La donna vede “il suo cane” nel cielo poche ore dopo la sua morte, altri condividono foto e storie simili

Quando i nostri amati animali domestici passano, cerchiamo qualsiasi segno, per quanto piccolo, che ci dica che si trovano in un posto migliore. Dopo tutto, anche i piccoli conforti ci aiutano quando siamo in lutto. Quando il cane di famiglia di 14 anni di Lucy Ledgeway, Sunny, è deceduto il 20 giugno, ha chiesto un segno che l'animale andava bene ovunque fosse ora.

Fu allora che la diciannovenne di York vide la sua faccia di Parson Russel Terrier tra le nuvole, poche ore dopo la sua morte. Lucy ha condiviso la foto delle nuvole su Twitter e il suo post è diventato virale, ottenendo oltre 100,9.000 Mi piace.

Tuttavia, Lucy non è l'unica persona che ha visto i suoi ex animali domestici in cielo: altri proprietari hanno condiviso le loro storie su Internet dopo aver visto i post di Lucy. Scorri verso il basso per vederli, cari Panda, e facci sapere nei commenti qui sotto se hai mai visto il viso di un amato animale domestico in natura o altrove. Scorri verso il basso per la chat di Bored Panda con il professor Kang Lee dell'Università di Toronto sul pareidolia, il fenomeno in cui le persone vedono volti o forme familiari in oggetti inanimati.

Maggiori informazioni: Twitter | Instagram | Youtube

Lucy vide la faccia del suo cane Sunny tra le nuvole poche ore dopo la sua morte

Crediti immagine: LLedgeway

Questo è soleggiato. Aveva 14 anni quando è morta

Crediti immagine: LLedgeway

Ecco la foto che Lucy ha fatto della faccia del suo cane tra le nuvole

Crediti immagine: LLedgeway

Questa è Lucy e Sunny insieme. Guarda quanto sono felici!

Crediti immagine: LLedgeway

Quando Sunny apparve a Lucy, la donna era seduta nello stesso seggiolino dove il cane aveva subito un attacco e morì poche ore prima. Le nuvole si formarono sul viso del cane proprio mentre Lucy e il suo ragazzo stavano superando Clifton Ings dove Sunny andava a fare passeggiate.

Lucy disse che rideva tra sé e pensava "quella è la mia ragazza" quando vide la faccia di Sunny. Ha detto che sapeva che il suo cane stava facendo sapere alla famiglia che stava bene.

Secondo Lucy, il suo ragazzo non riusciva a credere a quello che vedevano entrambi. Ha aggiunto che è stato un momento speciale che faranno sempre tesoro.

Le persone hanno reagito al post di Lucy raccontando storie simili sui loro animali domestici

Crediti immagine: callmetitch

Crediti immagine: w_chitty

Crediti immagine: Clare_Louise33

Crediti immagine: XOXOJenny510

Crediti immagine: tayluhh21

Crediti immagine: Errca_xoxo

Crediti immagine: CamToTheK

Crediti immagine: Amy___O

Crediti immagine: leah_lyman

Crediti immagine: ajbwfc86

Crediti immagine: serchez7

Crediti immagine: xgeorgiamw_

Crediti immagine: chloeeadeyx

Crediti immagine: SalBowes

Crediti immagine: Antiguamann

Crediti immagine: DanielleMolloyX

Panda annoiato voleva sapere se le persone stressate emotivamente avevano maggiori probabilità di vedere i volti dei loro animali domestici nell'ambiente. Secondo il professor Lee dell'Università di Toronto, non è a conoscenza di studi scientifici sul fatto che esperienze traumatiche o emotive rendano le persone più propense a vedere facce dove non ce ne sono. Tuttavia, ha aggiunto che questa potrebbe essere una linea di studio futura.

Il professor Lee ha affermato che "essere in grado di rimuginare su un individuo morto ha un effetto positivo". Ha aggiunto che i proprietari che vedono le facce dei loro animali domestici dappertutto è molto probabilmente un indicatore "di una sorta di stato mentale come lutto o ansia".

In una precedente intervista con Bored Panda, il professor Lee ha spiegato che la pareidolia suggerisce che i nostri cervelli sono molto sensibili e si aspettano di incontrare oggetti nei nostri ambienti che sono biologicamente o socialmente importanti per noi.

Ha aggiunto: “Per alcune persone, l'aspettativa della loro corteccia frontale per determinati oggetti (ad esempio, i volti) diventa così elevata che vedono i volti in molte situazioni in cui non esistono volti. Anche in questo tipo di situazione, è normale. Non c'è niente di sbagliato in questi individui. "

Il professor Lee ha continuato: “La pareidolia è diversa dalla paranoia o dall'illusione o dalla visione anormale degli individui con psicosi. In effetti, uno studio recente mostra che le persone con pareidolia tendono ad essere più creative. Inoltre, le persone religiose potrebbero essere in grado di vedere icone religiose anche in oggetti non facciali. "

(Fonte: Bored Panda)

Commenta su Facebook