Jonathan Rhys Meyers e sua moglie hanno cavalcato su un aereo che è stato beccato per trasportare 5.000 piante in vaso

Bene, almeno la leggenda del MESS Jonathan Rhys Meyers ha imparato una lezione nel corso degli anni. A quanto pare non vola più commerciale . Purtroppo però, la sua decisione di prendere un passaggio su un jet privato con l'erede miliardario greco di un impero in bottiglia della Coca Cola, Alki David , e il partner di Alki in una società di CBD e l'erede di Dish Network, Chase Ergon , ha portato alla moglie Mara Lane , e sua suocera che cercava cavità ha cercato all'aeroporto di St. Kitts. Secondo il Daily Mail , Alki e Chase sono stati " accusati di portare a bordo 1,3 milioni di dollari di cannabis ". Jonathan con la sua piccola penna subdolo non sembra più così male!

La nazione caraibica di St. Kitts e Nevis ha deciso di legalizzare la marijuana, ma il disegno di legge non è ancora passato. Desiderosi di espandere il proprio business nel CBD, i miliardari hanno deciso di andare avanti e iniziare indipendentemente.

David, 50 anni, e Chase Ergen, erede della fortuna del satellite, hanno trasportato circa 5.000 piante di cannabis come parte della loro nuova attività per "sviluppare attività legali di cannabis nella regione".

Ma sono stati messi da parte dai funzionari doganali dopo lo sbarco e hanno detto di essere stati trattenuti per otto ore prima di essere rilasciati e poi arrestati mentre cercavano di lasciare l'isola qualche giorno dopo.

Alki ha dichiarato a The Mail che la suocera e la moglie di " Jonathan Rhys Meyers" sono state perquisite. Abbiamo lasciato l'aeroporto dopo la perquisizione ma sono stati arrestati dopo aver cercato di lasciare l'isola qualche giorno dopo.

Alki è stato rilasciato dopo aver pagato una cauzione di $ 30.000 e gli è stato ordinato di consegnare tutti i documenti di viaggio. Tornerà oggi.

Chase ha ancora più problemi. Quando è stato arrestato hanno trovato la ketamina, che sostiene essere un trattamento medicinale del disturbo bipolare. Chase è ancora seduto in prigione, che non capita MAI ai miliardari di nome Chase!

Dal momento che Chase non è in grado di venire al telefono in questo momento, Alki sta facendo tutti i discorsi per entrambi. E sta facendo un fottuto casino incazzando la gente del posto e il governo. Non solo aveva il coraggio di mandare un comunicato stampa prima ancora che arrivassero ad annunciare i suoi piani per rendere i Caraibi orientali " la Silicon Valley della cannabis, Wall Street, Hollywood. ", Ma dopo il suo arresto ha" utilizzato le sue piattaforme di social media per rilasciare alcuni brevi video clip di se stesso che dirigeva le minacce verso il primo ministro Harris ". Apparentemente i ragazzi avevano lavorato con il capo dell'opposizione del PM Harris, l'ex primo ministro Denzil Douglas .

Le sue osservazioni hanno condotto un gruppo di locali chiamati " Cittadini preoccupati di St. Kitts e Nevis " per condannarlo pubblicamente. E il primo ministro Harris è molto arrabbiato. Con una buona ragione

Il primo ministro Harris ha affermato con fermezza che "ai non cittadini non sarebbe permesso di ottenere vantaggi rispetto ai cittadini della nostra Federazione mentre ci accingevamo a costruire un'industria della marijuana".

In un caso, Alki David ha detto con un pugno chiuso, "Mr. Harris, PM, avrai un fisting. "Aggiunse," Letteralmente un fisting legale come nessun altro. "

Probabilmente non sarai sorpreso di sapere che Alki ha recentemente dovuto pagare $ 11 milioni dopo aver perso una causa per molestie sessuali. Alki afferma che tutto ciò che ha fatto è stato perfettamente legale. Ma secondo The St. Kitts Nevis Observer , un sacco di persone lo hanno avvertito che avrebbero corso in contrasto con la legge. Pensi che Alki faccia una cazzata sulle leggi delle persone povere?

Nel frattempo, sembra che la ricerca della cavità sia stata rapidamente dimenticata da Mara. Per fortuna non ha preso un tampone dal bagno sul jet. Probabilmente era cucita con erba e ketamina. Sai, per i crampi!

Poor Uncle Chase. Resta lì, amico.

Pic: Wenn.com

Commenta su Facebook