Il fratello chiama la sorella “sconsiderata” per aver voluto dare al futuro marito il loro cognome “molto unico”, segue un dramma familiare

Essere sposati significa qualcosa di diverso per ogni coppia. Per alcuni, inizia il primo capitolo della convivenza. Mentre per gli altri, non cambia praticamente nulla nella loro vita quotidiana, tranne per il fatto che hanno nuovi anelli lucenti sulle dita come simbolo del loro amore duraturo. Ma a parte i cambiamenti tangibili che arrivano quando una coppia si sposa, compreso un possibile trasloco o indossare un po' più di gioielli, c'è un altro cambiamento che molte coppie considerano: se condivideranno o meno lo stesso cognome.

Una donna fidanzata ha contattato Reddit chiedendole se avesse torto per aver pianificato di trasmettere il suo cognome al suo futuro marito, dopo aver appreso che suo fratello e suo padre non erano d'accordo con l'idea. Di seguito, puoi leggere la storia completa, così come alcune delle risposte che il suo post ha ricevuto, e farci sapere la tua opinione nei commenti. Se sei sposato o hai intenzione di esserlo ad un certo punto, ci piacerebbe sapere come hai gestito o intendi gestire la situazione del cognome, e poi se sei interessato a leggere un altro articolo di Bored Panda che discute del motivo per cui alcune donne scelgono di non prendere il loro cognome del marito, non guardare oltre qui .

Dopo aver affrontato l'opposizione dei suoi familiari, questa donna si chiede se abbia torto a pianificare di dare al suo fidanzato il suo cognome

Crediti immagine: Andre Furtado (non la foto reale)



Crediti immagine: Danny Doneo (non la foto reale)

In seguito ha pubblicato un aggiornamento sulla situazione



Crediti immagine: agirlhasnoname_2

In genere, quando una coppia sposata è composta da un uomo e una donna, la donna accetta di prendere il cognome del marito. In effetti, il 70% delle donne sposate negli Stati Uniti ha preso il cognome del marito e quasi il 90% delle donne sposate nel Regno Unito ha fatto lo stesso. Tuttavia, non ci sono regole reali quando si tratta di chi può prendere il nome di chi, e una moglie ha lo stesso diritto di condividere il suo cognome con il marito come il contrario. Solo perché ci si aspetta che la moglie cambi il suo nome (o aggiunga il nome del marito alla fine) non significa che ci sia qualcosa di sbagliato nel fare le cose in modo diverso.

La tradizione delle donne che assumono i nomi dei mariti risale all'XI secolo. Secondo Brides.com , in seguito alla conquista normanna, i Normanni introdussero l'idea della "copertura", ovvero l'idea che dopo essersi sposata una donna diventi un possedimento del marito. Per questo motivo l'identità di una donna sarebbe “coperta”, o sostanzialmente cancellata, dal marito, e non sarebbe più in grado di possedere proprietà o stipulare contratti propri. Non avrebbe quasi nessun diritto legale o finanziario, compresi i suoi figli. Alla fine, queste pratiche di copertura sono diventate obsolete, ma l'aspettativa della società che una moglie prendesse il cognome del marito è persistita. Anche 60 anni fa, le donne sposate non potevano ottenere passaporti, patenti di guida o registrarsi per votare a meno che non usassero il cognome del marito. Quindi, se hai sempre pensato che una donna dovrebbe prendere il nome di un uomo "fuori dalla tradizione", potrebbe essere interessante sapere che tipo di tradizioni stai sostenendo. Potresti non essere d'accordo con loro dopo tutto.

Mentre storie come questa, in cui l'uomo decide di prendere il cognome della moglie, sono molto meno comuni, accadono. Circa il 3% degli uomini sposati ha cambiato il proprio cognome in quello della moglie. Tuttavia, questa decisione spesso arriva con un po' di stigma, poiché le persone tendono a non capire le persone che prendono decisioni controcorrente. Per spiegare perché questa era la scelta giusta per se stesso, e forse per molte altre coppie, un uomo, Sean Michael Wellington, ha scritto un pezzo per Essence su come ha preso il cognome di sua moglie.

Sean ha spiegato di non aver mai preso in considerazione l'idea fino a quando non ha sentito che il marito dell'attrice Zoe Saldana aveva preso il suo cognome dopo essersi sposati nel 2015. Ciò ha acceso un'idea dentro di lui e, sebbene fosse orgoglioso del proprio cognome, lo sapeva sua moglie aveva solo sorelle e che nessuno avrebbe trasmesso il proprio cognome se ciascuna di loro avesse deciso di prendere i nomi dei propri mariti. Ha anche notato di aver preso il nome per rispetto di suo suocero, sopravvissuto al famigerato incidente ferroviario di Kendall in Giamaica oltre 50 anni fa. “Se non avesse avuto la capacità di recupero e la fortuna di sopravvivere a questo terribile incidente, non avrei Simone nella mia vita. Per me, assumere il cognome Wellington è un piccolo gesto di rispetto", ha spiegato Sean.

Oggigiorno, è importante che le coppie prendano decisioni da sole, non per placare la società oi loro parenti. Se ha più senso per loro condividere il cognome della moglie, più potere per loro. Non c'è bisogno che ci preoccupiamo di ciò che è più comune o di ciò che ci si aspetta, soprattutto quando ci sono molte coppie là fuori composte da due mariti o due mogli. Non dovrebbero sentirsi spinti a prendere il cognome di una persona specifica, e nemmeno nessun altro. Ci piacerebbe sentire i tuoi pensieri su questa storia nei commenti e, se sei sposato o hai intenzione di diventarlo presto, sentiti libero di condividere come tu e il tuo partner avete risolto la situazione del cognome.

Molti lettori hanno assicurato alla donna che non ha fatto nulla di male, concordando sul fatto che è sessista presumere che debba prendere il nome del marito










Il post Il fratello chiama la sorella "sconsiderata" per aver voluto dare al futuro marito il loro cognome "molto unico", Family Drama Ensues è apparso per la prima volta su Bored Panda .

(Fonte: Bored Panda)