Kristen Stewart ha discusso se i personaggi gay debbano essere interpretati solo da attori gay

Kristen Stewart si è presa una pausa dai suoi film francesi indipendenti per recitare nella nuova commedia natalizia queer, Happiest Season . Nel film, il personaggio di Kristen è costretto a recitare direttamente durante le vacanze quando la sua ragazza la porta a casa e le fa sapere che non è uscita dalla sua famiglia. Lo so, non l'abbiamo mai visto prima. Mentre collegava il film a Variety , a Kristen è stato chiesto di pensare se gli attori queer dovrebbero essere quelli che interpretano personaggi queer (dopo così tanti anni di eterosessuali "coraggiosamente" interpretati da gay).

Questo era il suo saggio di una risposta, tramite Variety:

Ci penso tutto il tempo. Essendo qualcuno che ha avuto così tanto accesso al lavoro, ho vissuto con una tale abbondanza creativa. Sai, una giovane ragazza bianca che era eterosessuale e solo dopo è stata davvero gay ed è, tipo, magra – sai cosa sto dicendo? Riconosco quindi che ho appena iniziato a lavorare .

Non vorrei mai raccontare una storia che dovrebbe davvero essere raccontata da qualcuno che ha vissuto quell'esperienza. Detto questo, è una conversazione scivolosa perché significa che non potrei mai interpretare un altro personaggio etero se tengo tutti alla lettera di questa particolare legge. Penso che sia un'area così grigia. Ci sono modi per gli uomini di raccontare storie di donne o modi per le donne di raccontare storie di uomini. Ma dobbiamo avere il polso del polso e davvero preoccuparci. Sai dove ti è permesso. Voglio dire, se stai raccontando una storia su una comunità e non ti dà il benvenuto, allora vaffanculo. Ma se lo sono, e tu stai diventando un alleato e una parte di esso e c'è qualcosa che ti ha portato lì in primo luogo che ti rende dotato in modo unico di una prospettiva che potrebbe valere la pena, non c'è niente di sbagliato nell'apprendere l'uno dell'altro. E quindi aiutandosi a vicenda a raccontare storie. Quindi non ho una risposta sicura per questo.

Whew! Quindi … sta dicendo … è una zona grigia? E dovremmo preoccuparci? Kristen riconosce anche che la sua co-protagonista, Mackenzie Davis , non è gay:

Dirò, Mackenzie non è qualcuno che si identifica come lesbica. Era l' unica persona nella mia mente che avrebbe potuto giocare a questo con me. A volte, ad arte, sei solo attratto da un certo gruppo di persone. Potrei difenderlo, ma sono sicuro che qualcuno con una prospettiva diversa potrebbe farmi sentire male per questo – e poi farmi rinnegare su tutto ciò che ho appena detto. Riconosco il mondo in cui viviamo. E non vorrei assolutamente sfruttare l'opportunità di qualcun altro per farlo – mi sentirei malissimo per questo.

Quindi la mia risposta è fottutamente pensare a quello che stai facendo! E non fare lo stronzo.

Mackenzie Davis ha anche recitato in “San Junipero” di Black Mirror , quell'ep sulle lesbiche degli anni Ottanta sfortunate. Quindi, come Cate Blanchett, Rachel Weisz e Natasha Lyonne prima di lei, potrebbe fare una campagna per diventare la prossima icona queer non queer . E a proposito di But I'm a A Cheerleader, Natasha Lyonne, leggendaria lesbica del cinema e della televisione, Clea DuVall, ha diretto e co-sceneggiato Happiest Season . Il personaggio di Kristen è basato su di lei. Anche gli attori gay Dan Levy e Victor Garber sono co-protagonisti.

La stagione più felice esce domani su Hulu e la guarderò sicuramente. Adoro una buona storia di coming out. Da adolescente, erano i miei preferiti da Blockbuster. Soprattutto quelli canadesi: Mambo Italiano, CRAZY, Better Than Chocolate e quello in cui Kyle McLachlan interpreta Cary Grant . E per quanto riguarda la risposta ufficiale di Kristen " pensa a quello che stai facendo" sugli eterosessuali che giocano con i gay, questo è un buon consiglio. Penso che l'abbiamo detto tutti alla persona che ha preso la decisione di sceglierla come Principessa Diana.

Pic: YouTube