Il coronavirus non si ferma, nuovo record di contagi in Italia: “Non è un giorno felice”

Il coronavirus continua a galoppare in Italia. Ci sono 37.809 nuovi casi di covid-19 nel nostro paese oggi. Secondo il bollettino diffuso dal ministero della Salute, nelle ultime ore si sono registrati altri 446 decessi, portando il totale a 40.638 dall'inizio dell'emergenza legata all'epidemia.

Record anche per i tamponi, 234.245 (quasi 15mila in più rispetto a ieri, quando erano 219.884), ma il rapporto positivo / tampone sale ancora al 16,14% contro il 15,69% di 24 ore fa. Crescono anche i ricoveri in terapia intensiva, +124 (ieri +99), che ora sono 2.515 in totale, mentre i ricoveri ordinari sono in più 749 (ieri 1.140), per un totale di 24.005. (Continua a leggere dopo la foto)

Ci sono 472.598 persone in isolamento domestico. La Lombardia è la regione con il maggior numero di casi nelle ultime 24 ore. La regione tocca 10mila contagi giornalieri (+9.934), poi Piemonte con +4.878), Campania con +4.508), Veneto (3.297), Lazio (2.699) e Toscana (2.592). “In Veneto stiamo entrando nella fase più critica, alcune province, Belluno e Treviso sono già critiche quanto qualche Ulss”, ha annunciato il presidente della Regione Luca Zaia durante il punto stampa. (Continua a leggere dopo la foto)

“Con mezzo piede siamo già in fase 4, quindi siamo nella fase di massima tensione negli ospedali. Entro la metà di novembre dovremmo raggiungere i 250-300 ricoveri in terapia intensiva ", ha sottolineato Zaia che ha poi sottolineato che" la fase 4 (Veneto) non prevede vincoli sociali, ma solo ospedale. Questa fase 4 non ha nulla a che fare con le zone gialle, arancioni e rosse stabilite dal governo su scala nazionale ”. (Continua a leggere dopo la foto)

{loadposition intext}

Oggi, con l'entrata in vigore dei provvedimenti del nuovo Dpcm, "non è un giorno felice, in particolare per molte zone del Paese ci sono cittadini costretti a un regime più restrittivo e penalizzante", con "misure che limitano la circolazione, rischio deprimendo tanti ristoratori, tanti operatori economici, pensiamo anche alle industrie collegate ". Ma il governo ha adottato "i riduttori di velocità, abbiamo un treno che sta funzionando e abbiamo già provato a fermarci", ma ora "se non ci fermiamo rischia di travolgerci. Non stiamo schiaffeggiando nessuno" e "non ci sono volontà di penalizzare zone a scapito di altre ”. Così il premier Giuseppe Conte, al Corriere della Sera food festival.

"Positivo per il coronavirus". Marco Carta, l'annuncio poco fa sui social: come sta il cantante

L'articolo Il coronavirus non si ferma, nuovo record di contagi in Italia: "Non è un giorno felice" arriva da Caffeina Magazine .

(Fonte: Caffeina)