“La droga non mi ha fatto nulla.” Simona Izzo, una lunga battaglia: esce solo ora

Simona Izzo, un'intervista esclusiva e la storia di una vita e delle sue cadute dolorose. Succede tutto sulle pagine di Ok Benessere e Salute, dove puoi imparare qualche dettaglio in più sul partner di Ricky Tognazzi e sulla sua determinazione nel poter affrontare momenti che nella loro delicatezza richiedevano tenacia e coraggio.

Un dolore subito dopo la nascita di suo figlio, che l'attrice racconta così: “'Mi fanno male i capelli', dice l'insoddisfatta borghese Giuliana, interpretata da Monica Vitti, nel Deserto Rosso di Michelangelo Antonioni. Quella battuta del film riassume perfettamente i feroci attacchi di emicrania che ho sofferto per trent'anni. Dolore intenso, di origine muscolo-tensiva, simile a una morsa d'acciaio che comprimeva la testa e rendeva il cuoio capelluto ipersensibile a qualsiasi stimolo ". (Continua a leggere dopo la foto.)

E aggiunge: “Non potevo nemmeno pettinarmi. Mi sentivo come se stessi vivendo con un elmo invisibile che mi ha strappato i capelli, causando colpi di scena dolorosi. Tutto ebbe inizio all'età di 23 anni, dopo la nascita di mio figlio Francesco e dopo mio marito Antonello, quando uno studente che stava suonando la chitarra, come l'avevo conosciuto, iniziò a essere colpito da un successo travolgente ". (Continua a leggere dopo la foto.)

Quindi un successo che non era previsto e la necessità di bilanciare le energie richieste senza trascurare i trattamenti: “Ognuno reagisce a modo suo. E ho avuto la mia prima crisi di emicrania. Ho divorziato nel 1978, a soli 28 anni, ma il mal di testa non ha lasciato andare. Con i suoi attacchi ciclici, ora era diventato un compagno di vita. Andava e veniva, segnando il mio umore che era estremamente fluttuante, al punto che ho ricevuto la diagnosi di sindrome bipolare subclinica. Grandi parole. Ma come non scivolare nella depressione quando non riesci nemmeno a passarti le dita tra i capelli e il dolore non ti dà tregua? ". (Continua a leggere dopo le foto.)

E nella vita dell'ex gieffina, anche l'amore ha avuto un impatto significativo, migliorando molti aspetti della vita: “Il miglioramento della mia salute è dovuto anche a Ricky, che ho incontrato a 33 anni e poi sposato a 40 anni. sempre io ero vicino, anche durante i famigerati attacchi, e mitigava non solo il mal di testa, ma soprattutto l'ansia che lo accompagnava. La sua sensibilità e resistenza mi hanno guarito più dei farmaci e capisco che niente di meglio della mano di un compagno che cerca il tuo prima di dormire può essere un balsamo per il dolore fisico ed esistenziale ".

"È finita". Salta la coppia super VIP italiana, l'annuncio è ufficiale: è lei a darlo

L'articolo "La droga non ha fatto nulla per me". Simona Izzo, una lunga battaglia: esce solo adesso dalla rivista Caffeina .

(Fonte: Caffeina)