Kerry Washington: “C’era una donna sul set. Eravamo insilati “

B7312_201805_19_122125_0001

Kerry Washington copre l'ultimo numero di Porter per promuovere la sua serie limitata Hulu, Little Fires Everywhere (in uscita il 18 marzo). Mi piace e ammiro Kerry, ma di solito la trovo una specie di intervista noiosa? È troppo "insieme" e può chiaramente delineare tra la sua vita professionale e la vita personale, il che significa che non è un disastro e non deve passare intere interviste cercando di scusarsi per un po 'di cose o spiegare come uscire da nulla. Detto questo, dice di essere la madre di TRE, come ha detto prima, e non credo che nessuno sappia di cosa stia parlando. Ha dato alla luce due bambini e immagino che lei e suo marito abbiano adottato un terzo? Ma tutto ciò che dirà è che ha tre figli. Ad ogni modo, puoi leggere l'intervista completa qui . Alcuni punti salienti:

Ho frequentato la Spence Academy dopo essere cresciuto nel Bronx: “Ricordo distintamente di aver avuto 12 o 13 anni e di essere passato dal mio quartiere nel Bronx a una scuola d'elite molto elegante. Vedendo le case degli altri, ricordo di aver capito che c'era un "altro mondo" e di sentirmi sopraffatto, arrabbiato, ispirato, felice e tradito allo stesso tempo. Pensando: "Perché nessuno che conosco vive così?" O, più ancora, "Perché nessuno che assomiglia a me vive così?" Gran parte del nostro mandato alla [mia società di produzione] Simpson Street è centrare l'alterità e ricordare davvero a noi stessi e agli altri che i protagonisti assomigliano a tutti noi – che chiunque può essere l'eroe della propria storia e della propria vita. ”

Su Reese Witherspoon: “È semplicemente fantastica e una grande amica. Il tipo di ragazza che, quando ti chiede come stai, puoi dire che si preoccupa davvero della risposta. Ho un grande rispetto per lei, non solo come amica, ma come qualcuno che ha la sua compagnia di produzione. Era così disposta a condividere i suoi errori e quello che aveva imparato. "

Working on Time's Up: “Una cosa di cui molti di noi hanno parlato è questa idea che, a causa dello squilibrio del potere e della delineazione di chi diventa protagonista, così spesso nella nostra carriera, c'era una donna sul set . Eravamo insilati. E così ci dissero l'un l'altro. E la storia era spesso: "È difficile. Lei ha bisogno. Lei è pazza. Lei è imprevedibile. È una diva. Ora parliamo, lavoriamo insieme e sappiamo che non è vero. Anche con Little Fires Everywhere, affronta le sfumature della femminilità e della maternità, indipendentemente dall'identità esteriore. "

Una madre di tre figli : Washington è una madre di tre figli, con il marito Nnamdi Asomugha, sebbene mantenga la sua relazione e i suoi figli nascosti. “Man mano che sono cresciuto e più noto, ho perso parte del mio anonimato, quindi sono diventato più limitato nei miei rapporti con le persone. Ho l'attrazione di un artista, in cui ami la tua vita privata e ami le persone che ami, ami i tuoi figli e ami anche la tua arte. ”

Se lei vuole interpretare un ruolo più “leggero”: “Anche fare una commedia di Nora Ephron, perché io sono nero, è politico e significa qualcosa. Il che è OK per me perché sono felice di fare quel lavoro. Penso che la cosa interessante sia che, come donna di colore, ogni volta che mi metto al centro della storia, è un atto politico, che io lo voglia o no ”.

[Da Porter]

Ha anche detto che era importante per lei trovare scrittori di diverse razze e background per l'adattamento di Little Fires, ma tutti dovevano "amare gli anni '90 tanto quanto noi!" Il che è divertente per me: la serie si svolge negli anni '90 e mi aspetto pienamente di avere un po 'di nostalgia degli anni '90 mentre la guardo. Trovo che la conversazione "insensata" sia la parte più interessante di questo pezzo, ed è vera al 100%, specialmente a Hollywood ma anche in altri settori. Time's Up avrebbe dovuto cambiare il modo in cui le donne venivano trattate a Hollywood, ma alla fine iniziò conversazioni così enormi all'interno delle donne di Hollywood nel loro insieme. Inoltre: mi sento come se Reese e Kerry probabilmente avessero avuto delle conversazioni scomode sul privilegio, vero? E penso che sia quello che stava dicendo Kerry: dare a Reese il merito di essere aperto a quelle conversazioni e di cercare di essere migliore.

Kerry Washington arriva al Vanity Fair Oscar Party 2020 tenutosi al Wallis Annenberg Center per ...

Copertina per gentile concessione di Porter, foto aggiuntive per gentile concessione di WENN.

B7312_201805_19_122125_0001
Kerry Washington arriva al Vanity Fair Oscar Party 2020 tenutosi al Wallis Annenberg Center per ...
2020 Vanity Fair Oscar Party

Commenta su Facebook