La madre in lutto è scioccata nello scoprire che la sua amica ha usato il nome della figlia defunta per il suo neonato

La perdita di una persona cara, in particolare di un bambino, è un'esperienza traumatica. Il dolore è insopportabile. Il mondo sembra un luogo oscuro e spietato. E non puoi immaginare di sentirti mai più felice. Ci sono solo lacrime, ricordi e dolore infinito. Anche se la vita va avanti, le più piccole cose possono ricordarti la persona che hai perso. E può essere difficile non abbattersi.

Un redditor, madre di quattro figli, ha condiviso di aver perso sua figlia Luli quando aveva solo 2 anni. La mamma in lutto si è rivolta alla community online dell'AITA per i loro consigli su una questione molto delicata. L'amica dell'autore e madrina di Luli ha preso il nome dalla sua stessa figlia appena nata. Ha dato a sua figlia il secondo nome "Luli" per onorare la sua figlioccia, senza nemmeno chiedere alla madre come si sentiva al riguardo.

Di seguito troverai la storia completa, nelle parole dell'autore.

Cari Panda, questo è un argomento molto pesante e potrebbe riaprire alcune vecchie ferite per alcuni di voi. Se ritieni di volere qualcosa di più leggero, dovresti dare un'occhiata al nostro precedente articolo sulle storie sane ed edificanti proprio qui .

La psicoterapeuta Silva Neves è stata così gentile da spiegare a Bored Panda come ognuno soffre in modo diverso e cosa possono fare i propri cari per sostenere qualcuno nel loro dolore.

“Alcuni si addolorano piangendo molto e altri si addolorano per essere pratici e qualsiasi altra cosa nel mezzo. Non vedere lacrime non significa che le persone non stiano soffrendo. Il processo dura quanto deve durare, non c'è limite di tempo. Di solito, il lutto diminuisce nel tempo, il che significa che le persone diventano sempre meno sconvolte nel tempo, ma alcune persone non si "riprenderanno mai" dal lutto, specialmente quelle che hanno perso una persona molto importante. La maggior parte delle persone impara a convivere con il dolore e la tristezza. Le date significative, come gli anniversari, possono sempre essere dolorose", ha spiegato Silva. Ha sottolineato che la cosa più importante è non dare consigli alle persone perché ognuno soffre in modo diverso.

Una mamma di quattro figli ha condiviso un post sconvolgente sulla perdita di sua figlia

Crediti immagine: Liza Summer (non la foto reale)

Ha spiegato come una delle sue amiche abbia dato al proprio neonato lo stesso nome della figlia che è morta





Crediti immagine: Kelly Sikkema (non la foto reale)






Crediti immagine: Pixabay (non la foto reale)




“Sebbene ci siano alcune conoscenze comuni sul lutto, come le 'fasi del lutto', molte persone non seguono le 'fasi' del lutto perché il lutto può essere disordinato e imprevedibile. Il modo migliore per sostenere qualcuno che sta soffrendo è sedersi con lui, ascoltarlo e basta”, ha detto lo psicoterapeuta Silva a Bored Panda.

“È anche importante non dire alle persone 'So come ti senti' perché il lutto è così unico, nessuno può sapere come si sente il lutto di un'altra persona, ma forse possiamo immaginare quanto sia doloroso. Molte persone ottengono molto sostegno con il dolore all'inizio della perdita, ma spesso le persone smettono di parlarne dopo un po'", ha detto.

“Le persone in lutto di solito apprezzano che i loro amici lo chiedano, anche un anno dopo o due anni dopo. Non aver paura di porre la domanda "Come stai?" e lascia che la persona addolorata parli. Chiedi loro ciò di cui hanno bisogno, ma non dare per scontato ciò di cui hanno bisogno. A volte una persona in lutto potrebbe aver bisogno di un abbraccio, ma a volte potrebbe aver bisogno di sedersi in silenzio. A volte potrebbero aver bisogno di essere distratti da qualcos'altro, altre volte potrebbero voler parlare del loro dolore".

L'autore del post ha spiegato di essere rimasta completamente scioccata quando è andata a casa della sua amica e ha continuato a chiamare la sua neonata Luli, anche se questo è solo il suo secondo nome. L'esperienza è stata troppo per la madre in lutto e ha deciso che non poteva andare fino in fondo come madrina del neonato.

Tuttavia, c'è stata una ricaduta dopo che lei lo ha detto alla sua amica. Vedete, l'amica era stata la madrina della figlia del redditor e si sentiva come se stesse onorando Luli dando al suo neonato il suo secondo nome. Si sentiva come se l'autore stesse "monopolizzando il suo dolore".

La stragrande maggioranza dei redditor, tuttavia, pensava che l'amico avesse torto qui. Avrebbe dovuto parlare con la mamma dell'uso del nome di Luli prima di prendere una decisione ferma. Ciò non è accaduto e ha portato tutti a sentirsi nuovamente crudi dal dolore.

Non esiste un unico modo per piangere 'correttamente'. Durante il lutto, le persone possono sentirsi scioccate o insensibili, sopraffatte dalla tristezza. Potrebbero piangere e sentirsi esausti. Altri provano rabbia o senso di colpa per quello che è successo.

Il SSN raccomanda che coloro che sono in lutto si rivolgano alla loro famiglia, agli amici e ai professionisti della salute mentale per supporto emotivo e aiuto.

Nel frattempo, è importante prendersi cura del proprio benessere fisico, soprattutto nei momenti di grande stress. Ciò significa mangiare bene, fare abbastanza movimento, trascorrere del tempo nella natura e trovare il tempo per socializzare con gli altri. Inoltre, questo include limitare le abitudini malsane come il consumo di alcol, il fumo, l'eccesso di cibo o la mancanza di cibo. Fare queste cose può anche aiutarti a dormire meglio la notte.

Dopo aver perso una persona cara, potresti sentirti completamente sopraffatto e non avere il controllo. È importante ricordare che non dovresti provare a fare tutto in una volta. Il SSN osserva che la definizione di piccoli obiettivi che puoi facilmente raggiungere è il modo migliore per andare avanti.

“Non concentrarti sulle cose che non puoi cambiare, concentra il tuo tempo e le tue energie per aiutarti a sentirti meglio. Cerca di non dire a te stesso che sei solo: la maggior parte delle persone si sente addolorata dopo una perdita e il supporto è disponibile", scrive il NHS.

"Cerca di non usare alcol, sigarette, gioco d'azzardo o droghe per alleviare il dolore: tutti questi possono contribuire a una cattiva salute mentale".

Di fronte a innumerevoli tragedie ed esperienze traumatiche, c'è bisogno di sperare che il futuro sia migliore e più luminoso; che c'è del buono rimasto nel mondo. Lo psicologo, sacerdote e autore pubblicato, il dottor Fraser Watts, ha detto in precedenza a Bored Panda che c'è una differenza tra speranza e ottimismo .

“L'ottimismo è più una questione di previsione. La speranza è più una questione di atteggiamento", ha spiegato la differenza tra i due concetti. Essere ottimisti nei momenti difficili è come ritirarsi "in un mondo fantastico".

Tuttavia, indipendentemente dalle circostanze, le persone possono rimanere positive e speranzose. In effetti, è un atteggiamento utile da avere. Anche se non esiste un modo facile o infallibile per mantenere viva la speranza quando tutto sembra oscuro e cupo.

“La pratica aiuta. Dipende da un lungo processo di coltivazione di una mentalità positiva. È utile essere chiari che la speranza non dipende dal credere che tutto andrà bene. È più un atto di volontà”, ha sottolineato il dottor Watts che la speranza non è solo illusioni sbiadite di sentirsi bene quando tutto è terribile. È qualcosa di molto, molto più profondo.

Questo è ciò che alcune persone hanno detto dopo aver letto la storia emotiva










Il post La madre in lutto è scioccata nello scoprire che la sua amica ha usato il nome della figlia defunta per il suo neonato è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)