quando ha citato in giudizio la Disney per violazione del contratto per l'uscita simultanea di Black Widow nei cinema e su Disney+. La mossa sarebbe costata a Scarlett milioni di dollari in bonus e lei li ha seguiti duramente, a cui la Disney ha cercato di deviare altrettanto duramente. E secondo quanto riferito , Emma Stone , il cui film Crudelia ha ottenuto lo stesso trattamento di rilascio simultaneo, stava pensando di fare causa anche a loro. Bene, metti un coperchio su quella storia perché Emme ha appena firmato per Crudelia 2!

Si diceva che Emma stesse considerando di intentare una causa per violazione del contratto contro la Disney, anche se era già stato detto che un sequel era in fase di sviluppo iniziale con il regista originale, Craig Gillespie , e lo scrittore originale, Tony McNamara , entrambi tornati. Crudelia ha avuto un discreto successo, ottenendo buone recensioni e guadagnando oltre 221 milioni di dollari in tutto il mondo. Dopo che sono emerse voci sulla potenziale causa di Emma, ​​sembra che la Disney si sia affrettata a trovare un numero che avrebbe apprezzato perché Deadline afferma che Emma ha ufficialmente chiuso un accordo per recitare nel sequel. Normalmente non fai causa alle persone per cui continui a lavorare, quindi sembra che questo metta fine a qualsiasi potenziale causa. Fonti affermano che l'accordo " beneficia reciprocamente entrambe le parti, specialmente in un momento in cui Disney sta ancora valutando il modello di finestra dinamica sui titoli dei suoi eventi ".

L'agenzia di talenti di Emma, ​​Endeavour, ha detto qualcosa sull'accordo attraverso il loro presidente esecutivo, Patrick Whitesell :

“Mentre il panorama dei media è stato sconvolto in modo significativo per tutti i distributori, i loro partner creativi non possono essere lasciati in disparte per portare una quantità sproporzionata del lato negativo senza il potenziale per il rialzo. Questo accordo dimostra che può esistere un percorso equo che protegga gli artisti e allinei gli interessi degli studi con il talento. Siamo orgogliosi di lavorare al fianco di Emma e Disney e apprezziamo la volontà dello studio di riconoscere il suo contributo come partner creativo. Siamo fiduciosi che questo apra la porta a più membri della comunità creativa per partecipare al successo di nuove piattaforme".

Sono contento che la Disney abbia aperto i loro portafogli abbastanza da dare a Emma tutti gli zeri che desiderava per poter affrontare una sola causa intentata da una donna bianca asiatica-americana . E non poteva essere economico, Emma è una nuova mamma ora: ha una bocca da sfamare! Ma mi chiedo quanto costerà far tornare Emma Thompson nella sua biancheria intima torturante per il sequel?

Pic: Disney