Il gruppo FB “Stop The Steal” con 64k fan cambia improvvisamente nome in “Gay Communists For Socialism”, ilarità segue

Qual è la somiglianza tra i sostenitori accaniti del presidente Donald Trump e i socialisti omosessuali? Se pensi che sia l'inizio di uno scherzo molto strano, non lo è. Un gruppo Facebook chiamato "Stop the Steal" ha accumulato 64k membri e poi ha cambiato il suo nome in "Gay Communists for Socialism".

Come puoi immaginare, questo scherzo ha reso confusi e arrabbiati molti sostenitori di Trump che sono stati attirati nel gruppo. Scorri verso il basso per vedere le loro reazioni. Ricorda, cari Panda, qualunque candidato sostieni, mantienilo civile nella sezione dei commenti.

Il gruppo "Stop the Steal" è stato creato da un gruppo di persone amanti degli scherzi che volevano prendere in giro l'affermazione secondo cui Trump e alcuni dei suoi sostenitori stanno sostenendo che il presidente eletto degli Stati Uniti, Joe Biden, avrebbe presumibilmente "rubato". ' l'elezione.

Un gruppo di Facebook chiamato 'Stop the Steal' che era presumibilmente pro-Trump ha trollato i sostenitori del presidente cambiando il nome della pagina

Ed ecco come alcuni dei membri del gruppo hanno reagito al cambiamento

Il gruppo ha attirato i sostenitori di Trump dopo che un gruppo simile con oltre 350mila membri è stato chiuso da Facebook per aver diffuso disinformazione. "Non avevamo idea che sarebbe decollato in questo modo o che avrebbe attirato tutte le persone incapaci come ha fatto quando abbiamo effettuato il passaggio", ha detto uno degli amministratori a The Guardian.

Se stai pensando che l'intera faccenda dei "comunisti gay per il socialismo" suona troppo strana per questo mondo, ricorda tre cose. Primo, i fatti sono sempre più strani della finzione. Secondo, dai un'occhiata a questo intero anno e dicci che non sono successe cose più strane.

E terzo, il noto sito di verifica dei fatti Snopes ha confermato che la pagina "Stop the Steal" è stata creata il 5 novembre e poi rimossa lo stesso giorno dopo il cambio di nome a causa di quanta retorica violenta riempiva il feed del gruppo.

Migliaia di sostenitori di Trump hanno lasciato il gruppo Facebook nelle prime ore dopo il cambio di nome. E dopo che Twitter ha saputo cosa stava succedendo, i sostenitori del candidato del Partito Democratico Biden si sono riversati nel gruppo per trollare i pro-Trumper. Alla fine, le cose sono sfuggite di mano. È probabile che gli amministratori della pagina abbiano utilizzato alias per proteggere le proprie identità reali.

Nel momento in cui scrivo, per quanto ne sanno i media, Trump non si è ancora congratulato con Biden per la sua vittoria. Trump e il suo team hanno in programma di intentare un'azione legale in diversi stati chiave lunedì, secondo la BBC. Hanno in programma di contestare i risultati delle elezioni lì. La campagna di Trump afferma che ci sono 'prove forti' che dimostrano brogli elettorali, ma finora non ha fornito le prove per questo.

Alcune persone pensavano che l'esca e il cambio fosse geniale

(Fonte: Bored Panda)