Jeff Goldblum è ora anche un musicista jazz più venduto

Immagini universali

Jeff Goldblum: che cosa farà dopo? Che si tratti delle sue consegne in stile cantilenante o dei suoi gesti alieni al confine, non si sa mai cosa aspettarsi attimo dopo attimo. Quindi, ecco un altro shock a sinistra: Goldblum può aggiungere "il musicista jazz più venduto" a un CV che include già "attore acclamato", "guru della moda maschile" e "uomo raro e vecchio e delicato che tutte le donne che lo conoscono non trovare in qualche modo raccapricciante. " Perché certo che può. Goldblum è così imprevedibile che le notizie impossibilmente casuali sono di per sé prevedibili.

Ora, il mondo sapeva già di avere un album jazz , intitolato The Capitol Studios Sessions , attribuito a Jeff Goldblum e The Mildred Snitzer Orchestra. Ma secondo The Hollywood Reporter , il disco, uscito il 9 novembre, è appena salito in cima alle classifiche: la classifica dei tabelloni tradizionali degli album jazz.

Certo, è un po 'una vittoria di Pirro. Jazz nel 2018 non vende come nel 1964 – l'anno di Empyrean Isles di Herbie Hancock, che contiene "Cantaloupe Island", il classico che dà il via a Goldblum e al suo album di debutto. Vale a dire che Sessions ha finora spostato solo 3.000 unità – da nessuna parte vicino alla colonna sonora di A Star is Born di Lady Gaga , anche se non è qualcosa da starnutire in un'epoca in cui nessuno compra la musica comunque. (Buon momento per notare che il disco risiede su Spotify?)

Sessions è un album dal vivo, con Thor: Ragnarok sceneggiatore-pianista al pianoforte, che propone tradizionali e retrò standard jazz, come "Straighten Up and Fly Right" di Nat King Cole e cover jazz di Nina Simone e Marvin Gaye. . C'è anche una discreta quantità di commenti e discorsi progressivi di Goldblum (con la cantante ospite Sarah Silverman!) Sui cambiamenti climatici e sui riferimenti a Jurassic Park , anche se non abbastanza da rovinare l'atmosfera o scalzare i suoi colleghi musicisti.

Goldblum ha detto a Billboard a settembre che voleva che evocasse un'era "quando il jazz era musica divertente, sociale, sexy, invece di qualcosa di un po 'più esoterico".

Puoi vedere i video della band che suona la traccia da nubile dell'album, con l'attore – che inspiegabilmente non ha vinto un Oscar per la sua devastante (e vomitevolmente grossolana) svolta nel remake di " The Fly" del 1986 di David Cronenberg – in gran parte trasformato in i suoi membri meno conosciuti della band, tutti mentre facevano gesti e gesti altamente goldblumiani.

(Via THR )

( Fonte )

Commenta su Facebook