Il libero professionista si adegua maliziosamente alla politica della scheda attività aziendale, finisce per ottenere una paga maggiore del previsto

A volte al lavoro, non fai ogni singola cosa dal libro e non usi scorciatoie o semplicemente sai che il tuo modo di fare le cose è solo più efficiente e più semplice. Fino a quando qualcuno non ti dice di farlo come dovresti, ma questa è un'occasione perfetta per mostrare perché la tua strada è migliore. Oppure potrebbe succedere qualcos'altro di inaspettato.

Come per l'utente di Reddit icydee , che aveva il suo modo di compilare le schede attività solo per comodità di tutti e per risparmiare tempo perché lavorava ore dispari e decise che compilare quelle solite era il modo migliore per farlo. Quando a icydee è stato chiesto di riferire su ogni ora trascorsa a lavorare e sulle pause, si è reso conto che il tempo extra per compilare le schede attività ha davvero pagato quando ha ricevuto l'assegno.

Maggiori informazioni: Reddit

Un libero professionista ha firmato un contratto molto vantaggioso che, alla fine, ha portato il 40 percento in più di stipendio solo per aver riempito le ore esatte in cui ha lavorato

Crediti immagine: Michael Coghlan (non la foto reale)

Malicious Compliance è un subreddit in cui le persone raccontano storie di "conformità alla lettera, ma non allo spirito, di una richiesta".

Molto spesso queste storie raccontano di persone che fanno tutto ciò che gli è stato detto esattamente dal libro perché sanno che porterà il caos o almeno causerà disagi a qualcuno che ha chiesto loro di fare qualcosa che sentivano di non dover fare.

Il libero professionista lavorava da casa, quindi doveva compilare le schede attività in modo che il cliente sapesse quanto stava lavorando

Il libero professionista metteva sempre le 09:00 – 17:30 indipendentemente dalle ore lavorate a causa del formato della scheda attività

Crediti immagine: icydee

Pochi giorni fa, sul subreddit è emersa una storia diversa e alla gente è piaciuta molto perché ha avuto un lieto fine, come la maggior parte delle storie di compliance dannose, ma questo è stato eccezionale in quanto il poster della storia non sapeva cosa fosse un risultato piacevole che avrebbe ottenuto facendo ciò che gli veniva chiesto.

Il protagonista della storia è Iain C Docherty, 65 anni del Regno Unito, che lavora come consulente informatico freelance da 30 anni. Bored Panda si è messo in contatto con il redditor e ci ha raccontato di avere un contratto fino a marzo 2020, quando ha assunto un lavoro a tempo pieno a causa "del modo in cui il mercato contrattuale è stato influenzato dai cambiamenti legislativi negli ultimi anni". E ora ha intenzione di andare in pensione nei prossimi 12 mesi. La storia che ha raccontato su Reddit è avvenuta circa 10 anni fa.

L'utente di Reddit Iain ha ottenuto un contratto da un cliente che avrebbe garantito sei mesi di lavoro. Poiché poteva lavorare da casa ed era un libero professionista, i suoi orari di lavoro non erano standard; tuttavia, Iain ha dovuto compilare una scheda attività per mostrare quanto ha lavorato.

Apparentemente, la scheda attività era una seccatura da compilare se voleva mostrare tutte le ore di lavoro e le pause che aveva effettivamente, quindi il libero professionista ha deciso di inserire orari regolari dalle 09:00 alle 17:30 poiché sapeva di si metteva al lavoro.

Tuttavia, dopo qualche tempo, il cliente ha richiesto che le schede attività fossero più dettagliate, ma ciò ha causato un lavoro non necessario

Crediti immagine: icydee

All'improvviso, il rappresentante del cliente voleva che il libero professionista registrasse le ore di lavoro in modo più dettagliato. Questo non è stato un grosso problema per Iain, perché lo ha fatto comunque, ma significava che le schede dei tempi sarebbero state un disastro. L'uomo ci ha informato che questa richiesta è stata fatta quando mancavano solo sei settimane di contratto.

Si è scoperto che valeva la pena compilarli con precisione, poiché il contratto prometteva una paga giornaliera indipendentemente dalle ore effettive trascorse a lavorare

Crediti immagine: icydee

Iain ha comunque rispettato la richiesta e, a quanto pare, avrebbe dovuto iniziare a farlo prima poiché il tempo extra dedicato a compilare la scheda attività esattamente come stava lavorando è stato ripagato poiché è stato pagato il 40% in più per quelle sei settimane di quanto si aspettasse. Ci ha detto che se ne è accorto solo dopo che il contratto era scaduto e stava controllando le sue finanze e ha visto che l'importo era di £ 2.500 ($ 3.500) più grande.

Il poster della storia spiegava che nel contratto era affermato che non importava per quanto tempo avrebbe lavorato in un giorno, sarebbe stato comunque pagato lo stesso importo per ogni giorno. Iain è andato più nel dettaglio: “l'agenzia ha fornito il contratto che mi ha assicurato una tariffa giornaliera indipendentemente dal numero di ore lavorate, 1 o 10. Altri contratti con altre agenzie prevedono una tariffa giornaliera per qualsiasi numero di ore oltre le 8 ore , ma pro-rata per meno di 8 ore, quindi questo 'problema' non si sarebbe verificato.”

Poiché Iain a volte trasferiva il suo lavoro nei fine settimana e doveva registrare tutto ciò nelle schede attività, questo lo portava a essere pagato di più.

Il libero professionista ha rivelato di non aver mai sentito nulla dal cliente finale dopo la fine del suo contratto. Inoltre, suppone "che il budget [della società] che avevano approvato per il mio contratto di sei mesi sia stato superato, ma a quel punto era troppo tardi".

Cosa ne pensi di questa conformità dannosa leggermente diversa e accidentale? Cosa avresti fatto nei panni di Icydee? Forse hai una storia simile? Condividi i tuoi pensieri nei commenti!

Il post originale è stato modificato per motivi di chiarezza, quindi se desideri vedere la storia completa, puoi fare clic qui .

Ecco alcune delle reazioni che le persone hanno espresso nei commenti sotto la storia

Il post Freelancer rispetta maliziosamente la politica del timesheet aziendale, finisce per ottenere una paga maggiore del previsto è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)